Il cammino dell’informatica parte dalle applicazioni militari missilistiche degli anni ’50, per passare a modelli di simulazione complessi negli anni ’80 per la ricerca nucleare e spaziale, nasce così la cibernetica, lo studio del controllo. Senza computer con una capacità di elaborazione sempre più veloce non sarebbe stato possibile sequenziare il genoma, non sarebbe stato possibile lo sviluppo della biologia molecolare. Il sistema tecnico necessita di dispositivi e nanochip sempre più veloci e potenti.
L’integrazione di sistemi diversi che comunicano tra loro: l’internet delle cose, tutto diventa più intelligente, come esprime nella sua propaganda l’IBM. Un terminale globale dove tutto è interconnesso, tutto è tracciato, dove si esiste nella traccia elettronica e virtuale di un terminale.

Sabotaggi in Francia

25 Aprile
Un incendio nella sede della ditta “Varsican mines” che recentemente ha ottenuto il permesso per effettuare ricerche minerarie sul tungsteno, minerale sempre più richiesto nell’industria militare ed aereonautica.

9 Maggio
Un incendio su una cabina elettrica di accesso alle fibre ottiche di Orange ha causato un esteso incendio sotterraneo di cavi.
Novemila persone senza internet e senza telefono fisso. Problemi anche per le reti 3G e 4G.

16 Maggio
Un incendio di un importante ripetitore ha provocato un blocco totale di internet, televisione e telefoni fissi a Louvres, Puiseux-en France, Fosses, Marly-la Ville
Dieci giorni per il ripristino della rete.

18 Maggio
Un locale tecnico di EDF, compagnia elettrica coinvolta nel nucleare, è stato devastato.

31 Maggio
Una pala eolica completamente bruciata, un’altra parzialmente danneggiata. Due milioni di euro di danni. Due delle otto pale eoliche sulle montagne di Marsanne.

Info da: Fenrir, num.9

Presentazione La Piralide – spazio di documentazione Bergamo

Ostrinia nubilalis, meglio conosciuta come piralide, è una farfalla le cui larve sono dedite a vivere, nutrendosene, di piante come il mais, il sorgo e il peperone, oltre a molte altre. Durante la primavera le larve divengono farfalle e fuoriescono dalle piante. Dicono che la sua presenza abbia causato gravi problemi alle coltivazioni di mais, perciò gli esperti del settore, da sempre, hanno ritenuto importante contrastare ed eliminare l’indesiderato insetto tramite interventi chimici (l’impiego di pesticidi e veleni), biologici (l’introduzione di parassiti della piralide) o agronomici (la scelta di varietà di piante resistenti alle larve grazie a delle modificazioni genetiche). Il mais geneticamente modificato è in grado di resistere sia alla piralide sia ad erbicidi molto potenti, come il glifosato, largamente impiegato in coltivazioni di ogni genere. Per questi motivi, in innumerevoli aree del mondo, ove possibile, è ampiamente incentivata la coltivazione di varietà di mais geneticamente modificate, resistenti agli erbicidi, in modo da poter utilizzare veleni e contemporaneamente debellare la piralide, “inopportuna” piralide.

La Piralide – questo insetto così osteggiato dai coltivatori di mais, dalle multinazionali e dai fautori degli organismi geneticamente modificati – è il nome che abbiamo scelto per questo nuovo spazio. Un piccolo insetto il simbolo che abbiamo scelto per uno spazio ed un luogo nel quale affrontare le questioni che ci stanno a cuore. L’attacco alla natura ed a quella parte di mondo ancora selvatica, l’asservimento e la manipolazione tecnologica degli esseri viventi, lo sviluppo della tecnologia stessa nelle sue disparate e molteplici espressioni, lo sfruttamento degli animali e della Terra, con l’avvelenamento e la devastazione ecologica che ne segue, la volontà addomesticatrice del dominio di privarci di ogni possibile tensione alla trasformazione o al sovvertimento della realtà sono per noi espressioni di questo mondo imperniato sull’autorità le quali rendono necessaria ed urgente una analisi ed una critica radicale, non rimandabile ad un futuro migliore.

Mai come oggi è necessario rifiutare il sistema di dominio con le sue logiche di controllo, delega e cogestione democratica delle nocività che ci circondano. Il totalitarismo tecnologico non è solo assoggettamento, imposizione, repressione, ovvero ciò che ci ha reso oggetto di uno sfruttamento, ma anche soggettivazione, ossia ciò che rende l’uomo soggetto, operatore, promulgatore, partecipe del proprio stesso sfruttamento. 

