Dopo la chimica, il nucleare, le biotecnologie ecco le nanotecnologie e la biologia sintetica.      
La biologia sintetica riunisce l’ingegneria e le “scienze della vita”: partendo dalle modificazioni di elementi e sistemi viventi per spingersi ancora oltre, fino a ri-progettare e costruire nuove parti biologiche, fino a ipotizzare la creazione di nuovi organismi nati in laboratorio non esistenti in natura.     
I biologi sintetici sono impegnati in una sorta di riprogettazione del vivente. Un’ingegneria sociale con lo scopo di ingegnerizzare o creare ex novo organismi con modalità e specificità precise: la creazione di batteri sintetici utilizzati come “sensori” di inquinanti, la creazione di microorganismi artificiali per la produzione di biocarburanti, plastica, farmaci, sostanze chimiche o altri composti di alto valore per le esigenze della Green Economy e per alimentare il tecno totalitarismo.

Manifesto degli scimpanzè del futuro. Contro il transumanesimo. Capitoli 1,2,3 – PMO

Pièces et Main d’Ouvre
www.piecesetmaindoeuvre.com

CAPITOLO 1
Edito da istrixistrix nel dicembre 2019
Testo in pdf da istrixistrix.noblogs.orghttps://istrixistrix.noblogs.org/files/2019/12/PMO-Manifesto-scimpanze%CC%81-futuro-1.pdf

CAPITOLO 2
Edito da istrixistrix nel dicembre 2019
Testo in pdf da istrixistrix.noblogs.org: https://istrixistrix.noblogs.org/files/2020/01/PMO-Manifesto-scimpanze%CC%81-futuro-2.pdf

CAPITOLO 3
Edito da istrixistrix nel febbraio 2020
Testo in pdf : https://istrixistrix.noblogs.org/files/2020/03/PMO-Manifesto-scimpanze%CC%81-futuro-3.pdf

Ringraziamo Cristiana Pivetti per i disegni

Fidatevi – Jacques Ellul

Fidatevi, Jacques Ellul
È ovvio, le centrali atomiche sono del tutto affidabili. È ovvio, i missili ammassati, i sottomarini e i razzi, le bombe al neutrone e quelle all’idrogeno, i prodotti tossici al di fuori della guerra, i fusti e i contenitori di scorie radioattive e diossina, i cumuli di piombo e mercurio, lo strato sempre più spesso di anidride carbonica, tutto ciò non è pericoloso. Non più, ci verrà detto, di quanto lo fossero i gas dell’illuminazione nel 1850 o le prime ferrovie.

Poveri imbecilli traditori del progresso che non siamo altro, non abbiamo capito nulla. Mai qualcuno farà l’ultima delle ultime guerre.

Mai affonderanno le petroliere da 500.000 tonnellate, né perforeranno in modo irreparabile a tremila metri le sonde offshore.

Mai l’ingegneria genetica devierà per produrre mostri o esseri perfettamente conformi al modello fissato.

Mai i tranquillanti, gli eccitanti, gli ansiolitici saranno una camicia di forza chimica generalizzata.

Mai cibi artificiali prodotti da agili batteri in azione andranno in putrefazione.

Mai l’informatica sarà strumento di una polizia universale.

Mai le telecamere poste sui viali saranno l’occhio che non si trova più nella tomba e che non è più di Dio.

Mai lo Stato diventerà totalitario.

Mai il gulag si espanderà.

Fidatevi.

Fidatevi quindi degli scienziati, dei laboratori, degli uomini di Stato, dei tecnici, degli amministratori, degli urbanisti, che vogliono tutti solo il bene dell’umanità, che tengono bene in pugno il dispositivo e conoscono la giusta direzione.

Fidatevi degli analisti, degli informatici, degli igienisti, degli economisti, dei guardiani della Città (oh Platone, adesso li abbiamo!).

Fidatevi, perché la vostra fiducia è indispensabile a questa stregoneria.

Jacques Ellul (1980)

Testo da: https://plagueandfire.noblogs.org/

Second international meeting: THREE DAYS AGAINST TECHNO-SCIENCES Italy, 24-25-26 July 2020

This year too,we are proposing an informal, convivial and international opportunity for discussion and reflection among individuals and organisations engaged in building an analysis and a critique of what we may call the technoworld. A world which is going through an epoch-making paradigm shift, where all bodies and our very experience have become one of the most important new raw materials. Engineering of the living and digital control are increasingly replacing a large part of the previous market of commodities, which are becoming obsolete. On a planet which has been plundered well beyond its biological limits, the re-designing through synthetic biology and artificial reproduction in a eugenic key of human beings and their management represents the new path forward. This of course for those who will be included in the new power arrangement, for the others no plans have emerged, or perhaps the fact that they have not been presented is already an answer in itself, they will certainly not be satisfied with merely marginalising a part of the world.
For those who ask where the current system, based on systematic exploitation of the planet, can find a way to reorganise itself, incorporating into its discourse the farce of sustainability, the answer lies in taking over human beings themselves: managed, influenced and addressed in their behaviour so that they themselves produce processes which can turn them into commodities. This is the true essence of green and sustainable policies to save the planet from so many catastrophes, of which climate catastrophe is only a part. Human beings who will soon be genetically edited in a process of ongoing perfectibility, where the body will be seen as a limit to be overcome, where what is human will be considered an error, and must therefore continuously adapt to a machine world. A techno-scientific adaptability which will become the only possibility. We can now seem how the cybernetic paradigm, according to which “the environment we live in has always been so radically modified that today we are forced to modify ourselves”, takes a material and dramatic shape.
One of the main motors of this process is so-called artificial intelligence, increasingly pervasive, which does not impose is will by force, but is moving into every sphere of our existence, without giving us time to understand where and when this process began, and especially makes it superfluous or impossible to understand its more profound processes.
In these months, we have been seeing how quickly the 5G network is being launched in the world, and how this merely represents the beginning of the overwhelming flow of the internet of commodified bodies. We have also seen in China the management and control of millions of people through the 5G network and other surveillance technologies, in order to handle the quickly spreading Coronavirus contagion. Control and management on such a vast scale has never before been seen o attempted. An experiment which closely involves the international scientific milieu, the one that wears a white smock over camouflage: never has such a huge laboratory been thought of before, and the old form of totalitarianism, in a large part of the world, is fading off to make way to soft control and management of bodies, more effective however than repression and barbed wire. As supporters of artificial intelligence and their transhumanist fans have repeatedly announced, the real strength and power of these technologies lies in the fact that they intervene in dealing with the new and most critical challenges the planet will be facing in the near future. We have become used to war as a model for reinforcing power and creating and managing new markets. Today, there is also something new: a cybernetic and transhumanist paradigm which expresses itself through algorithms, often leaving it to these to solve problems, something which is blended in the lab with surprising efficiency, where apps and prescriptions dressed up as suggestions sent by smartphone in China have turned millions of people into sanitary prison guards of themselves.
Around us, profound transformations need to be understood, the analyses we make with the usual interpretations are limited and reductive, they are not able to grasp today’s transformations, power evolves and so must our analyses: this is the basis for undertaking and assigning priorities to fight for. How can one fight something one does not know? What one cannot understand? There are fundamental epochal shifts going on, shifts we need to understand. We have to see in which direction power is moving, before it fully implements its projects, so we do not come too late, and especially so they do not find us once again unprepared.
It is with this spirit that we are organising this year a second meeting, scheduled for the month of July, in order to involve organisations and individuals from various countries already engaged in a profound and clear analysis of the present, and actively involved in opposition to the developments of techno-sciences. An involvement which may break the glass window of inevitability through which too many stare passively at the course of events. A meeting to reinforce critical thinking in discussion with other organisations and individuals, who may follow different paths, but share a common desire to understand what is going on around us.
We shall focus on smart cities, 5G networks, artificial intelligence, transhumanism, artificial reproduction of human beings, genetic engineering and redesigning of living beings through synthetic biology.


The programme, place of meeting and exact dates will be made known shortly.
Since this meeting is entirely self-organised and with very limited means, please help us spread this text wherever there may be listening ears and burning hearts, worried about the near future which is already our present.

Collettivo Resistenze al Nanomondo

For information and contact:
www.resistenzealnanomondo.org, info@resistenzealnanomondo.org


Pdf:

Secondo incontro internazionale: TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE Italia, 24-25-26 Luglio 2020

Secondo incontro internazionale:
TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE
Italia, 24-25-26 Luglio 2020

Anche quest’anno vogliamo proporre un momento informale, conviviale e internazionale di discussione e riflessione tra singoli individui e realtà impegnate a costruire un’analisi e una critica verso quello che si può definire il tecnomondo. Un mondo dove è in corso un’epocale cambio di paradigma, dove i corpi tutti e la nostra stessa esperienza sono diventati una delle maggiori e nuove materie prime. L’ingegnerizzazione del vivente e il controllo digitale vanno sempre più a sostituire gran parte del precedente mercato delle merci ormai fattosi obsoleto. In un pianeta saccheggiato ben oltre i suoi limiti di sopportazione biologici, la riprogettazione attraverso la biologia sintetica e la riproduzione artificiale in chiave eugenetica dell’umano e la gestione di questi rappresenta la nuova direzione. Ovviamente questo per coloro che resteranno inclusi nel nuovo assetto di potere, per i restanti non sono ancora evidenti piani o il fatto di non presentarli forse è già la risposta, sicuramente non si accontenteranno di marginalizzare una parte di mondo.
Chi si chiedeva dove il sistema attuale improntato sullo sfruttamento sistematico del pianeta avrebbe potuto trovare il modo per riorganizzarsi, integrando nel proprio discorso la farsa della sostenibilità, la risposta è nell’accaparramento degli stessi esseri umani: gestiti, influenzati e indirizzati nei loro comportamenti perché producano loro stessi processi atti a trasformarli in merci. Ecco svelata la vera essenza delle politiche verdi e sostenibili per salvare il pianeta dalle tante catastrofi, di cui quella climatica rappresenta solo una parte. Esseri umani che a breve si avvieranno a essere editati geneticamente in un processo di continua perfettibilità in cui il corpo verrà considerato un limite da superare, in cui l’umano sarà considerato l’errore e per questo dovrà continuamente adattarsi a un mondo macchina. Un’adattabilità tecnoscientifica che diventerà l’unica possibilità. Ecco svelato come il paradigma cibernetico per cui “si è sempre modificato l’ambiente in cui viviamo in modo così radicale che ora siamo costretti a modificare noi stessi”, prende concretamente e drammaticamente forma.
Uno dei principali motori di questi processi è la cosiddetta intelligenza artificiale, ormai sempre più pervasiva, che non impone con la forza il proprio volere, ma si sta trasferendo in ogni ambito della nostra esistenza senza darci il tempo di capire dove e quando questo processo è iniziato e soprattutto rendendo superfluo o impossibile capirla fino in fondo nei suoi processi più profondi.
Abbiamo visto in questi mesi con quale velocità si sta dando avvio alla rete 5G a livello mondiale e come questa rappresenta solo l’inizio della portata travolgente dell’internet dei corpi merce. Abbiamo visto anche in Cina la gestione e il controllo di milioni di persone grazie alla rete 5G e di altre tecnologie della sorveglianza per far fronte al travolgente contagio da Coronavirus. Un controllo e una gestione su così vasta scala non si era mai né visto né tentato prima. Un esperimento che interessa moltissimo il mondo scientifico internazionale, quello che veste il camice bianco sopra la mimetica: mai laboratorio fu ideato tanto grande e la vecchia forma di totalitarismo in gran parte del mondo sfuma per far posto ad un controllo ed a una gestione dolce dei corpi più efficacie della repressione e del filo spinato. Come del resto hanno annunciato più volte i fautori dell’intelligenza artificiale e i suoi sostenitori transumanisti, la vera forza e il potere di queste tecnologie è proprio quella di intervenire nelle nuove sfide più critiche che il pianeta si troverà ad affrontare nel prossimo futuro. Ci eravamo abituati alla guerra come modello di rafforzamento del potere e per la creazione e gestione di nuovi mercati. Oggi abbiamo di fronte anche qualcosa di nuovo: un paradigma cibernetico e transumanista che si esprime con gli algoritmi, lasciando spesso a loro la stessa risoluzione dei problemi, un qualcosa che si mescola in laboratorio con sorprendente efficienza dove app e prescrizioni travestite da consigli inviati via smartphon in Cina hanno trasformato milioni di persone in carcerieri sanitari di se stessi.
Attorno a noi profonde trasformazioni vanno comprese, le analisi portate avanti con le solite interpretazioni sono limitate e riduttive, non sono capaci di capire le trasformazioni di oggi, il potere evolve e anche le nostre analisi devono evolvere: questa è la base per intraprendere e dare priorità ad un percorso di lotta. Come fare a combattere ciò che non si conosce? Ciò che non si riesce a comprendere? Ci sono dei passaggi epocali fondamentali, dei passaggi che vanno capiti. Dobbiamo vedere qual’è la direzione del potere prima che realizzi pienamente i suoi progetti, per non arrivare troppo tardi e soprattutto per far sì che non ci trovino ancora una volta impreparati.
Con questo spirito quest’anno stiamo organizzando il secondo incontro per il mese di luglio, con la necessità di coinvolgere realtà e singoli individui provenienti da diversi paesi già impegnati in una approfondita e lucida analisi sul presente e attivi in percorsi di opposizione agli sviluppi delle tecnoscienze. Percorsi che possano infrangere il vetro di ineluttabilità da cui in troppi assistono passivi allo svolgersi degli eventi. Un incontro per rafforzare il proprio pensiero critico nel confronto con altre realtà e individualità, con percorsi anche differenti, ma con la comune volontà di comprendere le evoluzioni attorno a noi.
Ci focalizzeremo su smart city, rete 5G, intelligenza artificiale, transumanesimo, riproduzione artificiale dell’umano, ingegneria genetica e riprogettazione del vivente attraverso la biologia sintetica.