La piralide resiste. Mai come oggi, in questa realtà dove gli individui sono costantemente sottoposti, ricondotti e assoggettati a cause, fini ed esigenze più “grandi” di loro, occorre scoprire la poesia della propria unicità. Mai come oggi, in un mondo dove è possibile una vasta scelta tra le innumerevoli ed insulse libertà offerte, in un mondo interamente trainato e modellato dagli imperativi dell’autorità e della merce, l’esistenza è altrove. La piralide si riproduce.

Desideriamo aprire uno spazio nel quale ci sia e si dia spazio ad idee e tensioni in netto contrasto con l’attuale assetto sociale; uno spazio di documentazione e discussione dove chiunque possa scovare parole e scritti non reperibili tra gli scaffali del supermercato delle opinioni o nelle aule dell’accademia delle ideologie, luoghi dei pensieri confezionati e pronti all’uso. I libri, i materiali stampati, qui non saranno merce offerta per intrattenere, materiale per semplice e puro studio ed approfondimento culturale o racconti di vecchie storie, fonti di nostalgiche o avventurose fughe letterarie. Che senso e significato ha allora documentarsi? Darsi un tempo per approfondire e fondare il proprio pensiero? Sicuramente non quello di accumulare nozioni e contenuti pre-confezionati, da usare nelle più disparate situazioni o tavole rotonde. Sicuramente non quello di dare schemi e filtri risolutivi con cui leggere ed ingabbiare la realtà.

Il sapere va nutrito. Se resta un semplice accumulo indefinito di conoscenze e di informazioni può contribuire a creare, ad alimentare, un più o meno vasto bagaglio culturale e conoscitivo, un insieme di conoscenze che teniamo in serbo per noi e per gli altri. Niente di più. Può il sapere non avere sapore? Possedere un grande quantitativo di conoscenze non conduce necessariamente ad una maggiore comprensione della realtà e di ciò che ci circonda; significa che i fatti e le parole di un tempo, potendo sfuggire a quanti vorrebbero racchiuderli nelle pagine di polverosi volumi, debbono poterci dire qualche cosa di tangibile oggi. Farci riscoprire gusti e sapori.

Se lo sguardo punta a sovvertire, e non a riformare, significa che le mere informazioni, il semplice insieme di saperi e il loro accumulo non bastano e restano soltanto un riempitivo per la mente, buono solo a baloccarsi in esercizi retorici o a rassicurarsi nelle certezze delle proprie illusioni.

Le conoscenze slegate dalle idee restano lettera morta. Allora, assieme alla necessaria conoscenza, occorrono progetti, volontà e tensioni individuali per fare fermentare autonomamente la propria selva di pensieri. In quest’ottica, e solo in questa particolare accezione ancora tutta da esplorare, uno spazio di documentazione può avere pieno significato. Così, a partire da questi presupposti, potranno avere luogo anche la discussione, l’approfondimento, la critica. Al vuoto, alla rassegnazione e all’uniformità dettata da sterili opinioni opponiamo la pienezza e il significato di idee che possono infiammare la vita.

Uno spazio per l’approfondimento e la critica, contro l’autorità e la gerarchia. Certamente non un luogo dove potersi rintanare, come al riparo di una nicchia dove custodirsi intatti. Nemmeno un circolo ricreativo o un centro culturale. Non saranno quattro mura a racchiudere la nostra volontà di riflettere, a tarpare le nostre aspirazioni, a privare di sostanza i nostri sogni, a sedare i nostri desideri. Nemmeno ci illudiamo che potranno essere le attività svolte nello spazio ad inceppare questo mondo di dominio che non ci dà respiro, questo mondo che costantemente offre miseria e obbedienza a piene mani. Le attività che vi potranno nascere saranno espressione delle persone che di volta in volta lo animeranno. Che si tratti di incontri, discussioni, dibattiti o proiezioni, ciò che faremo non avrà né il proposito di riempire un’agenda, come per consolarci in un frenetico attivismo, né l’intento di persuadere, di convertire o di aggregare qualcuno, ed infine, nemmeno la volontà di ricercare un confortante riconoscimento sociale.

Uno spazio in cui la piralide si rafforza e lotta contro il dominio tecno-scientifico.