A breve il programma, il luogo dell’incontro e i giorni precisi.
Essendo un incontro completamente autorganizzato e con pochi mezzi a disposizione, vi chiediamo di aiutarci a far girare questo testo e a diffonderlo ovunque riteniate vi siano orecchie attente e cuori ardentemente inquieti per il prossimo futuro che è già il nostro presente.

Collettivo Resistenze al Nanomondo
Per informazioni e contatti:
www.resistenzealnanomondo.org, info@resistenzealnanomondo.org

Testo in pdf:

Francia – Conferenze-dibattiti: contro l’eugenetica tecnologica

Conferenze-dibattiti: contro l’eugenetica tecnologica

Tre dibattiti con Pièces et main d’œuvre

  • Venerdì 7 febbraio 2020 alle 20:00, presso il Centro A. Durruti a Montpellier (6 rue Henri René)
  • Sabato 8 febbraio alle 17.30 presso la Cimade de Béziers (14 rue de la Rotonde)
  • Venerdì 14 febbraio 2020 alle 20:00 a Bordeaux, a Samovar (18 rue Camille-Sauvageau)

Riproduzione artificiale, manipolazione genetica
Contro l’eugenetica tecnologica

Nel novembre 2018, il ricercatore cinese He Jiankui ha annunciato di aver prodotto due bambini geneticamente modificati. In Russia, il suo collega Denis Rebrikov è in attesa di autorizzazione da parte del Ministero della Salute per imitarlo. (Cfr. Le Monde , 8 gennaio 2020) In tutto il mondo, i laboratori genetici lavorano più o meno discretamente, con l’avvento del superuomo geneticamente modificato; in attesa dell’ennesima legge della “bioetica” per “inquadrare”, vale a dire legalizzare il fatto compiuto. Anche Le Monde diplomatiquedel gennaio 2020 è costretto ad allertare i suoi lettori in una pagina dedicata ai “ricchi geneticamente modificati”, sull’emergere di una disparità tra i “ricchi”, dotata di un genoma sano (anche “migliorato”), e “gruppi regionali, culturali e socio-economici – generalmente i più fragili. La soluzione per i tecno-progressisti nel mondo diplomatico risiede ovviamente nell’assunzione da parte delle assicurazioni sociali della riproduzione artificiale dell’essere umano (test e fecondazione in vitro): vale a dire l’eugenetica per tutti .

Chi dice prodotto, dice controllo qualità, miglioramento del prodotto e dei processi produttivi. Diagnosi pre-impianto, smistamento di gameti ed embrioni, sequenziamento genetico ad alto rendimento, quindi produzione di gameti artificiali ed embrioni geneticamente modificati: tutte queste innovazioni sono incluse nella legge “bioetica” in esame. Per sostituire la possibilità di generazione con la scelta delle caratteristiche dell’individuo a venire, tale è il progetto del transumanesimo che lo ha reso uno slogan – Dalla possibilità alla scelta – e l’eugenetica, il suo vero nome.

Pertanto, il “darwinismo sociale” denunciato in passato dalla sinistra in nome dell’uguaglianza, viene aggiornato grazie al “darwinismo tecnologico” che rivendica in nome della falsa uguaglianza. Come stabilito dallo storico André Pichot (Cfr . Società pura. Da Darwin a Hitler. Flammarion, 2000), lontano dall’eugenetica che minaccia le tecnologie con le sue “derive” fatali, è al contrario il motivo e il motore . È l’eugenetica, un razzismo derivante dai laboratori, che dà origine alla ricerca in genetica e “procreazione” al fine di realizzare i suoi progetti di “razza pura” e “superiore”.

Questo crimine contro l’umanità, che i suoi promotori mascherano in pseudo-egualitarismo ed emancipazione, si realizza attraverso la sua artificializzazione e la produzione di bambini in laboratorio. Ma il riscatto dell’emancipazione dei vivi e dei vincoli naturali è la sottomissione ai vincoli tecnici del mondo delle macchine e al potere dei macchinisti.

Chi vuole difendere la specie umana deve rifiutare l’appropriazione da parte di esperti biocrati del diritto naturale alla riproduzione sessuale, libero e gratuito, nonché della selezione e della modificazione genetica dell’uomo.

Questo è ciò che sarà discusso nel dibattito successivo alla presentazione.

Link in francese: http://www.piecesetmaindoeuvre.com/spip.php?page=resume&id_article=1247

Considerazioni intorno alla nuova legge francese di bioetica. È aperta la strada alla riproduzione artificiale dell’umano. Contro l’eugenetica e l’antropocidio riaffermiamo con forza l’indisponibilità dei corpi e del vivente.

Considerazioni intorno alla nuova legge francese di bioetica1
È aperta la strada alla riproduzione artificiale dell’umano.
Contro l’eugenetica e l’antropocidio riaffermiamo con forza l’indisponibilità dei corpi e del vivente.


«Il “diritto di avere un bambino” delle persone con una sterilità organica o dovuta all’avvelenamento chimico e industriale dell’ambiente, delle donne sole e delle coppie dello stesso sesso serve oggi come pretesto alla generalizzazione della riproduzione artificiale, asservita ai piani e processi degli scienziati eugenisti e transumanisti e diventata la nuova norma».2

Il 21 gennaio 2020 in Francia è stato approvato definitivamente al senato l’Art. 1 del progetto di legge sulla bioetica3 che riguarda le nuove norme per l’accesso alle tecniche di riproduzione artificiale. Tutto il mondo della sinistra, a parte rare eccezioni4 criticate e tacciate di essere omotransfobiche, lesbofobiche, fasciste e reazionarie, ha accolto questa legge con entusiasmo sotto il segno della libertà, ma la “PMA per tutti e tutte” non è un grido di libertà e autodeterminazione, è un futuro a cui potremmo essere tutti e tutte condannate. Siamo di fronte a dei passaggi epocali che vanno compresi nel loro pieno significato e per le loro conseguenze sull’intera umanità.
La retorica dell’uguaglianza per aver esteso le tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) alle coppie di lesbiche e alle donne sole maschera il reale significato di questa legge: la nuova legge apre il diritto alle tecniche di PMA, tra cui la fecondazione in vitro (FIV) con iniezione introcitoplasmatica (ICSI) dello spermatozoo, a tutte le donne aprendo definitivamente alla riproduzione artificiale dell’umano attraverso un processo che inizia con il tubo di plastica dell’inseminazione per terminare con la selezione genetica degli embrioni. “Tutte le donne” significa che qualsiasi coppia eterosessuale, comprese le coppie fertili, può avere libero accesso alle tecniche di riproduzione artificiale.
Il nuovo testo rimuove la condizione di infertilità patologica, leggiamo come è stato formulato il nuovo articolo: «La procreazione medicalmente assistita intende rispondere a un progetto parentale. Qualsiasi coppia composta da un uomo e una donna o due donne o qualsiasi donna non sposata hanno accesso alla procreazione assistita dal punto di vista medico dopo le interviste specifiche dei candidati con i membri del team medico clinico e clinico multidisciplinare […]»5.
Bisogna considerare che siamo in un contesto medicalizzante in cui il tempo di attesa per definire una donna con dei problemi di infertilità è stato ridotto da due anni a sei mesi, un contesto in cui la maternità viene sempre di più rimandata, con donne di 35-37 anni ansiose di non poter più rimanere incinte che dopo sei mesi da protocollo rientrano nel percorso di procreazione medicalmente assistita. Ovviamente la legge francese sottolinea che prima di passare a tecniche più complesse e invasive sarà provata la tecnica base dell’iniezione dello spermatozoo (IAD), ma la tendenza medicalizzante è di passare dopo tre cicli di insuccesso dell’inseminazione artificiale alla FIV con ICSI. Le lesbiche di fatto avrebbero voluto solo accedere alla IAD, senza rendersi conto delle conseguenze della tendenza medicalizzante dell’intero processo che investirà anche loro. Un processo che si estende a tutte le donne, eterosessuali in coppia con un uomo, sole, lesbiche in coppia con una donna, dai 35 anni in su, ma anche più giovani, se non rimangono subito incinte con la tecnica base IAD.

Abbiamo una progressiva estensione della diagnosi pre impianto (DPI), già la precedente legge di bioetica del 2004 aveva esteso l’applicazione della DPI dal rilevamento di una malattia incurabile in un genitore, al rilevamento di una grave malattia ad esordio tardivo in un ascendente diretto e questo rappresentò un grande passo.
La DPI segue perfettamente la logica eugenetica: se guardiamo alle aperture progressive delle leggi nazionali dei diversi Paesi europei si è passati dal divieto alle eccezioni per evitare la trasmissione di malattie genetiche gravi, alle patologie ad insorgenza probabile fino ad arrivare agli inestetismi come lo strabismo.6
L’eugenetica è imprescindibile dalle tecnologie di riproduzione artificiale, ed è sempre stata presente fin dalla loro origine, nel loro sviluppo zootecnico e nel passaggio all’uomo, così come è imprescindibile il progetto transumanista di miglioramento e potenziamento dell’umano. R. Edward, artefice della nascita di Louise Brown, fin dagli anni ’80 afferma che, poiché tecnicamente possibile, è legittimo migliorare geneticamente la specie umana. Nel 2018 il Comitato bioetico britannico, il Nuffield Council on Bioethics, nel documento “Genome editing and human reproduction: social and ethicalissues”7 dichiara che è ammissibile modificare geneticamente il DNA di un embrione (modificazioni genetiche ereditarie) per influenzare le caratteristiche di una persona futura.
Non è un caso che il primo progetto di decodifica del genoma umano venne definito lettura e il secondo riscrittura: l’eugenetica non è una deriva funesta, è il motore e la direzione delle ricerche genetiche.
I test genetici senza scopo medico rimangono per il momento proibiti, anche se alcuni deputati volevano consentirli, ed è solo una questione di tempo. Negli Stati Uniti è già possibile, per una coppia senza problemi di fertilità e di trasmissione di patologie genetiche, andare in una clinica di fecondazione assistita con il solo scopo di effettuare la FIV con la DPI per la selezione degli embrioni, potendo selezionare anche alcune caratteristiche come il sesso e il colore degli occhi.
Anche per la FIV e la DPI, come per tutti gli sviluppi tecno-scientifici, al fine di promuoverle e creare accettazione sociale, si fa leva sui problemi di salute, nello specifico quelli riguardanti le possibili patologie genetiche della futura nata o la fertilità, sempre più in calo anche per i pesticidi, i derivati dalle plastiche, le onde elettromagnetiche. La DPI viene presentata come necessaria per evitare l’insorgenza di malattie gravissime, ma sta in realtà aprendo le porte ad un’eugenetica praticata su larga scala. Da selezione genetica in selezione genetica verso il figlio su misura, il tutto mascherato dalle migliori intenzioni. Dalle coppie con problemi di infertilità alle coppie fertili con problemi di patologie genetiche trasmissibili, passo dopo passo la PMA si estende a tutte e tutti senza alcun limite con la retorica della non discriminazione e il permettere a tutte e tutti di potervi accedere.

Il testo di legge consente inoltre «il concepimento di un embrione con gameti (maschili e femminili) entrambi derivati esclusivamente dalla donazione», consentendo così la doppia donazione di gameti.

Consente la crioconservazione degli ovociti senza motivi medici per specifiche patologie, solo in vista di una successiva PMA. Le donne di età compresa fra i 30 e 37 anni potrebbero così poter far uso prima dei 43 anni dei propri gameti criocongelati.

Per quanto riguarda l’anonimato dei donatori di gameti e il relative all’accesso alle origini, fino ad ora, tutti i donatori dovevano accordarsi per l’eventuale comunicazione di «dati non identificativi» (aspetto fisico, origine o età), ma anche della loro identità al bambino nato a seguito di questa donazione. La nuova legge permette al donatore la possibilità di scegliere o meno la propria identità, questo allo scopo di evitare la riduzione del numero di donatori di gameti8.

L’aver esteso l’accesso alla PMA apre al problema dell’approvigionamento di gameti. Il testo sottolinea che le crioconservazioni presso centri pubblici e privati «senza scopo di lucro pone diverse difficoltà»9, ed elmina «senza scopo di lucro», aprendo di fatto al biomercato di gameti, giustificando questo per ridurre le liste d’attesa e di evitare che le persone interessate si rivolgano a centri privati all’estero.

Un altro passaggio fondamentale della legge riguarda l’istituzione della filiazione che potrà avvenire senza discendenza paterna e con una maternità “mediante una dichiarazione di intenti” senza distinzione, secondo la legge, tra la donna che ha stabilito un legame di gestazione e che ha partorito, e l’altra donna. Leggiamo: «Per le coppie di donne, la filiazione è stabilita, rispetto a ciascuna di esse, dal riconoscimento che hanno congiuntamente fatto davanti al notaio»10. Una maternità quindi mediante una semplice dichiarazione di volontà.
Non distinguere più la madre, colei che partorisce, si iscrive perfettamente in un contesto in cui abbiamo una madre che affitta l’utero, una madre genetica che vende gli ovuli e una madre committente, in cui si stanno dilatando i confini del concetto di madre fino a renderlo indefinibile e dunque del tutto privo di significato. Se tutte possono essere madri, nessuna lo è più. Dimenticando che un tempo madre semper certa est.
Con la “madre d’intenzione”, i “genitori d’intenzione”, il “progetto parentale” e la “dichiarazione d’intenti” l’essere umano cessa di avere una storia, una provenienza, riducendosi all’assemblaggio eugenetico di ovulo e sperma per un narcisistico ed egoistico desiderio di un figlio a tutti i costi di un consumatore che in alcuni paesi può già fabbricarlo su richiesta secondo i propri gusti, programmarlo scegliendo determinate caratteristiche.
Il riferimento al dato corporeo, nella nuova legge francese, è giudicato non pertinente e grazie alla tecnica, il soggetto umano può e deve affrancarsi dalle condizioni corporee della propria esistenza per realizzare i suoi desideri. Un principio profondamente transumanista.