La Piralide – via del Galgario 11/13 – Bergamo
Apertura: tutti i giovedì dalle ore 16.00 alle ore 20.00
e-mail: avvelenate@anche.no

scarica qui il pdf: la-piralide-presentazione

JOB FAIR 2017 – Pisa

È il primo job meeting (tra i cui sponsor principali c’è Leonardo) dedicato agli allievi e agli ex allievi delle scuole superiori universitarie quali: Scuola Superiore Sant’Anna e Scuola Normale Superiore di Pisa, IUSS di Pavia, Scuola IMT Alti Studi Lucca, Gran Sasso Science Institute dell’Aquila e Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste. I sei istituti del mondo dell’università e della ricerca ti permetteranno di incontrare le aziende leader con l’intento di «consolidare il legame virtuoso» tra formazione di eccellenza e l’universo dello sfruttamento delle imprese. Ma quale legame virtuoso? È un legame che evidenzia piuttosto il ruolo delle università nell’addestrare gli studenti al solo scopo di asservire gli interessi economici di grandi aziende impegnate in settori che vanno da quello bellico e farmaceutico fino ad arrivare a quello informatico e delle biotecnologie, passando ovviamente per i soliti istituti bancari e di credito. Aziende, tra l’altro,che investono proprio sulle ricerche portate avanti da queste stesse università, determinandone l’orizzonte. Il risultato dell’incontro garantirà futuri specialisti noncuranti, dirigenti affamatori e senza scrupoli, ricercatori al servizio del dominio infame che determina e gestisce le nostre vite e distrugge l’ambiente in cui viviamo, sostenendo e alimentando il funzionamento di questa società autoritaria e sempre più tecnocratica.

AZIENDE PARTECIPANTI:
Angelini: azienda chimicafarmaceutica che si distingue per le approfondite ricerche che porta avanti utilizzando la vivisezione.
Enel: dopo aver fatto centinaia e migliaia di morti con il carbone, e l’energia idroelettrica e nucleare, questa ditta punta alle energie rinnovabili, senza troppo interrogarsi su dove disbosca per mettere i pannelli solari o sul fatto che forse questo sistema è da sabotare e non da potenziare con le illusioni della green economy e dell’economia circolare del riciclaggio.
Leonardo Finmeccanica: la più grande azienda di armi italiana. Il più avanzato concentrato di tecnologia bellica alla continua ricerca di come rendere più letali i suoi gadget.
Valagro S.p.A.: multinazionale del settore Agro-farmaceutico, produttrice di fertilizzanti, pesticidi e OGM. “Utilizzare la scienza per conferire e mettere a frutto le potenzialità della natura” è lo slogan usato per mascherare lo sfruttamento e avvelenamento che porta avanti ai danni del territorio. Una nuova concezione del cibo: dal laboratorio direttamente nel tuo piatto! Un azienda per chi si sente un po’ Dio dentro, che vi farà scoprire che l’agricoltura non è più materia per contadini ignoranti!
Unicredit: il gruppo guidato da Jean Pierre Mustier occupa il primo posto nell’elenco delle banche che più appoggiano l’industria bellica: oltre 2,1 miliardi di euro nel 2016.
Thales Italia: gruppo industriale impegnato nella fabbricazione di apparecchi elettronici per le telecomunicazioni militari, la guerra elettronica, la sorveglianza sociale e lo sviluppo delle smart city.
STMicroelectronics: droni, sensori, internet delle cose, questa ditta produce tutto ciò che è necessario per trasformare il mondo che ci circonda in una prigione ancora più opprimente e tecnologica. Ovviamente, anche qui, non possono mancare componenti elettronici per armi.

Galeone Occupato Via Lucchese 65 (angolo con vuia Firenze), Pisa
Garage Anarchico Chiassetto Sant’Ubaldesca 44 (zona S.Martino), Pisa
Aperture Merc-Ven 16-20

qui il pdf impaginato: job fair 2017

12/02 Roma – A fuoco antenne e ripetitori

La notte del 12 Febbraio, nei pressi della stazione metro/bus Ponte Mammolo a Roma, incendiate antenne e ripetitori telefonici.

Contro il dominio tecnologico, sabotiamo l’alienazione causata da smartphone, social network e tutto ciò che produce socialità fittizia e miseria dei rapporti umani.

Solidarietà a tutt* prigionier* anarchic* rinchius* nelle galere.