La nuova legge di bioetica autorizza inoltre protocolli di ricerca sulle cellule staminali embrionali o sulle cellule staminali pluripotenti indotte «che hanno per oggetto la differenziazione di queste cellule in gameti, l’aggregazione di queste cellule con cellule precursori di tessuti extra-embrionali o il loro inserimento in un embrione animale ai fini del suo trasferimento nella femmina».11 Il tempo di sviluppo degli embrioni nei protocolli di ricerca, dagli attuali 7 giorni, ai 14 giorni previsti nella versione approvata dall’Assemblea nazionale, nel passaggio al Senato viene aumentato fino a 21 giorni12.
Consente la realizzazione di embrioni chimera uomo-animale e la produzione di embrioni umani modificati geneticamente a scopo di ricerca, spianando così la strada a bambini geneticamente modificati. Se leggiamo i passaggi delle precedenti leggi sulla bioetica comprendiamo la direzione intrapresa: la legge del 1994 proibiva gli esperimenti sugli embrioni umani, nel 2004 è stata concessa una deroga ai ricercatori che potevano dimostrare di contribuire al progresso medico, criterio che è stato poi rimosso nel 2013. Infine nell’ottobre 2018 una relazione del Parlamento europeo per la valutazione delle scelte scientifiche e tecniche (OPECST) ha solamente raccomandato ai laboratori di dichiarare semplicemente il proprio lavoro.
Le ricerche su cellule staminali utilizzeranno embrioni prodotti in sovrannumero non impiantati nella donna ma poi crioconservati, che non sono più oggetto di un progetto parentale e che sono offerti alla ricerca dalla coppia. La ricerca necessita sempre più di materiale biologico, di un enorme quantità di embrioni, tessuti fetali, sangue dei cordoni ombelicali, feti e ovociti. I laboratori parlano di mera gestione di materiale d’eccedenza, ma questo deve essere prodotto per soddisfare il loro sempre più crescente bisogno e questa produzione si fonda sull’esproprio della capacità generativa delle donne.

Questa legge mantiene il divieto di apportare modifiche al genoma umano, che sarebbero trasmissibili alle generazione successive, ma la modifica dell’articolo 16-4 del codice civile13 previsto dalla legge francese, amplia la portata delle finalità degli interventi sul genoma che possono essere autorizzati. Tali interventi sono attualmente autorizzati solo per la prevenzione e il trattamento delle malattie genetiche, a condizione che non possano essere trasmessi ai discendenti. La possibilità di interventi sul genoma è estesa dal disegno di legge alla ricerca per la prevenzione e il trattamento di altre malattie, nonché alla ricerca a fini diagnostici.
Questi passaggi rappresentano un’accelerazione delle pratiche di selezione degli embrioni su base eugenetica e delle modificazioni genetiche embrionali. Il primo passaggio ha sempre uno scopo medico, ma in un secondo tempo questo sfuma. Il Comitato bioetico britannico, nel documento “Genome editing and human reproduction: social and ethicalissues”, dichiara che l’obiettivo dell’editing genetico sarà la «prevenzione dell’ereditarietà di una specifica malattia genetica. In un secondo momento si potrebbe anche andare oltre. […] Non c’è motivo di scartarlo in linea di principio. La tecnica dell’editing genetico non è di per sé immorale, anzi presenta il potenziale per diventare una strategia alternativa a disposizione dei genitori per raggiungere una gamma più ampia di obiettivi».
La nuova legge francese si inserisce in un contesto globale in cui sono già nate, modificate geneticamente, due bambine in Cina e con la nuova tecnologia di ingegneria genetica CRISPR/Cas 9 è possibile praticare la correzione del genoma, l’editing del genoma, in modo più economico, rapido e preciso. Per adesso ancora non vengono al mondo bambini modificati geneticamente, ma nel mentre viene instillato il pensiero che è preferibile consegnare la procreazione in mano ai tecnici e alla tecnologia, che è bene fornire alla figlia che nascerà un’eredità genetica migliore di quella che potrebbero fornire i propri stessi gameti.
La PMA è il cavallo di Troia del transumanesimo. Una volta aperta la strada alla possibilità per tutti e tutte della riproduzione artificiale, la logica conseguenza è quella del continuo miglioramento del prodotto. Dai laboratori di ricerca per la clonazione animale i progetti transumanisti mirano a sostituire l’evoluzione naturale con un’evoluzione artificiale. L’essere umano all’epoca della sua riproducibilità tecnica diventa già merce fin dalla nascita, un prodotto dall’azienda della vita e dall’ingegneria genetica, un mero assemblaggio eugenetico e un mero codice genetico da modificare e riprogettare.
L’eugenismo non avrà il volto di un dittatore, non sarà imposto, avrà la veste della libera scelta, la sinistra democratica e progressista lo farà passare con la retorica della prevenzione, della salute, della possibilità per tutte e tutti di accedere a delle tecnologie, con la retorica della libertà, dell’autodeterminazione e della non discriminazione. Un eugenismo democratico e consensuale.

Non è possibile fissare delle restrizioni per l’accesso alle tecniche di PMA, dal momento in cui lasciare anche un minimo spiraglio aperto significa spalancare le porte alla direzione globale di questo sistema tecno-scientifico di artificializzare il processo della nascita, che renderà preferibile ricorrere alle cliniche per far venire al mondo i bambini.
Contrapponiamoci ai progetti del sistema tecno-scientifico e all’ideologia transumanista che si concretizza nei laboratori di ricerca secondo la quale ogni limite può e deve essere infranto ed eliminato e tutto dove corrispondere ai criteri di continua perfettibilità, che scompone e frammenta il processo della procreazione facendolo diventare luogo di biomercato e di riprogettazione.
Nelle scienze della vita il disastro non avviene solo se l’esperimento raggiunge i risultati prefissati, il disastro è implicito nella direzione della ricerca e l’esperimento diventa il mondo intero e i corpi stessi diventano dei laboratori viventi. L’era sintetica non significa solo una radicale riprogettazione del mondo attorno a noi, ma anche una drammatica riprogettazione di noi stessi. Se nasceremo in un laboratorio in un mondo macchina, se la natura diventerà artificializzata e ingegnerizzata, verranno minate le basi necessarie anche solo per comprendere la possibilità di un mondo altro.
È oggi più che mai necessaria una ferma opposizione a ogni riproduzione artificiale dell’umano14, per le coppie eterosessuali, dello stesso sesso, per le donne sole, per le coppie con una sterilità e per quelle fertili, senza eccezioni. Ogni posizione parziale sarà funzionale ai comitati di bioetica per far passare e accettare l’inaccettabile.
Contro l’eugenetica e l’antropocidio!
Riaffermiamo con forza l’indisponibilità dei corpi e del vivente!

Silvia Guerini, gennaio 2020, www.resistenzealnanomondo.org

Note:
1 Ringrazio Pièces et Main d’Oeuvre (www.piecesetmaindoeuvre.com), Marie-Jo Bonnet, le dott.sse Nicole Athea e Frédérique Kuttenn per l’aiuto nella comprensione dei passaggi di questa legge.
2 “Contro l’eugenetica e l’antropocidio. Appello per l’abolizione di ogni riproduzione artificiale dell’umano”, ottobre 2019, www.resistenzealnanomondo.org/italia-mondo/senza-categoria/contro-leugenetica-e-lantropocidio-appello-per-labolizione-di-ogni-riproduzione-artificiale-dellumano/
3 http://www.senat.fr/encommission/textes/2019-2020/63.html#AMELI_SUB_4__Article_1
4 Pensiamo alle posizioni della femminista lesbica Marie-Jo Bonnet o al giornale “La Décroissance” che nell’ottobre 2019 ha pubblicato “Contro l’eugenetica e l’antropocidio. Appello contro ogni riproduzione artificiale dell’umano” e che in precedenti numeri ha trattato questioni come PMA, GPA, transumanesimo, ideologia trasgender e per questo fu bruciato in una manifestazione anti-nucleare e definito “ageista, omofobo, transfobico e sessista”.
5 Art.L. 2141-2, http://www.senat.fr/encommission/textes/2019-2020/63.html#AMELI_SUB_4__Article_1
6 Nel 2007 l’Alta Autorità Britannica per la PMA ha autorizzato al ricorso alla DPI per evitare la nascita di un bambino affetto da strabismo.
7 Consultabile in nuffieldbioethics.org/wp-content/uploads/Genome-editing-andhuman-reproduction-short-guide-website.pdf
8 https://www.france24.com/fr/20200120-loi-bio%C3%A9thique-que-reste-t-il-du-projet-de-loi-qui-arrive-au-s%C3%A9nat
9 Art. 1, 28 http://www.senat.fr/encommission/2019-2020/63/Amdt_COM-63.html
10 http://www.senat.fr/encommission/2019-2020/63/liste_discussion.html#COM-264
11 Art. 15, 2 http://www.senat.fr/encommission/2019-2020/63/liste_discussion.html#COM-264
12 https://www.france24.com/fr/20200120-loi-bio%C3%A9thique-que-reste-t-il-du-projet-de-loi-qui-arrive-au-s%C3%A9nat
13 Tale divieto, che risulta dall’articolo 13 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e della dignità dell’essere umano in relazione all’applicazione della biologia e della medicina, firmato a Oviedo il 4 Aprile 1997, appare nell’articolo 16-4 del codice civile, che vieta qualsiasi intervento sul genoma che sarebbe effettuato al fine di modificare la discesa della persona.
14 GPA, FIV, DPI, IAD, ICSI, clonazione, gameti artificiali, utero artificiale…


Qui scaricabile in pdf:

Ringraziamo Cristiana Pivetti per i disegni

Smascherare fisici, svuotare i laboratori

Niente, niente di più oggi distingue la Scienza da una minaccia di morte permanente e generalizzata: il litigio è chiuso, per sapere se dovrebbe garantire la felicità o la sfortuna degli uomini, tanto è ovvio che è cessato essere un mezzo per diventare un fine. La fisica moderna ha comunque promesso, ha sostenuto e promette ancora risultati tangibili, sotto forma di cumuli di cadaveri. Fino ad allora, in presenza di conflitti tra le nazioni, o persino del possibile annientamento di una civiltà, reagiamo secondo i nostri soliti criteri morali e politici. Ma qui è la specie umana destinata alla completa distruzione, sia per l’uso cinico delle bombe nucleari, anche se sono “pulite” (!), sia per le devastazioni dovute ai rifiuti che, nel frattempo, inquinano le condizioni atmosferiche e biologiche delle specie in modo imprevedibile, dal momento che il crescendo delirante delle esplosioni “sperimentali” continuano con il pretesto di “scopi pacifici”. Il pensiero rivoluzionario vede le condizioni elementari della sua attività ridotte a un margine tale che deve ritornare alle sue fonti di rivolta e, sotto un mondo che non conosce più ma che nutre il proprio cancro, trovare le sconosciute possibilità di furore.

Non è quindi a un atteggiamento umanista che ci appelleremo. Se la religione è stata a lungo l’oppio del popolo, la scienza è in una buona posizione per prendere il controllo. Le proteste contro la corsa agli armamenti, che alcuni fisici intendono firmare oggi, ci illuminano al massimo sul loro complesso di colpa, che è in ogni caso uno dei vizi più infami dell’uomo. Il petto che viene colpito troppo tardi, la garanzia data al tetro belato del branco dalla stessa mano che arma il macellaio, conosciamo questo antifone. Il cristianesimo e i suoi specchi ingranditori delle dittature della polizia ci hanno abituato.

I nomi ornati con titoli ufficiali, in fondo agli avvertimenti rivolti a corpi incapaci di eguagliare l’entità del cataclisma, non sono ai nostri occhi un privilegio morale per questi signori, che allo stesso tempo continuano a rivendicare crediti, scuole e carne fresca. Da Gesù in croce al lavoratore del laboratorio “ansioso” ma incapace di rinunciare a fabbricare la morte, l’ipocrisia e il masochismo sono uguali. L’indipendenza della gioventù, così come l’onore e l’esistenza stessa dello spirito sono minacciati da una negazione della coscienza ancora più mostruosa di questa paura dell’anno Mil che ha fatto precipitare generazioni verso i chiostri e i cantieri alle cattedrali.

Sulla la teologia della bomba! Organizza la propaganda contro i cantanti del “pensiero” scientifico! Nel frattempo, boicottiamo le conferenze dedicate all’esaltazione dell’atomo, fischiamo i film che indugiano o indottrinano l’opinione, scriviamo a giornali e organizzazioni pubbliche per protestare contro gli innumerevoli articoli, relazioni e programmi radiofonici, dove si diffonde spudoratamente questo nuovo e colossale inganno.

Parigi, 18 febbraio 1958
Comitato per il controllo antinucleare

Prime firme: Anne e Jean-Louis Bedouin, Robert Benayoun, Vincent Bounoure, Andre Breton, J.-B. Brunius, Adrien Dax, Aube e Yves Elleouet, Elie-Charles Flamand, Goldfayn Georges, Radovan Ivsic, Krizek, Jean-Jacques Lebel, Clarisse e Gerard Legrand, Lancillotto Lengyel, Jean-Bernard Lombard, Joyce Mansour, Sophie Markowitz, Jehan Mayoux, ELT Mesens, Jean Palou, Benjamin Peret, Jose Pierre, Jean Schuster, Jean-Claude Silbermann, Toyen.

Chiunque rifiuta di farsi imporre da squartatori diplomati sarà desideroso di unirsi alla loro protesta contro la nostra. Scrivi a CLAN (Comitato per il controllo antinucleare), 25 avenue Paul-Adam, Parigi (17).

***

PS. Jean-Jacques Lebel, uno dei firmatari di questo appello, interrogato sulle circostanze della sua stesura, racconta: “(Questo manifesto) è stato scritto e distribuito alla Sorbona (con una lotta per la chiave), in occasione di una conferenza di Robert Oppenheimer, che sosteneva di essere anti-militarista e che alcuni avevano persino accusato di essere un “agente di Mosca”, ma che aveva svolto il ruolo che conosciamo nello sviluppo della bomba A di Los Alamos. I radicali anti-nucleare, nel 1958, contavano certamente sulle dita della mano ed era un’azione di ultra-minoranza. Se la parola “onore” ha un significato – che non sono sicuro – è stato l’onore dei surrealisti di essersi opposti in modo assoluto e praticamente da soli, non solo alle armi nucleari, ma a tutta l’industria nucleare.”