Un saluto a Cello, Greg e Ghespe

 

Info da: www.autistici.org/cna

Salonicco, Grecia – Attacco incendiario contro OTE

Viviamo in un mondo dove tutti gli aspetti delle nostre vite sono circondati dal sistema tecnologico. Le relazioni sociali vengono instaurate attraverso computer e i telefoni cellulari sono ben lontani dalla vita reale. Ognuno di noi è quotidianamente monitorato ad ogni angolo della città da telecamere, localizzato dal segnale emesso dai nostri telefoni cellulari e archiviato attraverso impronte digitali e campioni di DNA. Questo è stato progettato per trasformare ogni persona in un numero registrato in una banca dati, per essere delle pedine prevedibili e sicure di un sistema marcio.

Il nostro obiettivo è un mondo di individui ribelli che prendono le proprie vite nelle proprie mani, realizzando il proprio desiderio di ribellione e libertà.

Così siamo tornati ad attaccare l’azienda di telecomunicazioni OTE, continuando la campagna anti-tecnologica. All’alba del 14 dicembre abbiamo collocato un dispositivo incendiario al sistema di antenne in Seych Sou [bosco periurbano di Salonicco].

Noi vediamo la solidarietà come un’arma nel conflitto contro lo Stato e Capitale, ed è per questo che rispondiamo all’attacco dello Stato repressivo contro gli anarchici che attaccano gli obiettivi del sistema.

Solidarietà con l’anarchico Salvatore Vespertino, incarcerato il 3 agosto a Firenze e accusato in base alla prova di DNA di aver collocato la bomba davanti ad una libreria fascista.
Solidarietà con l’anarchico Dinos Yatzoglou arrestato nella mattina di 28 ottobre ad Atene e accusato di aver inviato pacchi-bomba.

Morte allo Stato.

Per un Dicembre Nero, per l’Anarchia.

Cellula Anarchica – Distruzione dell’Esistente

fonte: anarhija.info

Grenoble – Incendiato Centro di cultura scientifica, tecnica e industriale

Grenoble, polo tecnologico pacificato?

Nella notte di 21 novembre ci siamo introdotti nella Casemate di Grenoble (più facile del previsto, dato che la porta era aperta (idioti!) e l’abbiamo devastata (chiunque abbia mai lanciato dei computer attraverso una stanza, saprà di cosa parliamo), e infine l’abbiamo allegramente incendiata. Mentre il telegenico responsabile del fablab si sta agitando pateticamente nei media, noi pubblichiamo il nostro comunicato, eco inseparabile dal nostro atto incendiario contro questa istituzione notoriamente nociva a causa della diffusione di cultura digitale.
Negli anni Settanta molti rivoluzionari hanno investito su Internet, mentre l’informatizzazione delle nostre vite era solo agli inizi. Si parlava freneticamente di orizzontalità, del potenziale formidabile di informazione e di condivisione, e persino, per i più confusi, di emancipazione grazie a computer collegati tra di loro. L’appropriazione popolare di questa tecnologia emergente avrebbe, si diceva, minato tutti gli sforzi coercitivi di governi o mercantili delle aziende. Questa ingenua utopia è cambiata nel giro di mezzo secolo, da una profezia marginale ad un’ideologia popolare. Da dirigenti statali a intellettuali di Sinistra, da e-imprenditori ad associazioni ecologiste, tutti affascinati davanti alla rivoluzione digitale. Il hacker è diventato la nuova icona sovversiva e ovunque vengono lodati i social media, l’open source, il lavoro di gruppo, la trasparenza, la gratuità e l’incommensurabile immaterialità.

Ma il superamento dell’era industriale si è rilevato essere una grossa menzogna: migliaia di chilometri di cavo sotto terra e sotto i mari, data-center in tutti gli angoli dell’emisfero, tutta una serie di centrali nucleari per mantenere l’economia attaccata alla flebo, prodotti sofisticati all’obsolescenza accelerata, schermi in tutti gli spazi, nocività anche tra le pieghe intime del nostro quotidiano; tutto poggia sull’industria ipertrofica, la devastazione dell’ultimo spazio non-urbanizzato e lo sfruttamento e l’eliminazione brutale o diffusa di individui umani o non-umani.
L’illusione digitale continua a far effetto. Eppure, l’impagabile Norbert Wiener teorizzò già nel 1954 la cibernetica come arte di governo attraverso macchine. Eppure, è il più grande potere militare al mondo che sviluppò i primi computer, collegandoli in rete, con il solo obiettivo di vincere efficacemente la guerra. Eppure, sono Google, Amazon, Facebook, Apple, che programmano la rete e si arricchiscono. Eppure, sono gli Stati che regolano e sorvegliano lo spazio digitale. Indubbiamente, profitto e controllo presiedono all’immaterialità immaginaria. La società è finita a riassumersi in un totalitarismo tecnologico, finemente modellato, una versione sempre più autoritaria delle gestione di nostre vite. Che fanno i rivoluzionari? Loro cogestiscono la propria alienazione, creano valute digitali e installano wi-fi anche in spazi occupati.
Quando tutto concorre, nella realtà vissuta, a smentire l’ideologia, le ideologie raddoppiano d’inventiva. Comunicazione e immagini devono mascherare il mondo affinché il regno del falso sia mantenuto.
“Ville Internet” [concorso per la miglior copertura internet come servizio pubblico, ndt] ormai si unisce a “Ville Fleurie” [concorso per il miglior spazio verde, ndt], le ultime paccottiglie tecnologiche sono tutte “smart”, i burocrati dell’educazione nazionale rifilano ai bambini contenuti digitali. Vengono ovunque introdotte nuove interfacce digitali ludiche. Gli amministratori delle città soddisfano le start-up assetate di denaro, e le masse tendenzialmente geek si aprono ai fablab nei quartieri alla moda. Questi dispositivi in apparenza estremamente eterogenei mirano tutti ad accelerare il consenso e l’utilizzo sociale di tecnologie della nostra epoca inquietante.

A noi non ce ne frega minimamente se questi fablab provengono dall’immaginario stantio di un hacker ammirato, ma non è così, o che partecipano alla proficua collaborazione scientifica con uno dei templi della tecnocrazia, il MIT (Massassuchets Institute of Technologies), ed è così; perché rappresentano una nocività che siamo venuti a distruggere. Ma non si tratta di criticare questo o quell’aspetto di inferno tecnologico, di deplorare il progresso dell’onniscenza di Stato, dell’efficienza dell’ordine di mercato, o del nostro crescente addomesticamento eseguito da macchine. Se lottiamo contro il progetto cibernetico che avvelena la nostra sottomissione, è la totalità di questo mondo spregevole che noi attacchiamo.
Siamo un po’ in ritardo per la data del 16 (processo), ma inviamo il nostro sostegno ai compagni nell’operazione Scripta Manent (particolarmente a quelli che subiscono la censura). Inviamo anche forza alle tre compagne di Montreuil, attualmente in detenzione preventiva [rilasciate il 23/11, ndt], come al compagno in isolamento.
I compagni in Cile hanno lanciato un appello per un mese di novembre nero. Anche se ci piace l’idea della campagna internazionale lanciata da anarchici, noi non ci ritroviamo in questa “esigenza di liberare i prigionieri”. Anche se condividiamo l’idea di sostenere i detenuti ribelli con attacchi, ci rifiutiamo di entrare in una logica di dialogo con lo Stato (o con ogni altro potere).
Questa notte abbiamo bruciato la Casemate, domani sarà qualcos’altro, e le nostre vite saranno troppo brevi, in carcere o alla’aria libera, perché tutto ciò che odiamo bruci.
fonte: anarhija.info

Francia – Ripetitori in fiamme

Quando si raggiunge la cima della collina c’è l’Orso Grande sopra la tua testa. E poi, sotto, vedi le luci di Issoire, che fanno guerra alle stelle del cielo. E soprattutto, al di sopra di tutto, c’è un ripetitore accanto a te, che ti ricorda che non sei venuto a recitare la poesia. Accendi il fuoco …