***

P.PS. La caratteristica di un classico è quella di raggiungere una rilevanza oltre i luoghi, il momento e le circostanze che ne determinano la scrittura. L’appello di André Breton e del Comitato per il controllo antinucleare è uno di questi classici, che, non avendo mai smesso di guadagnare rilevanza, appare 60 anni dopo la sua pubblicazione su una serie di siti antiindustriali e finisce a diventare udibile in lontananza fino alle orecchie del “branco” fino al “triste belare”.

Noi, Pièces et main d’œuvre, l’abbiamo distribuito a Grenoble, nell’agosto 2018, durante un dibattito presso la “Solidarity and Rebel Summer University”, dove ci siamo confrontati con il biologo Jacques Testart, uno dei coproduttori di Amandine, nel 1982, che è al “procreativo” ciò che sono stati i fisici allertati per l’industria nucleare. Belle anime con le mani sporche.

Il nostro volantino si è concluso così:

“Sessanta anni dopo, esercitazioni pratiche:
smascherare i genetisti, svuotare i laboratori
(piante, animali, chimere genetiche umane).

Smascherare i biologi, svuotare i laboratori
(biologia sintetica, riproduzione artificiale di animali e umani).

Smascherare i cibernetici, svuotare i laboratori
(intelligenza artificiale, macchine autonome, e-life).

Anche tu, smascherando gli scienziati, svuota i laboratori.
Abbasso i vigili del fuoco piromane. Non contiamo su coloro che creano i problemi per risolverli. “

Per vedere dove finiscono le “fini pacifiche” atomiche, vai a Bure, al centro di discarica di scorie nucleari e pensa a questi “radicali anti-nucleari”, che nel 1958 “erano contati sulle dita di “una mano” e il cui “onore” era la sola opposizione “all’intera industria nucleare”.

I 1.500 manifestanti che marciarono tredici anni dopo, contro l’apertura dello stabilimento di Fessenheim il 12 aprile 1971, si sentivano già un pò meno soli.

Gli strateghi accademici spesso ci rimproverano per la nostra opposizione “ultra-minoranza”, solitaria, “scollata” “insostenibile” (sic), in breve, prematura. È del tutto vero, ad esempio, che i firmatari dell’appello contro tutta la riproduzione artificiale dell’essere umano (1) non sono più numerosi di quelli della chiamata a smascherare i fisici e svuotare i laboratori. Almeno condividono con loro l’incerta consolazione dell ‘”onore salvifico”, mentre aspettano – chi lo sa? – vedere folle manifestare un giorno contro i laboratori eugenetici di riproduzione artificiale.

Pièces et main d’œuvre
Grenoble, 4 novembre 2019

(1) In La Décroissance , ottobre 2019 e qui

Traduzione da principiante, originale in francese qui: http://www.piecesetmaindoeuvre.com/spip.php?page=resume&id_article=1205

Testo in pdf:

Summit della Sigularity University

Summit della Sigularity University
Il transumanesimo è già qui

Il movimento transumanista sorge negli stati Uniti, nella Silicon Valley, alla fine degli anni 80, tra i fondatori dell’associazione transumanista mondiale, oggi nota con il nome di Humanity+ e tra i fondatori, finanziatori, dirigenti transumanisti di numerose fondazioni, istituti, start-up, progetti di ricerca e aziende di importanza internazionale abbiamo Natscha e Max More, Nick Bostrom, David Pearce, Peter Diamantis, David Orban, Ray Kurzweill, che ha preso il termine Singolarità dalla fisica, per citare i nomi più conosciuti.
Non è semplice dare un breve panorama delle origini di questa ideologia, queste ci portano al lontano 1883 quando appare per la prima volta il termine eugenetico da Galton, al discorso di Huxley sul suo credo transumanista di trascendenza dell’umano, al paradigma cibernetco, originatosi durante la guerra in campo militare, che riduce il soggetto a una somma di informazioni, a un programma che si può decifrare e quindi modificare come una macchina, per arrivare allo sviluppo della biologia molecolare, alle bio e nanotecnologie, alla ridefinizione dell’umano in termini antropotecnici.
Il transumanesimo mira a potenziare l’umano attraverso la tecnologia e a liberarlo dai vincoli della biologia fino a un’ibridazione con le macchine, per arrivare a una trasformazione nano-bio-tecnologica dell’essere umano: il cyorg, il post-humano. Considerando l’umano quindi come infinitamente modificabile, ingegnerizzabile e per sua stessa ontologia ibridativo che si co-costruisce con la tecnologia, distruggendo così i confini tra natura e tecnica, tra vivente e macchina.
La cosa importante da sottolinerare è che il transumanesimo non è una tendenza di alcuni eccentrici ricercatori marginali, di filosofi che confondono la realtà con i propri sogni, non è un mero delirio prometeico, per ricordare il dislivello prometeico di Gunther Anders, così come non è un effetto collaterale, ma è l’approdo dello sviluppo tecnologico, è l’ideologia della convergenza tra biotecnologie, nanotecnologie, informatica, neuroscenze.
L’ideologia transumanista si incarna nei centri di ricerca, nei colossi come Google, IBM, Microsoft, nelle multinazionali agro-alimentari, farmaceutiche e biotecnologiche.
La Singularity University non è una semplice università, è una delle maggiori espressioni del transumanesimo, ne escono i più importanti dirigenti e ricercatori mondiali, alcuni di loro confluiscono poi al MIT (Massachusetts Institute of Technology), una delle più importanti università di ricerca al mondo; nella DARPA, una agenzia governativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per lo sviluppo di nuove tecnologie per uso militare; in Google; in Microsoft, solo per citarne alcune… Tra i maggiori finanziatori della Singularity University vi sono compagnie come Google conosciuta per l’informatica ma meno per i suoi investimenti anche nella ricerca genetica.
In Italia ci sono due sedi dell’Università della Singolartà: una a Milano e l’altra a Roma. Questa università fa da consulenza per settori come quello della difesa, della sicurezza, della biomedicina, per tutti settori di punta a livello di sviluppo e di ricerca. Il transumanesimo influenza così profondamente i vari governi nello sviluppo delle scienze convergenti, non è un caso ad esempio che un partner di alcuni Summit sia la Vodafone, in prima fila con la sua propaganda per la rete 5G che permetterà il passaggio definitivo all’internet delle cose e al così detto “pianeta intelligente” di IBM. Il Summit rappresenta questa convergenza di settori e di ricerche di alto livello ed è la vetrina della loro propaganda.
I Summit vengono organizzati in più parti del mondo, l’8 e 9 ottobre e Milano e l’11 e 12 novembre ad Atene.Lo slogan del prossimo a Milano è: “Progetta il futuro. Costruisci il futuro. Sii il futuro.” Un futuro che sta già diventando il presente.
La loro propaganda si basa sulla retorica di poter far fronte ai disastri climatici, siccità, carenze alimentari, estinzione delle specie, all’aumento di sterilità, di poter sconfiggere le malattie con un accelerazione tecno-scientifica che potrà cancellare le disuguaglianze sociali. Tutto questo sostituendo un mondo naturale, compromesso sempre di più, con un mondo artificiale, informatizzato, e bio-nanotecnologico. In questo mondo i corpi, gli elementi naturali, non costituiscono più un fondamento indisponibile ma divengono scomponibili, manipolabili e ingegnerizzabili.
Significativo è notare che dai loro stessi discorsi emerge che le tecno-scienze e la visione transumanista cambieranno profondamente e radicalmente il modo in cui le persone percepiranno il mondo attorno a loro e la loro vita. La loro strategia mira a far si che le persone abbiano sempre più familiarità con concetti come terapia genica, intelligenza artificiale, editing genetico, così sarà più semplice creare un’accettazione sociale per tutti questi sviluppi.
In alcune circostanze, come ad una conferenza di Roberto Cingolani, dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova, dove presentava il suo robot umanoide, c’è la tendenza a sottolineare che le loro ricerche non hanno applicazioni militari e a distanziarsi dai transumanisti più estremi come Kurzweill, in realtà è mera propaganda, ben sappiamo che portano avanti la stessa idea e distruzione di mondo e sappiamo bene che dai laboratori per la salute pubblica possono uscire innovative nanoarmi o sofisticati sistemi di controllo.
Purtroppo, a parte poche eccezioni, non è presente una critica al transumanesimo, questo perché non viene compreso, viene considerato come un mito, come un qualcosa di astratto o di futuristico.
Noi proprio per evitare questi fraintendimenti, non ci incentriamo su quello che ancora non c’è, come quando avevamo molti anni fa iniziato a parlare di nanotecnologie, non parlavamo del rischio della catastrofe del “Gray goo”, cioè della replicazione incontrollata di nanorobot, così per il transumanesimo non ci incentriamo sui progetti di crioconservazione del cervello o sulla trasposizione del cervello in un computer, ma di quello che è già presente.
Le logiche del transumanesimo – superamento dei limiti, miglioramento e potenziamento dell’uomo, riprogettazione e artificializzazione del vivente – non sono mere speculazioni astratte, ma diventano ricerche, chimere transgeniche, droni militari, nuovi apparati della smart city, Procreazione Medicalmente Assistita e editing genetico…
Se pensiamo agli esoscheletri per i tetraplegici che possono essere usati anche per potenziare le prestazioni dei soldati, capiamo bene quanto è sottile il confine tra cura e potenziamento dell’umano. Forse nessuno si amputerà gambe sane per mettersi delle protesi che aumenteranno le prestazioni, a parte forse qualche eccentrico ricercatore, ma le idee dell’implementazione, del potenziamento continuo, della modifica del corpo, da tempo si fanno strada nell’immaginario e nei desideri delle persone. Prima della sostituzione di parti del nostro corpo, il telefono cellulare è già un’inseparabile protesi, dalla tasca al polso con l’auricolare senza fili perennemente connesso, ecco, il passaggio al chip sottopelle non è così lontano.
La salute “perfetta”, il bambino “perfetto”, un continuo adattamento a un mondo tecnico, dalla diagnosi pre-impianto alla medicina rigenerativa, questo non rappresenta solo una medicalizzazione che si estende a ogni fase della vita, ma rappresenta il potere illimitato delle tecno-scienze per un continuo superamento di limiti in cui è proprio il corpo umano a costituire un limite per la piena perfettibilità.
La procreazione medicalmente assistita rappresenta il cavallo di Troia del transumanesimo perché aperta la strada alla possibilità della riproduzione artificiale, per tutti e tutte, la logica conseguenza è quella del continuo miglioramento del prodotto. La diagnosi pre-impianto con selezione genetica dell’embrione sottende logiche eugenetiche e l’uomo potenziato del transumanesimo.
Al momento ancora non abbiamo bambini modificati geneticamente, ma la soglia delle bambine editate in Cina è stata superata, ed è una soglia da cui nessuno può pensare di tornare indietro e nel mentre viene instillato il pensiero che è preferibile consegnare la procreazione in mano ai tecnici e alla tecnologia, che è bene fornire alla figlia che nascerà un’eredità genetica migliore di quella che potrebbero fornire i propri stessi gameti e che con la diagnosi pre-impianto si può essere i designer della propria figlia.
Il mondo transumanista è protagonista della rivoluzione CRISPR e non si vuole lasciare sfuggire le possibilità offerte da questa nuova tecnologia. Le manipolazioni genetiche sono in assoluto le tecnologie più promettenti afferma Roberto Manzocco, ricercatore transumanista.
Lo sviluppo delle tecno-scienze e il transumanesimo producono immaginari, desideri, bisogni, creano i paradigmi di pensiero attraverso cui guardiamo e interpretiamo il mondo e noi stesse/i determinando ciò che nella società verrà considerato come accettabile. Questa creazione di immaginario, questa visione del vivente implica quindi una trasformazione dello stesso vivente.
Difronte a queste trasformazioni epocali dovremmo comprenderne la portata e sentire la necessità e la priorità di lottare contro questo mondo macchina prima che davvero sia troppo tardi.
Un guru delle tecnoscienze ha lanciato un avvertimento ai suoi fedeli che si potrebbe estendere agli oppositori: “Non state da parte di fronte alla Singularity, avete la possibilità di dirigere il vostro sforzo nel punto di maggior impatto, l’inizio”.

Silvia Guerini, Resistenze al Nanomondo

In occasione del presidio contro il Sigularity University Summit dell’8 ottobre a Milano organizzato dal collettivo Resistenze al Nanomondo (www.resistenzealnanomondo.org) e dallo spazio di documentazione La Piralide di Bergamo (lapiralide.noblogs.org)

documento in pdf: Summit Singolarity

 

Contributo per l’incontro internazionale contro le tecno-scienze, Dino Giagtzoglou

Contributo per l’incontro internazionale contro le tecno-scienze (Italia – luglio 2019) dell’anarchico Dino Giagtzoglou, prigioniero dello stato greco.

Compagni e compagne

Inizio questa lettera con una certezza. Sono sicuro che le nostre esperienze di vita sono molto differenti, così come lo sono i punti di partenza della lotta di ognuno di noi. Penso anche che con molti di voi esistano origini ideologiche differenti e disaccordi o contrasti su questioni individuali. Ma credo fermamente che la volontà di resistere ai piani del Dominio, nati dalla consapevolezza della profonda alienazione sociale che ci aliena da noi stessi e dalla natura nel suo insieme, e la passione rivoluzionaria per la distruzione della maga-macchina del Potere ci uniscano nella visione comune di un mondo libero dalle catene della civilizzazione. Studiando una varietà di analisi, coprendo chilometri ed eliminando con la pratica gli ostacoli del linguaggio – dal momento che riconosciamo l’esistenza di una comunità in lotta per la liberazione totale – possiamo realmente mantenere la fiamma della rivolta accesa e la scommessa della rivoluzione sociale aperta. Perciò mando una caloroso saluto al collettivo Resistenze al Nanomondo e a tutti i partecipanti all’incontro internazionale contro le tecno-scienze, esprimendo in anticipo il mio desiderio di colmare le lacune nella mia conoscenza, che la mia assenza indubitabilmente causerà, studiando le vostre riflessioni, le vostre conclusioni e tutti ciò che potrete farmi arrivare attraverso le azioni e le collaborazioni che deriveranno dal vostro fermento in Italia.

Ma affrontiamo le cose per gradi. Sono 21 mesi adesso, che sono in attesa di giudizio nelle prigioni greche per aver scelto, come molti altri combattenti nel mondo, di mettere in pratica le mie idee assumendo una posizione di battaglia nella guerra sociale e combattendo contro il potere, qui ed ora. Quindi sono in prigione per aver messo in pratica le miei idee oltre i limiti consentiti dalla legge e certo non per caso. Con la ferma convinzione che la rivoluzione sarà senza legge o non sarà, volevo dare un esempio concreto – in prima persona e al momento attuale – di ciò che possa significare solidarietà rivoluzionaria, oltre le dicotomie innocente e colpevole, legalità e illegalità, offrendo rifugio ad un compagno ricercato. Questo è il motivo per cui sono sepolto sotto tonnellate di acciaio e cemento, rischiando di venire condannato per gli attacchi “terroristici” con pacchi bomba a rappresentanti della UE, dirigenti di organizzazioni economiche e agenzie di rating del credito inviati nella primavera del 2017, con i quali ho negato ogni mia correlazione fin dal mio arresto ma per i quali le probabilità di essere condannato rimangono alte. Ovviamente nessuno è mai finito in carcere soltanto per aver deciso di lottare contro l’oppressione e lo sfruttamento. La mia situazione attuale è la prova concreta che ho commesso degli errori. Errori in alcune decisioni che ho preso riguardo sia a me stesso sia ad altri individui con i quali erroneamente sentivo di condividere una lotta comune. Errori che costano dozzine di anni di prigione, errori che potrebbero essere imperdonabili, ma di certo né essi né la prigione stessa possono cancellare la mia ferma determinazione a lottare, lottare, lottare… in ogni circostanza. Perciò posso respirare soltanto attraverso gli sforzi dei compagni che si trovano fuori dalle mura e continuano la lotta. Voglio sostenere tali sforzi perché attraverso di essi ispiro, posso essenzialmente esistere; io vivo per essi! E quindi è così che vedo anche questi tre giorni.

Ma è solo questo? E’ solo un incontro tra individui e gruppi in lotta? A mio avviso, sicuramente no. Avendo studiato solo una piccola parte del lavoro di alcuni degli oratori di oggi, so che si tratta di compagni che hanno fatto uno sforzo in più nell’analisi e nella critica del moderno paradigma tecnologico e non solo… Ma voglio enfatizzare l’aggiornata critica antitecnologica sviluppata dai compagni, insieme alle lotte individuali e alle rispettabili analisi su altri temi, non solo perché ricadono nell’argomento dell’incontro odierno, ma anche perché penso che sia qualcosa che troppo spesso manchi dal nostro più ampio ambito di lotta. Sfortunatamente, la critica della tecnologia (e parlo della tecnologia più sofisticata e complessa), che non è mai neutrale, ma che al contrario rappresenta l’espressione tangibile dal potere scientificamente strutturato, è molto sproporzionata rispetto alle condizioni che essa determina su un livello ambientale, sociale, politico ed economico. E se ciò che dico sembra una critica più generale verso il fronte radicale-rivoluzionario allora è certamente una critica che si rivolge anche verso di me personalmente. Io credo che in quest’area, non per evitare l’argomento entrando in altri campi, le nostre analisi (e per “nostre” intendo appartenenti ad un contesto più generale e certamente non agli oratori dell’evento) siano estremamente indietro, e di conseguenza la nostra lotta contro il Dominio è sia inefficace che maldiretta. Queste conclusioni sono brevemente documentate, ma io riconosco gradualmente le diverse manifestazioni di questo problema, che è chiaramente visibile intorno a noi, almeno in questa terra. In Grecia i compagni (anarchici o meno) che hanno studiato le moderne tecnologie e i modi in cui queste influenzano gli esseri umani e la vita nel suo insieme sono davvero pochi. Negli ultimi anni, in ritardo ma rapidamente, osservo con grande preoccupazione e timore lo sviluppo tecnologico, cercando di sviluppare un’analisi critica dello stato attuale del mondo civilizzato del Potere e le sue varie strutture, sistemi, istituzioni e meccanismi interconnessi, cercando e studiando il pensiero dei compagni che hanno gettato una luce su questa dimensione onnipresente della dominazione, sia che i loro strumenti analitici derivino da una prospettiva di lotta di classe, di ecologismo radicale o da una visione anarchica anti-civilizzazione.

Un avvenimento recente mi ha molto preoccupato: il 19-20 novembre 2018, soltanto due mesi dopo la Fiera Internazionale di Salonicco alla quale gli USA hanno partecipato come ospiti d’onore e durante la quale è stato ratificato un protocollo d’intesa, “Memorandum of Understanding”, tra Microsoft e la più grande istituzione universitaria in Grecia, AUTH, si è tenuto nella Sala Concerti di Atene vicino all’ambasciata statunitense, per la prima volta in questo paese, uno degli incontri dell’Università della Singolarità. Il giorno successivo nello stesso luogo si è tenuta la 20° conferenza mondiale InfoCom, che è un’istituzione per le telecomunicazioni, le tecnologie dell’informazione e i media del sud-est Europa. Si tratta dell’incontro annuale di dirigenti del mercato digitale che ha lo scopo di rendere effettiva la Trasformazione Digitale nell’era GIGAbit; il tema principale era lo sviluppo delle reti 5G. Inoltre quest’anno, dal 10 al 12 gennaio 2019, ha avuto luogo il 2° Simposio sulla Procreazione Assistita “Nuovi Orizzonti nella IVF”, ancora nella Sala Concerti di Atene, concentrandosi sugli ultimi sviluppi nella procreazione assistita e con la partecipazione di scienziati da tutto il mondo, trattando temi come l’attivazione in vitro del tessuto ovarico, la creazione del primo ovulo umano in laboratorio, la modificazione terapeutica in vitro dei geni, e le novità derivanti da un utilizzo più ampio del “Trasferimento del Fuso Materno” [Spindle Transfer] nella pratica clinica. A questa conferenza, durante una videoconferenza sul ruolo dei mitocondri nella procreazione, che è stata trasmessa in diretta online, dalla American Society for Reproductive Medicine a 7000 scienziati provenienti da 100 paesi, è stata annunciata la prima gravidanza indotta su una donna greca attraverso il metodo del trasferimento del fuso materno.

Qui voglio soffermarmi sul primo evento. Entrambe le giornate del Singularity Summit* sono state trasmesse in diretta streaming a molte università pubbliche ad Atene e della provincia greca oltre che ai collaboratori dell’Università della Singolarità e sulla facciata del “neutrale” centro nazionale di ricerca Demokritos, dove pochi giorni fa ad inizio luglio, in collaborazione con l’Università della Singolarità è stata organizzata per la seconda volta la Scuola Giovanile Estiva della Singolarità, per introdurre i giovani all’intelligenza artificiale e alle biotecnologie. L’importanza del Singolarity Summit, a prescindere da dove esso ogni volta ha luogo, è in conformità con altre iniziative industriali, industriali e di ricerca internazionali (ad esempio lo Human Genome Project e lo Human Brain Project e sicuramente la visione dell’IBM di uno Smart Planet), a mio avviso simile a quella delle conferenze della NATO e agli incontri di rilevanti organizzazioni internazionali del complesso industriale-militare, in quanto rappresenta un potente simbolo del dominio globale delle lobby tecno-scientifiche transnazionali. Voglio sottolineare il carattere multinazionale di questa organizzazione, nonostante su carta sia sotto l’egida Americana, perché contrariamente all’obsoleta visione anti-imperialista di un solo Impero assoluto, sono arrivato a pensare che una lotta spietata a livello mondiale contro i rappresentanti e le strutture del braccio armato della moderna civilizzazione, ovvero la tecno-scienza del Dominio, possa essere l’unico “anti-imperialismo” pertinente e coerente.

La Singolarità, in questo caso, è solo una figura retorica, una metafora, forse una tecnica di marketing, senza sminuire per niente l’importanza del crimine della singolarità che sta accadendo. Come forse già saprete, questo è un concetto derivato dalla Fisica, ovviamente svuotato del proprio vero significato per adeguarlo alla propaganda tecno-scientifica dell’epoca in cui è nato. Il responsabile originario di questo plagio (perché di questo si tratta) è il eclettico matematico e scienziato del computer John von Neuman (che, tra le altre cose ha fornito un significativo contributo allo studio delle reazioni termonucleari ed alla costruzione di una bomba all’idrogeno adattabile ai missili balistici intercontinentali), che parlò inizialmente della singolarità come risultato del progresso tecnologico, seguendo l’ipotesi del matematico Irving John Good sulla “macchina super-intelligente”, e definendo con essa il momento nello spazio-tempo terrestre cui l’Intelligenza Artificiale raggiungerà un livello di trascendenza maggiore della più alta intelligenza umana, e dopo il quale nessuna previsione sul futuro dell’umanità avrà più senso. Successivamente, la singolarità tecnologica divenne popolare anche grazie al matematico Vernor Vinge, mentre altri futuristi come i transumanisti Ray Kurzweil e Peter Diamandis, fondatori e amministratori dell’Università della… Singolarità, a loro volta abbracciavano questa teoria tecno-folle. Ad ogni modo, il vero crimine non è l’espropriazione di un concetto largamente diffuso nella comunità scientifica. L singolarità artificiale non ha assolutamente nulla a che vedere con l’essenziale unicità, varietà, diversità e la ricchezza illimitata e inesplorata del mondo naturale… E come potrebbe? L’Università, che è un think-tank della Silicon Valley ed ha la propria sede in un sito di proprietà della NASA, collabora con la DARPA del Dipartimento della Difesa statunitense, con il MIT e con i principali colossi dello sviluppo tecnologico mondiale, ed vede in Google il proprio sponsor principale, non potrebbe che essere un’organizzazione succhia sangue che ha lo scopo di accumulare profitti e potere, dietro la facciata di esperti all’avanguardia del progresso scientifico, finché i piccoli “eserciti” che essa addestra avranno colonizzato l’intera biosfera. Ovviamente, come per ogni singola innovazione tecnologica, anche in questo caso esistono pretesti in abbondanza (come il titolo del libro di Peter Diamandis). Pretesti e travestimenti riguardo gli abominevoli piani per il domani, frutto dell’immaginazione morbosa della peggiore interpretazione meccanicista e riduzionista del presente; mentre tracciando la loro genealogia autoritaria risaliamo alle loro origini culturali nell’Inquisizione e nella caccia alle streghe del Medioevo. Questo perché, tra gli altri, anche il “movimento” dei transumanisti e dei tecno-scienziati applica ed aspira ad espandere simili pratiche di interrogatorio di sperimentazione di tortura all’intera biosfera per poter completamente oggettivare, quantificare, standardizzare, strumentalizzare, automatizzare, omogeneizzare e domesticare la vita selvaggia e la natura, con un’ideologia inquietante a fargli da sostegno che cerca di propagarsi attraverso questi summit annuali in giro per il mondo. Sfortunatamente, tuttavia, non stiamo parlando di qualche “scienziato pazzo” o di “fantascienza”. La Singolarità si impegna ad allevare i migliori ricercatori e a preparare i leader mondiali per mettere in pratica i progetti per affrontare le cosiddette “grandi sfide dell’umanità”. In questo modo la tecnologia assume il ruolo di “salvatrice dell’umanità”. Cosa importa se tutta la sofferenza umana, l’inquinamento ambientale, la crisi ecologica sono responsabilità della società capitalista, industriale e tecnologica? Dopo tutto, la storia ci insegna che il progresso della tecnologia non porta con sé un mondo più felice o libero…

Molte volte i programmi di ricerca e gli esperimenti che su carta si presentavano come innocenti, insignificanti e innocui hanno storicamente condotto alle peggiori atrocità con effetti devastanti sull’uomo e sul pianeta. Esattamente gli stessi progressi tecnologici che vengono presentati attraverso applicazioni apparentemente benefiche e attraenti per la società civile vengono usati per scopi militari. La ricerca stessa viene iniziata per scopi militari e arriva nelle nostre case sotto forma di “innocui” forni a microonde, o di connessione internet (vedi ARPANET). Ad esempio, gli scienziati che scoprirono l’energia atomica ai loro tempi erano considerati ricercatori retti (uno di loro era effettivamente contro il Terzo Reich e la persecuzione degli ebrei) e la materia da essi studiata nel loro esclusivo campo di interesse (e isolata dal resto) un lavoro di ricerca neutrale, che portò al ben noto risultato della bomba atomica. E gli esempi di interconnessione di applicazioni militari e civili derivanti dai medesimi progressi nella ricerca tecno-scientifica non finiscono qui. Quindi chiediamoci come possiamo considerare una ricerca buona e un’altra cattiva, quando un piccolo e apparentemente irrilevante pezzo di essa può essere e viene impiegata per completare un puzzle più ampio di sviluppo, il cui disegno generale è sempre determinato dai potenti. Ovviamente, non tutte le ricerche sono egualmente significative o portano le stesse conseguenze, questo è chiaro. Ad ogni modo, non sono soltanto le ricerche ed i progetti nei campi specifici, ad esempio, delle nanotecnologie e dell’ingegneria genetica a poter essere usate per scopi nocivi (che verranno comunque presentati come di pubblica utilità, come opera delle istituzioni “caritatevoli” dei gruppi bancari). Fortunatamente alcuni compagni rifiutano facili conclusioni e analisi comode ed evitano di adeguare la realtà alla propria visione politica perché, sfortunatamente, la realtà è inesorabile. Una ricercatrice opera – sempre – all’interno del paradigma tecno-scientifico dominante. Non può sottrarvisi anche se fosse la persona più “morale” al mondo. I danni e i problemi causati da un sistema di dominio e sfruttamento non possono essere curati e risolti una volta e per tutte con gli strumenti e i metodi dello stesso sistema all’interno della sua struttura predeterminata. La ricerca scientifica non è mai neutrale. Anche se può essere temporaneamente impiegata per fini benefici (come la cura del cancro), la direzione dei piani del Dominio non può essere cambiata dall’interno. Ovviamente, ogni sistema partecipativo (come la democrazia) non solo ha bisogno di coloro che ricercano, eseguono, obbediscono e sostengono apertamente e proteggono il suo funzionamento, ma anche di chi – sempre all’interno di contesti accettabili – esprime dissenso, lo mette in discussione, lo critica, fa proposte alternative, lo migliora e pertanto allo stesso modo lo sostiene. Quando si guarda al mondo tecnologico da una prospettiva radicale, non dobbiamo scivolare nel ragionamento particolare, perché non si tratta di trovare soluzioni su misura per i nostri problemi personali o per la nostra comodità personale e riguardo all’intero spettro delle possibilità tecnologiche delle quali potremmo godere (o persino sfruttare nella guerra contro il potere) quotidianamente. Credo che la cosa corretta sia di non focalizzarsi sul singolo albero, ma sull’incendio che divora la foresta. Perché in definitiva, per essere liberi e non essere limitati da nulla se non dalle leggi della natura, tutti i laboratori, le fabbriche e le macchine dovranno essere distrutti esattamente come le prigioni…