Nelle prime ore del 22 agosto abbiamo fatto fuoco sulla collina. In Moidias, due ripetitori che servono la linea telefonica da Issore a Brioude e la trasmissione di molte frequenze radio sono salite in fiamme. Poiché non potevamo spegnere le luci della città, almeno abbiamo spento gli smartphone.
Poiché questo mondo è troppo stretto, essa mira alla normalizzazione, al controllo, alla sterilizzazione e alla digitalizzazione di ogni individualità. Perché volevamo darci un soffio d’aria, sentivo vivo piuttosto che soffocare. È vero, questo desiderio di distruzione potrebbe essere stato soddisfatto di un attacco alle strutture della Croce Rossa, a una fattoria riproduttiva oa un centro di detenzione migranti. Ci attacchiamo per non essere ancora un altro architetto delle strutture del potere. Noi attacchiamo per piacere immediato e non per un ipotetico futuro radiante.
Come sottolineato in altre affermazioni, la tecnologia – che ci tiene immobile e colonizza la nostra immaginazione – è uno dei pilastri della civiltà. Se siamo d’accordo con questo, non possiamo essere soddisfatti di un semplice scambio di idee. Così abbiamo cercato punti sensibili su cui agire. Bruciando i ripetitori, non solo vogliamo infliggere i più grandi danni ai promotori della protesi tecnologica. È un modo di comunicare, interagire, sabotare la civiltà.
Per interrompere la routine di cittadini onesti, lavoratori, consumatori, persone ricche o povere, giovani o vecchi, super-collegati o techno-scettici, che contribuiscono allo sviluppo della civiltà profonda, dove continuiamo a inviare informazioni, discutere via internet e scopare via SMS. Così coloro che dipendono dagli schermi e dalle cuffie sono immersi nel silenzio angoscioso della comunicazione fallita e sono proprio coloro che stanno costruendo e perpetrate questo tipo di relazione con il mondo, garantendo così che quest’ultimo non esegue rischi.
Ma questo attacco deriva anche dalla volontà di mettere in discussione la relazione che abbiamo con la mediazione tecnologica dei viventi (umani e non umani) e la digitalizzazione dell’esistente. Ci permette di criticare in atto la costruzione di tutte le regole (sessista, razzista, omofobica, specista …) diffusa dal continuo flusso di immagini e informazioni e che hanno quasi schiacciato le nostre individualità.
Se aggiungiamo il fatto che molti compagni sono colpiti da procedimenti repressivi in ​​cui, anche grazie alla collaborazione degli operatori telefonici, i mezzi di comunicazione diventano strumenti per catturare coloro che rivoltano, ecco alcuni motivi per i ripetitori di barbecue. Poche ragioni per le quali nessuna delle quali contempla la prospettiva di aprire una fessura nella normalità in modo che la rivoluzione accada. Se questa speranza ci abbracciasse in passato, ora è morta nei nostri cuori.
Volevamo che questo attacco risuonasse con la stringa di altri barbecue (di ripetitori, veicoli e locali di Enedis [un ramo di Electricité de France, la rete elettrica nazionale …)), che si è svolto nell’estate del 2017 su cui condividiamo molti delle critiche e delle proposte. A questo proposito ci siamo chiesti cosa dobbiamo fare per non cadere in una dinamica della concorrenza. Come essere ispirati dalle azioni altrui senza che questa sia una sfida per vedere chi fa il più grande (ripetitore)?
Questo è ciò che ci ha portato ad analizzare, progettare e realizzare questo attacco. Ciò che ci ha portato giorni è stata la definizione degli aspetti pratici del piano (come avviare un fuoco senza bruciarsi, per esempio), ma anche la condivisione di ciò che era in gioco, le specificità, i desideri e i limiti di ciascun individuo che ha partecipato dentro. Ci siamo messi in gioco e abbiamo trovato i mezzi per i nostri desideri, anche se è stato difficile fisicamente ed emotivamente. La bellezza del processo attraverso cui abbiamo cercato di unire la violenza dell’intento con la benevolenza dell’attenzione, ci dà tanta soddisfazione come quella di aver riuscito a distruggere quei ripetitori. Non siamo soldati, in momenti come questi, le nostre individualità diventano reali, si incontrano e si discutono tra di loro. Che facciamo la nostra sintesi tra teoria e pratica.
Abbiamo distrutto i ripetitori forzando le porte o le recinzioni che li proteggevano e mettendo dispositivi incendiari su diverse parti dei cavi. I dispositivi erano semplici bottiglie di plastica di una e una mezza litro piene di benzina, su cui un buon pezzo di candelabro era collegato con filo.
Non metteremo fine a questo comunicato senza prima esprimere la nostra solidarietà con Krem e Kara e coloro che attaccano il mondo e non dimenticano che essi stessi potrebbero essere parte dei suoi meccanismi.

BARJO – Barbecue d’Antennes Relais Joliment Osé

Info da: www.325.nostate.net