Ma i tecno-feticisti fanatici della Singolarità, alla… Università, hanno un’altra opinione. La redenzione della natura umana (e non solo) viene portata avanti attraverso il nuovo “deus ex-machina” dei transumanisti: il Dio-uomo Cyborg. Così girano per il mondo indisturbati esibendo la propria mercanzia come soluzione a tutti i problemi del mondo. Per cui, sentiamo parlare di varie inconcepibili “toppe” da mettere sui vari buchi che la civilizzazione ha aperto nei corpi di tutti gli animali e nel corpo della Terra. Dalle interfacce cervello-computer per superare i naturali limiti umani agli “ecosistemi” statali digitali automatizzati come “soluzioni” per il cambiamento climatico, ai “trattamenti” per le malattie provocate dall’esistenza della civiltà industriale, fino all’immortalità. I transumanisti hanno una “soluzione” artificiale o robotica per ogni cosa, come hanno escogitato un’ideologia metafisica assolutista che detta la causalità della trasformazione degli esseri umani in trans-umani e poi in post-umani o il loro declino a sub-umani. In breve, essi affermano che i “difetti” fisici, i processi emotivi e biologici “superflui”, i problemi genetici e riproduttivi e le deficienze cognitive possono e devono essere eliminate attraverso l’intervento e letteralmente l’integrazione della tecnologia nel corpo umano, incluso il cervello. In un simile contesto la naturale procreazione umana diviene obsoleta o persino inutile, dal momento che i nuovi tecno-bambini con un’intelligenza tecnologicamente aumentata saranno in grado di riprodurre e pianificare la propria evoluzione. I figli e le figlie non apparterranno più alle proprie famiglie, comunità o ambienti naturali, ma saranno di proprietà di quelli che possiedono i laboratori in cui verranno costruiti o replicati. Di conseguenza, l’ideologia trans-umanista abbraccia con reverenza religiosa la fusione uomo-macchina. E poiché è noto che alcuni dei più grandi crimini contro l’umanità sono stati perpetrati in nome della religione… sarebbe “superfluo” dilungarsi oltre in questa sede sul trattamento che questi tizi hanno in serbo per il resto degli esseri viventi (sulle orme dell’antropocentrismo, che ormai ha qualche secolo), poiché ho già delineato cosa significhi per la natura umana questo assalto tecnologico. Per tutto questo e per molti altri motivi, le “personalità prominenti” dell’Università della Singolarità, insieme ad altri tecnofili, preparano il terreno – già reso fertile dalla dipendenza tecnologica contemporanea – attraverso queste conferenze nei vari paesi che visitano come un teatrino itinerante della comunità tecno-scientifica. L’aspetto più importante in ogni caso non è la presentazione dei loro piani ma la progettazione del futuro stesso, che anch’essa si svolge durante le loro sessioni! Non si tratta di campagne pubblicitarie e di fiere commerciali, né di “bazar” delle nuove tecnologie. Affatto. L’obiettivo finale di tutto questo, ovviamente, è il dominio e il completo controllo dei dati, delle informazioni, dei materiali, delle funzioni vitali, dei fenomeni naturali, delle riserve alimentari ed energetiche. Ma soprattutto il controllo del pensiero della gente, dell’idea che le persone hanno delle proprie relazioni tra di loro e con la natura, la loro percezione del mondo, poiché la mente è sempre stata il vero bersaglio…

Con tecnologie come quella GPS e RFID, sofisticati software di riconoscimento facciale, di “realtà aumentata”, l’Internet delle Cose (IOT), l’agricoltura di precisione e i sistemi Big Data e di cloud (il Next Internet), già ampiamente in uso e che si stanno diffondendo esponenzialmente, e il cui pieno sviluppo appare imminente, possiamo vedere che la convergenza delle varie tecno-scienze e delle tecnologie esponenziali con quelle appena nominate è molto più pervasivo e minaccioso delle tecnologie “smart” che inondano il mondo tecnologico. Tutto questo va ben oltre un mero upgrade, e si può dire che si tratta di una Dominio completa ristrutturazione dalle sue basi.. Pericolosa sia per gli umani che per l’ambiente naturale. E’ in effetti una “rivoluzione” che è stata definita come la Quarta rivoluzione Industriale ed è già in corso. Il suo elemento chiave è “l’armonizzazione” sia del mondo industriale che digitale. O la fusione della realtà fisica tangibile con la realtà virtuale del cyberspazio e qualunque cosa ne consegua. La costruzione di sistemi cyber-fisici, dove “fisico” è un concetto molto rilevante e fragile. Come risultato, l’organizzazione digitale e il controllo di tutti i sistemi globali – fisici ed artificiali, economici e sociali – in tempo reale da parte dei potenti in carica, possono far presagire soltanto una insormontabile distopia tecnologica… Con la prospettiva del monitoraggio dei pazienti attraverso dispositivi indossabili e sensori informatici da ingerire, i registri delle assicurazioni sociali e casellari giudiziari interconnessi con le banche ed altri enti pubblici o privati, e colloqui di lavoro tenuti da robot artificialmente “intelligenti” a rappresentare solo un assaggio di ciò che verrà. La convergenza di Nanotecnologie, Biotecnologie, Tecnologie dell’Informazione e Scienze Cognitive è la principale scommessa del XXI secolo per le aziende leader nel campo tecnologico – e non solo – a livello mondiale, e in certa misura sta già venendo realizzata. E’ anche il primo gradino della scala che conduce alla visione transumanista. L’ulteriore sviluppo e approfondimento della nanotecnologia, dell’ingegneria genetica e dell’ingegneria inversa, delle neuroscienze, della procreazione artificiale e della robotica, con una interazione diretta con il mondo informatico, plasma la prospettiva di una fusione radicale del cyberspazio con il mondo materiale su scala interplanetaria. Esse finiranno per convertire ogni essere vivente ed ogni ecosistema da organismi viventi e inaccessibili, complessi processi naturali e composti chimici in algoritmi e cifre in codici binari che potranno essere codificati e ridisegnati secondo la volontà di qualunque coglione al potere. Bytes, Atomi, Neuroni e Geni verrà tutto misurato nella bilancia scientifica e gli verrà assegnato un prezzo in base alla sua utilità nel tritacarne della civilizzazione.

Da quanto detto fin’ora, penso si comprenda che il mondo come lo abbiamo conosciuto fino ad oggi stia subendo una graduale ma profonda trasformazione. Si potrebbe obiettare che la storia umana è piena di eventi, conflitti e cambiamenti che “hanno cambiato il mondo”, ma che la struttura fondamentale del mondo è rimasta la stessa per secoli. Vorrei ribattere ponendo come argomentazione l’ignoranza della maggioranza della popolazione mondiale, compresa la maggior parte di noi, riguardo la struttura dell’ordine tecnologico esistente, il funzionamento delle macchine e le capacità di apparati tecnologici complessi. Ovviamente questo non significa che le persone debbano essere considerate responsabili né che dovrebbero imparare a costruire, sviluppare e far funzionare apparati tecnologici complessi. A differenza del massiccio utilizzo della connessione internet, ad esempio, e dell’informazione che è ampiamente disponibile, noi “persone comuni”, anche se volessimo, non siamo in grado di conoscere il reale potenziale di tecnologie e scienze prima che esse vedano la luce e ricevano un buon grado di pubblicizzazione e che siano acquistabili sul mercato. Ma anche così, le potenzialità offerte attraverso la tecnologia al pubblico sono infinitamente minori del potere delle principali multinazionali del settore, un fatto che rivela, tra le altre cose, l’intrinseca disuguaglianza del sistema tecno-scientifico, dal momento che esso solitamente offre funzioni e capacità banali che le persone hanno sviluppato per millenni attraverso l’utilizzo dei propri sensi e della propria intelligenza. Questi sono applicazioni e strumenti di importanza irrisoria se paragonati allo spettro di potere che le loro tecnologie offrono e forniscono ai padroni del mondo, e sono solitamente del tutto superflui dal momento che per migliaia di anni le persone hanno svolto le stesse funzioni e soddisfatto gli stessi bisogni senza di essi. Il fermento attorno ad un’invenzione tecnologica solitamente stimola illusioni e stupidità piuttosto che i sensi e l’intelligenza. L’illusione, ad esempio, che internet porterà alla liberazione dell’umanità e alla saggezza è completamente crollata. Non mi dilungherò sullo sviluppo di questa idea e sul suo crollo ora, ma gli esempi sono infiniti… E’ sufficiente ricordare gli eventi della Primavera Araba quando internet venne inizialmente utilizzato dagli insorti, ma che poi divenne evidente chi ne detenesse realmente il controllo. Il destino tecnologico è perciò scritto dalle élite che, in costante interazione con i centri di ricerca, le università, le istituzioni statali e le organizzazioni internazionali, dietro un’apparenza “innocua” e “innocente”, stanno pianificando il futuro del mondo. La collaborazione in continua espansione tra industria e ricerca non richiede più recinzioni di filo spinato e postazioni militari, perché prende forma dentro strutture del tutto legittime agli occhi dell’immaginario sociale. Se i database biometrici e del DNA (elementi integrati nella Carta del Cittadino che lo stato greco sta già preparando sotto la direzione dei suoi padroni stranieri come sostituto della carta d’identità) sono i primi mattoni nel mosaico del controllo bio-politico diretto e visibile, allora i sensori, i nano-chip, gli impianti invisibili costituiscono una griglia di dominio e sfruttamento vasta e profonda non solo per gli umani ma per ogni essere vivente. Le telecamere di sorveglianza e i sistemi di monitoraggio delle agenzie di intelligence militare e poliziesca sono “gocce nel oceano” di fronte alla prossima colonizzazione di ogni attività sociale, di ogni processo naturale, di ogni persone, di ogni animale e pianta, dell’acqua, del suolo e dell’atmosfera. Possiamo immaginare un futuro (non troppo distante) dove i confini tra pubblico e privato saranno troppo vaghi o invisibili, perché ogni cosa attorno a noi sarà in diretta connessione con i sistemi digitali del potere. Due rapidi esempi di una tale – semplice (eppure fino ad ora) – massiccia applicazione sono stati sviluppati negli stati dell’Estonia e degli Emirati Arabi Uniti. Ovviamente, la trasformazione precedentemente menzionata non riguarda solo la repressione dei ribelli. La repressione ed il controllo sociale sono semplicemente gli esempi più indicativi dell’essenza del Dominio. Come è noto, chi detiene il potere hanno sempre aspirazioni imperialistiche. La trasformazione del mondo perciò tocca a maggior ragione tutte le aree della vita sociale, anche i più intimi momenti della nostra vita privata, dai nostri pensieri ed emozioni più profondi fino agli aspetti inesplorati del mondo naturale, colpendo prima la vita selvatica e poi gli esclusi, i non istruiti, i deboli, i marginalizzati, fino ad eliminarli o a renderli ingranaggi dell’apparato sociale.

Il problema principale, per noi CHE VOGLIAMO LA LIBERTA’ e vogliamo lottare per essa insieme ad altre persone, è che la maggior parte della gente è favorevole e contribuisce a tale prospettiva quando non è addirittura attivamente coinvolta nel realizzarla. Perciò proveremo l’esperienza senza via d’uscita di una società totalitaria in cui da un lato le possibilità di resistenza e le decisioni di rimanerne fuori diminuiranno costantemente, mentre dall’altro sempre nuove applicazioni tecnologiche saranno rivendicate come un “diritto” e gli sforzi per accedervi e acquisirli saranno definiti “lotta” (come è già il caso della procreazione medicalmente assistita e della gestazione surrogata, che trovano sostenitori tra le tendenze postmoderniste e liberali come gli aderenti alla teoria queer e a quella trans-femminista). Affronteremo condizioni in cui chi non si adeguerà allo sviluppo tecnologico e ai suoi imperativi sarà automaticamente segnalato alle autorità attraverso Internet e i fuorilegge saranno probabilmente rinchiusi automaticamente dentro le loro case o macchine fino all’arresto e inviati ad un campo di concentramento… L’esempio della Cina fa da guida verso questa prospettiva grazie all’applicazione in via sperimentale di programmi di un sistema di crediti sociali basati sui depositi bancari, lo shopping nei supermercati, l’attività sui social media, il comportamento stradale ecc., ed ha sviluppato il più vasto sistema di controllo panoptico con innumerevoli telecamere e droni di sorveglianza (anche a forma di uccelli) direttamente collegati alla polizia e funzionanti attraverso le tecnologie di riconoscimento facciale; che è l’intelligenza artificiale per il riconoscimento facciale. La Cina è stata accusata di rapimento da parte dei Musulmani Turchi, mentre dà maniacalmente la caccia ai dissidenti politici e alle loro famiglie, costituendo una rete di moderno “McCarthysmo”. Inoltre, essa amplia i propri esperimenti tecnologici attraverso la “cinesizzazione” del continente africano e utilizzando volti Nigeriani per affinare le tecnologie di machine-learning che sviluppa, per esempio, il colosso Alibaba e non solo. A proposito, è notevole che in questo momento, se non mi sbaglio, i maggiori investimenti nel mondo vengano fatti nel campo dell’Intelligenza Artificiale, creando un clima da Guerra Fredda tra Cina e USA (con alcuni ovvi esempi a dare l’allarme già dato dalla disputa per il controllo più che per il commercio dei nuovi network di telecomunicazioni 5G, che rappresentano la base per lo sviluppo delle “smart cities”) e ricordandoci di una guerra che probabilmente non si è mai conclusa e con conseguenze imprevedibili, proporzionale allo sviluppo e all’uso delle armi atomiche… Nel nostro continente, la Finlandia è all’avanguardia della sua crescita, avendo già sviluppato una strategia nazionale per l’intelligenza artificiale, pretendendo titoli e sovvenzioni dalla Commissione Europea, avvantaggiandosi della propria presidenza del Consiglio dell’Unione Europea dal primo luglio, per i mega progetti che sviluppa. Essa ha investito nella cooperazione con l’Estonia e la Svezia per diventare il primo “laboratorio” europeo per le applicazioni dell’intelligenza artificiale. Il direttore generale del Ministero dell’Economia ha dichiarato che la IA rappresenta la punta di diamante per lo sviluppo di una serie di applicazioni digitali, ovvero la governance digitale. Dirò soltanto che la compagnia finlandese Nokia ha detto che essa addestrerà tutti i propri impiegati nel campo della IA.

Ma quando parlo di totalitarismo tecno-scientifico non intendo che le macchine governeranno le persone, ma che chi avrà il controllo di tali macchine avrà un’autorità totalitaria talmente potente e diffusa che rovesciarli sarà impossibile, dal momento che né la conoscenza, né la libertà d’agire saranno disponibili per gli aspiranti ribelli per fermarli. Come già notato,lo spodestamento del Principe-Umano avverrà attraverso un nuovo “deus ex-machina”, l’uomo-divinità meccanico, o Cyborg, ma totalmente allineato e compatibile con i desideri dei potenti e con i bisogni dell’economia del libero mercato. La “libera” scelta degli interventi e delle modificazioni tecnologici di corpo e natura sarà data e predeterminata quanto la scelta di votare un partito politico piuttosto che un altro nelle elezioni democratiche. In conclusione, delegare le nostre vite ai giganti e ai padroni della tecnologia (dal momento che l’economia sta muovendosi sempre più rapidamente verso la completa assimilazione della tecnologia, se quest’ultima non ha già integrato la prima) significherà delegare la libertà e il benessere di tutta la biosfera alle macchine, per cui sarebbe saggio ricordare ciò che i Luddisti fecero a loro tempo, tranne per il fatto che la nostra stessa sopravvivenza e quella dell’intero pianeta sono ora letteralmente minacciate. Ecco perché dobbiamo capire cosa siamo disposti e in grado di fare e come combatteremo. Ecco perché l’importanza di questo incontro internazionale è enorme e spero che abbia le migliori prospettive in modo che con calma e responsabilità, senza arroganza e nello spirito della cooperazione e del rispetto di tutti i compagni, vediamo come possiamo elaborare congiuntamente piani per la distruzione di questa mostruosità autoritaria che è la moderna civilizzazione.

Infine, vorrei citare rapidamente e soltanto a titolo informativo quattro eventi che hanno catturato la mia attenzione e che voglio condividere perché mi hanno fatto sentire troppo turbato tanto quanto preoccuperanno voi se già non ne foste al corrente. Nonostante io in questa occasione non devo contribuire con analisi o critiche approfondite, vorrei portare la vostra attenzione sulla manipolazione genetica di bambine avvenuta in Cina, il trapianto robotico di utero in Svezia, la procreazione artificiale con trasferimento del fuso materno in Grecia e la creazione di un cuore umano per mezzo di una stampante tridimensionale utilizzando cellule umane recentemente in Israele.

Sono sicuro che alcuni di voi saranno sconvolti da tutto questo, ma credetemi, posso capire come vi sentiate e posso immaginare l’atmosfera soffocante che si sarà creata quando verranno affrontati certi argomenti e l’indignazione e l’angoscia per la direzione di questo mondo…

Vi auguro buona fortuna nelle vostre discussioni e una buona lotta!

Dinos


* Quest’anno i vertici SingularityU, tra gli altri paesi, si terranno di nuovo l’8-9 ottobre a Milano e l’11-12 novembre nella sala concerti di Atene

 

pdf: Contributo Dinos

Contribution to the international meeting against the techno-sciences, Dino Giagtzoglou

Contribution to the international meeting against the techno-sciences (Italy – July 2019) by anarchist Dino Giagtzoglou, prisoner of the Greek state

Comrades

I start this letter with a certainty. I am sure that our life experiences are very different as well as the starting points of the struggle of each and every one. I also think that with many of you we have different ideological origins and disagreements or contrasts on individual issues. But I firmly believe that the will to resist the plans of Domination, stemming from the awareness of the fundamental social alienation that alienates us from ourselves and nature as a whole, and the revolutionary passion for the destruction of the mega-machine of Power unite us in a common vision of a world free from the shackles of civilization. By going through a variety of analyzes, striding kilometer distances and eliminating in practice the language obstacles, since we recognize that there is the community of struggle for total liberation, we can really keep the flame of the revolt lit and the wager of the social revolution open. I therefore send a warm greeting to the Resistenze Al Nanomondo collective and to all the participants in the international meeting against the techno-sciences, expressing in advance my eagerness to fill the gaps in knowledge, that my absence will undoubtedly cause, by studying your reflections, your conclusions and everything you can get me through the actions and collaborations that will come from your fermentations in Italy.

But let’s take things in turn. For 21 months now, I have been pre-trial detained in the Greek prisons because I made the decision, like many fighters around the world, to realize my ideas by taking a battle position in the social war and fighting against power, here and now. So I am in prison because I put my ideas into practice beyond the limits of the law and certainly not by accident.

With the firm conviction that the revolution will either be lawless or it will be nothing, I wanted to give a concrete example – in the first person and in the present tense – of what revolutionary solidarity could mean, beyond the dipoles of innocence and guilt, of legality and illegality, by providing shelter to a persecuted comrade. That is why I am buried in tons of cement and iron, risking to be condemned for the “terrorist” attacks with booby-trapped letter envelopes on EU officials, executives of economic organizations and credit rating agencies sent in the spring of 2017, with which I have denied my correlation since my arrest, but the odds of my conviction for them remain high. Of course no one was found in prison simply because one decided to fight against oppression and exploitation. My current status is the actual proof that I made mistakes. Mistakes in some decisions I made in relation both to myself and to other individuals with whom I misguidedly felt we have been sharing a common struggle. Mistakes that cost dozens of years of imprisonment, mistakes that may be unforgivable, but certainly neither them nor prison itself can cancel my permanent determination for struggle, struggle, struggle… under any circumstances. So I can only breathe through the endeavors of the comrades who are outside the walls and continue the struggle. I want to support such efforts because through them I am inspiring and essentially exist, I live for them! And so I see these three days too.

But is it just that? Is it just a meeting of individuals and groups struggling? In my opinion, certainly not. Having studied only a small part of the work of some of the speakers today, I know that they are comrades who have gone the extra mile in analyzes and critiques of the modern technological paradigm and not only… But I want to emphasize the up-to-date anti-technological critique developed by the comrades, alongside individual struggles and respected analyzes of other themes, not only because it falls within the topic of today’s meeting but also because I think it is something that is too absent from our broader milieus of struggle. Unfortunately, critique of technology (and I am talking about complex and high technology), which is never neutral, but it is the tangible expression of the scientifically structured power, is very disproportionate to the conditions it forms at environmental, social, political and economic level. And if what I say looks like a more general criticism of the radical-revolutionary front then it is definitely a criticism that also targets me personally. I think that in this area, not to get away from the topic by entering other fields, our analyzes (and “our” refers to a more general context and certainly not to the speakers of the event) are extremely behind, and consequently the current struggle against Domination is both ineffective and in the wrong direction. The above conclusions are briefly documented, but I gradually realize the various manifestations of this problem that we can clearly see around us, at least in these lands. In Greece, the comrades (anarchist or not) who have studied modern technologies and the ways they affect humans and life as a whole are just a few. In the last few years, with a delay but in a hurry, I watch with great concern and awe the technological developments, trying to develop a critical analysis of the current state of the civilized world of Power and its various intertwined structures, systems, institutions and mechanisms, by seeking and studying thoughts of companions who thoughtfully shed light on this ubiquitous dimension of domination, either their analytical tools are derived from the class struggle perspective, radical ecology or the anti-civilization anarchist views.

A very recent event that made me very nervous was on 19-20 November 2018, just two months after Thessaloniki International Fair with the USA being the honored country and the contracting of a memorandum of understanding between Microsoft and the largest public university institution in Greece, AUTH, when one of the summits of the Singularity University was held at the Athens Concert Hall next to the US Embassy, for the first time in this country. One day later, the 20th InfoCom World conference, which is an institution for Telecommunications, IT & Media in Southern East Europe, took place in the same venue. This is the annual meeting of digital market executives in order to implement the Digital Transformation in the GIGAbit era and its central theme was the development of 5G networks. Also this year, from 10th to 12th of January 2019, the 2nd Symposium of Assisted Procreation “New Horizons in IVF” took place again at the Concert Hall, focusing on the latest developments in assisted procreation with the participation of scientists from all over the world and themes such as in-vitro activation of ovarian tissue, creation of the first human egg in the laboratory, therapeutic modification of genes in vitro, and news from the wider use of «Spindle Transfer» in clinical application. At this conference, through a videoconference on the role of mitochondria in procreation, which was broadcast live online, by the American Society for Reproductive Medicine to 7,000 scientists from 100 countries, the first pregnancy using the method of maternal spindle transfer to a Greek woman was announced.

Here I want to talk about the first event. Both days of the Singularity Summit* were live-streaming broadcast to many public universities in Athens and the Greek province as well as to the collaborating with SingularityU and on the face of it “neutral” national research centre Demokritos, where a few days ago in early July in co-operation with the Singularity’s faculty the Singularity Youth Summer School was organized for the second time to introduce young people to artificial intelligence and biotechnology. The magnitude of the Singularity Summit, regardless of where it takes place each time, in accordance with other international industrial, business and research ventures (e.g. Human Genome Project and Human Brain Project and certainly IBM’s Smart Planet vision), in my opinion, is similar to that of NATO conferences and the summits of relevant international organizations for the military-industrial complex, as it is a powerful symbol of the global domination of transnational techno-scientific lobbies. I point out the multinational character of this organization despite the on paper American “aegis” because, contrary to the outdated anti-imperialist view of one and absolute Empire, I have come to deem a worldwide ruthless struggle against the representatives and the structures of the armed wing of modern civilization, which is the techno-science of Domination, to be the only pertinent and consistent “anti-imperialism”.

The Singularity, in this case, is just a figure of speech, a metaphor, perhaps a marketing technique, without this reducing the importance of the singular crime that is happening at all. As you may already know, it is a concept derived from Physics, of course detached and drained from its true meaning and content, so as to fit into the techno-scientific propaganda of the time it was born. Originally responsible for this plagiarism (because this is what it is about) is the polymath mathematician and computer scientist John von Neumann (with a significant contribution, inter alia, to thermonuclear reactions and the construction of a hydrogen bomb suitable for intercontinental ballistic missiles), who spoke first about singularity because of technological progress, following the working hypothesis of mathematician Irving John Good about the “super-intelligent machine,” that is, the point in earthly space-time when Artificial Intelligence will reach a higher level of transcendence of the most advanced human intelligence, after which no prediction for the future of humanity will no longer have any sense. Later, technological singularity became popular by the also mathematician Vernor Vinge, while other futurists such as the futuristic transhumanists Ray Kurzweil and Peter Diamandis, founders and decision makers of the University of the… Singularity, also embraced this techno-maniac theory. However, the real crime is not the expropriation of a concept widespread in good part amongst the scientific community. Artificial singularity has absolutely nothing to do with the essential uniqueness, distinctness, diversity and the limitless and unexplored wealth of the natural world… And how could it? The University, which is a Silicon Valley think tank and is headquartered in a NASA-owned site, collaborates with the DARPA of US Department of Defense, MIT and the world’s leading technology behemoths, and its main sponsor is Google, could be nothing but a bloodsucking organization that purposefully accumulates profit and power, through the façade of scientific leading experts, until the small “armies” it trains colonize the whole biosphere. Of course, as in every individual technological innovation, here too the pretexts are in abundance (like the title of Peter Diamandis book). Pretexts and disguises of the most abominable plans of tomorrow, a figment of the morbid imagination of the most awful mechanistic and reductionist perceptions of today, while tracing their authoritarian genealogy, we find their cultural origins in the Inquisition and the Witch-Hunt of the Middle Ages. This is because, among others, also the “movement” of transhumanists and techno-scientists apply and aspire to expand similar interrogation practices of torturing experimentation on the whole biosphere in order to completely objectify, quantify, standardize, instrumentalize, automatize, homogenize and domesticate wildlife and nature, with an uncanny ideology as a bootstrap that attempts to propagate through these summits each year in various countries across the globe. Unfortunately, however, it is not about some “mad scientists” or “science fiction”. The Singularity undertakes to nurture the best researchers and prepare world leaders to implement plans to address the so-called “great challenges of humanity”. Thus technology takes on the role of “the saviour of humankind”. Who cares if for all human suffering, environmental pollution, ecological crisis the capitalist, technological and industrial society is to blame? After all, history teaches us over time that more technology does not come with a happier or more free world…

Many times the most on paper innocent, insignificant and harmless research programs and experiments have historically led to the most heinous atrocities with devastating effects on human and the planet. Exactly the same technological developments that are presented through supposedly beneficial and entrancing applications in civil society are used for military purposes. The research itself begins for military purposes and ends up in our home in the form of an “innocuous” microwave oven or an internet connection (see ARPANET). For example, scientists who discovered nuclear power in their time were considered upright researchers (one was actually against the Third Reich and the persecution of Jews) and their subject matter studied in their exclusive (and isolated from the rest) field of interest a neutral research work, with the well-known to everyone now results of the atomic bomb. And the examples of interconnecting military and civil applications from the same techno-scientific research are not over. So let us wonder how we can consider one research to be good, while another bad, when a small and seemingly irrelevant piece of it can be used and is used as a complement to the puzzles of a more general development, the plan of which is always determined by the powerful. Obviously, not all researches are of the same significance and the same consequence, this is an easy finding. However, it is not necessarily those just carrying out research and projects specifically on nanotechnology or genetic engineering, for example, that one’s work can be utilized for harmful purposes (which are definitely presented as a public service as well as the “benevolent” institutions of the banking groups). Fortunately, some comrades reject easy inferences and convenient analyzes and avoid bringing reality to their political alignment because, unfortunately, reality is relentless. A researcher – always – operates within the dominant techno-scientific paradigm. She cannot escape this even if she is the most “moral” person across the world. The ills and problems caused by a system of domination and exploitation are impossible to be cured and solved once and for all with the tools and methods of the same system in its predetermined frameworks. Scientific research is never neutral. Even if it can be temporarily used for beneficial purposes (see cancer treatment), the direction of the plans of Domination cannot be changed from within. Of course, every participatory system (such as democracy) does not only need those who research, execute, obey and blatantly support and protect its operation, but also those who – always within acceptable contexts – disagree, question it, criticize it, counterpropose, improve it and therefore equally support it. When looking at the technological world from a radical point of view, we should not slip into the case-based reasoning, because this is not a question of custom solutions to our personal problem or our personal comfort and the full range of technological possibilities that we may enjoy (or even use in the war against power) on a daily basis. I think the right thing is not to focus on a single tree, but on the burning forest. Because, at the end of the day, to be free and not to be limited by anything but the laws of nature, all laboratories, factories and machines should be destroyed just like prisons…

But the techno-fetishist fanatics of the Singularity, at the… University, have another opinion. The atonement of human (and not only) nature is undertaken by the new “deus ex machina” of the transhumanists: the “god-man” Cyborg. So, they wander around the globe undisturbed and trot out their merchandise as solutions to all the problems of the world. So, we hear about various inconceivable “patches” on the multiform holes that human civilization has opened in the bodies of all animals and the body of Earth. From brain-computer interfaces to overcome human natural limits and digital automated governmental “ecosystems” to “solutions” to climate change, “treatments” for diseases caused by the existence of industrial civilization, or even “immortality”. Transhumanists have an artificial or robotic “solution” for everything, as they have contrived to create a metaphysical absolutist ideology that dictates the causality of transformation of human beings into trans-humans and then to post-humans or their decline to subhumans. In short, they claim that physical “flaws”, “unnecessary” emotional and biological processes, genetic and procreative frailties, mental deficiencies can and should be eliminated through the intervention and the literal integration of technology into the human body, including the brain. In this context, natural human procreation will become obsolete, or even useless, as the new techno-children with advanced technological intelligence will be able to reproduce and plan their own evolution. Sons and daughters will no longer belong to families, communities or natural environments, but will be property of those who own the laboratories in which they were either built or replicated. Consequently, the transhumanist ideology embraces the human-machine fusion with religious reverence. And as it is known some of the greatest crimes against humanity have been committed in the name of religion… It would be “unnecessary” to refer here further to the treatment these guys hold in store for the rest of the living beings (in the footsteps of the anthropocentrism established for centuries now), since I have already outlined what this technological onset marks for human nature. For all this and many other things, the “prominent personalities” of Singularity University, among other technophiles, cultivate the ground – already fertile due to contemporary technological addictions – through these conferences in the various countries they visit as a touring theatre of the techno-scientific community. Most important, however, is not the presentation of their plans, but the design of the future itself, which in their sessions takes place too! It is not about advertising campaigns and trade fairs, nor about “bazaars” of new technologies. No, not at all. The ultimate goal of all this, of course, is the dominance and absolute control of data, information, materials, vital functions, natural phenomena, food reserves and energy resources. But above all the control of the way people think, the image they have about the relations between them and with nature, their perception of the world itself, since what has always been the real target is the mind…

With already applied and widespread GPS and RFID technologies, sophisticated facial recognition software, “augmented reality”, the Internet of Things (IOT) applications, precision agriculture and cloud computing and Big Data systems (the Next Internet in two words), diffusing exponentially and their full development being imminent, we can see that the convergence of the various techno-sciences and exponential technologies in combination with the above is far more pervasive and threatening than the – known to everyone – “smart” technologies that flood the technological world. It goes far beyond a mere upgrade, and we would say that this is a fundamental restructuring of Domination as a whole. Threatening both for humans and for the natural environment. It is indeed a “revolution”, which has been defined as the 4th industrial revolution and is already under way. Its key element is the “harmonization” of both the industrial and the digital world. Or, the merging of tangible physical reality with the virtual reality of cyberspace and whatever follows on from this. The building of cyber-physical systems, with “physical” being a very relevant and vulnerable concept. As a result, the digital organization and control of all the global systems – physical and artificial, business and societal – in real time, by the powerful who hold the power, can foreshadow only an insurmountable technological dystopia… With the prospects of monitoring patients via digestible computer sensors and wearables, interconnected social insurance registers and criminal records with banks and other public and private entities, and interviews of work applicants by artificially “intelligent” robots being only a foretaste of what will follow. The convergence of Nanotechnology, Biotechnology, Information Technology and Cognitive Sciences is the no. 1 wager of the 21st century for leading technology companies – and not only – world-wide, and is already happening to a certain extent. It is also the first step on the ladder of the transhumanist vision. The further development and deepening of nanotechnology, genetic engineering and reverse engineering, neurosciences, artificial procreation, and robotics, in direct interaction with the computer world, shape the prospect of a radical mesh of the cyberspace with the material world on an interplanetary scale. They eventually convert all living beings and ecosystems from living and inaccessible organisms, complex natural processes and chemical compounds into algorithms, and digits into binary codes that can be encoded and redesigned at will by any fucker who holds the power. Bytes, Atoms, Neurons, and Genes all come into the scientific scales and are priced according to their utility in the meat grinder of civilization.

From all of the above, I think it can be understood that the world, as we know it so far, undergoes a gradual but profound transformation. One could object here that human history is full of “world-changing” incidents, conflicts and rearrangements, but the basic structure of the world remains the same for centuries. I would disagree, starting by posing the argument of the ignorance of the majority of the world’s human population, including most of us, about the structure of the existing technological order, the functioning of the machines and the capabilities of complex technological apparatuses. Of course, this does not mean that people are to blame or that they should learn how to construct, develop and run complex technological apparatuses. Unlike the massive internet connection’s use, for example, and the information that is widely available, we, “ordinary people”, even if we wanted to, are not able to know the real potential of technology and science before they come to light and get a fair extent of publicity as well as they become available in the retail market. But even so, the potentialities offered through technology to the general public are infinitely less than the power of the major multinational companies in the field, a fact that reveals, among other things, the inherent inequality of the techno-scientific system, since it usually offers trivial and banal functions and capabilities that people have developed for millennia through the basic physical capacity of senses and mental perception. These are applications and tools of piddling importance in comparison with the range of power that their technologies hold and provide to the bosses of the world and usually totally superfluous since for thousands of years people have served the same needs and functions without them. The buzz around a technological invention usually stimulates illusions and stupidity rather than true senses and intelligence. The illusion, for example, that the internet would lead to the liberation of humanity and wisdom, has completely collapsed. I am not going to enlarge upon the development of this idea and its collapse now, but the examples are countless… It is enough to remember the events of the Arab Spring where the internet was initially used by the insurgents, but then it became apparent in a deafening way who really keeps it in their grip. Technological fate is thus written by the elites who, in constant interaction and collaboration with research centers, universities, state institutions and international organizations, on the face of it, “innocent” and “innocuous”, are planning the future of the world. The ever-expanding conjunction between industry and research no longer requires barbed wire fences and military outposts, since it takes its form in facilities fully legit in the social imaginary. If DNA and biometric data banks (embedded elements in the upcoming Citizen’s Card, which is already being prepared by the Greek state under the direction of its foreign patrons to replace the identity card) are the first tiles in the mosaic of the direct and visible bio-political control, then sensors, nano-chips, invisible implants make up an inconceivably deep and vast grid of domination and exploitation not only for humans but also for every living being.

CCTV cameras and the military, police and intelligence agencies’ monitoring systems are “drops in the ocean” in the face of the impending colonization of every social activity, every natural process, every person, every object, animals, plants, waters, the soil and the atmosphere. We can imagine a future (not too distant) where the boundaries between public and private will be from too vague to invisible, since everything around us will be in live and direct connection with digital systems of power. Two quick examples of such – simple (and yet so far) – massive applications have been developed in the states of Estonia and the United Arab Emirates. Of course, the aforementioned transformation does not only concern the repression of the defiant. Repression and social control are just the most indicative examples that concentrate the essence of Domination. As it is known, those who hold power have always had imperialistic aspirations. The transformation of the world therefore affects and will affect even more all the areas of social life, even the most intimate moments of private life, from our most innermost thoughts and emotions up to the unexplored aspects of the whole natural world, first striking the wildlife and then the excluded, the unskilled, the weakened, the marginalized, until they eliminate them or make them gears in the social apparatus.

The major problem for us, WHO WANT FREEDOM and we want to fight for it along with other people, is that most people prepare and are keen on such a perspective if they are not actively involved in the work to achieve it. Thus, we will experience the dead ends of a totalitarian society, in which, on the one hand the possibilities of resistance and the opt-outs will be continually diminishing, and on the other, new technological applications will be claimed as a “right” and the effort to access and acquire them will be baptized “struggle” (as is already the case with medically assisted procreation and surrogate gestation who find supporters among postmodern and liberal tendencies such as queer theory and trans-feminism adherents). We will face conditions where outsiders who do not conform to technological developments and imperatives will be automatically flagged to the authorities via the Internet and the outlaws will probably be automatically locked-up inside their home or car until they get arrested and sent to a concentration camp… China’s example now holds the lead in this perspective through the pilot implementation of a social credit system’s programs for bank deposits, supermarket shopping, social media activity, road behavior etc., and has developed the largest panoptic control networks with countless both steady CCTV cameras and camera drones (even in the form of birds) that are directly connected to the police and operate with facial recognition technologies, i.e. artificial intelligence of person identification. China is accused of kidnapping Turkish Muslims, while maniacally chasing political dissidents and their families and thus setting up a grid of modern “McCarthyism”. Besides, it extends its technological experiments through the “sinicization” of the African continent and using Nigerian faces to refine the machine learning technologies that develops, say, the giant company Alibaba and not only. By the way, it is remarkable that at this time, if I’m not mistaken, the world’s largest investments are made in the field of Artificial Intelligence, creating a Cold War climate between China and the USA (with some obvious samples sounding the alarm already given by the dispute of corresponding tension more for control than for the trade of the new 5G telecommunication networks, which is the basis for the development of “smart cities”) and reminding of a war that probably never ended with unpredictable consequences, proportional to the development and use of nuclear weapons… In our continent, Finland is at the cutting edge of its growth, having already developed a national strategy for artificial intelligence, claiming titles and grants from the European Commission, taking also advantage of the presidency of the Council of the European Union since 1st July, for the mega-project it develops. It has invested in working with Estonia and Sweden to become Europe’s first “laboratory” for artificial intelligence applications. The director general of the Ministry of Economy said that AI is the flagship for the development of a series of digitalization applications, namely digital governance. I only mention that the Finnish company Nokia said it will train its entire workforce in AI.

But when I talk about techno-scientific totalitarianism I do not mean that the machines will rule people but that the ones who control these machines will have a totalitarian authority so powerful and diffused that their overthrow will be impossible, since neither the knowledge, nor the agency will be available for the aspiring rebels to stop it. As noted above, the unhorsing of the Prince-Human is made by a new “deus ex machina”, the mechanical “god-man” or Cyborg, but in full alignment and compatibility with the desires of the rulers and the needs of the free market economy. The “free” choice of technological interventions and modifications in body and nature will be as given and predetermined as the choice of voting for one or the other political parties in democratic elections. In conclusion, the delegation of our lives to technological giants and bosses (since the economy is moving fast towards the full assimilation of technology if the latter has not already integrated the first) will mean the delegation of freedom and welfare of all biosphere to the machines for which it would be wise to remember what the Luddites did in their age, except that the survival and existence of our own and the entire planet is now literally threatened. That is why we need to see what we are willing and able to do and how we will fight. That is why the importance of the three-day international meeting is tremendous and I hope it has the best prospects so that with calmness and accountability, without arrogance and in the spirit of cooperation and respect of all comrades, we see how we can jointly devise plans for the destruction of this authoritarian monstrosity that is the modern civilization.

For the end, I would like to quote briefly and just informatively four events that caught my attention and I want to share with you because they made me feel too troubled as they will certainly make you too in case you do not already know them. Although I do not have to contribute some in-depth analysis and criticism at this time and with all due respect, I bring to your attention up for consideration the genetic modification of children in China, the robotic womb transplantation in Sweden, the artificial procreation with maternal spindle transfer in Greece and the three-dimensional bio-printing of human heart that recently happened in Israel.

I’m sure some of you have already gone crazy with all that, but believe me, I can understand how you feel and imagine the stifling atmosphere in the place when such conversations are opened with real indignation and anguish about where this world is heading to…

I wish you good luck in your discussions and a good fight!

 

Dinos

* This year the SingularityU Summits, among other countries, are going to be held again on 8-9 October in Milan and on 11-12 November at the Athens Concert Hall.

pdf: Eng