THREE DAYS AGAINST THE TECNO-SCIENCES 26-27-28 JULY 2019

THREE DAYS AGAINST THE TECNO-SCIENCES
26-27-28 JULY 2019
Capo di Ponte (BS) Italy

The program will come soon

Today more than ever, we feel the necessity to organize a meeting involving comrades from different countries already engaged in a critique and in opposition to developments of techno-sciences. An important moment to exchange and share analyses, reflections and experiences, to reinforce criticism and refine one’s thinking even more in confrontation with other groups and individualities that have been pursuing for a long time paths of opposition to the developments of techno-sciences.

In the face of the aridity and degeneration of contemporary thought and the lack of awareness of the pervasive, totalizing and above all irreversible nature of techno-sciences, a lucid analysis of the present is needed on the reality that transforms itself and transforms us.
In today’s society, control takes on new forms through computerization and digitalization of the planet and of our lives. If GM plants contaminate the surrounding environment, if nanotubes and fullerenes infiltrate cells; smart dust, RFID and sensors are preparing to cover every place and our own body, in the “intelligent planet” of IBM, a world strewn and infiltrated by invisible harmfulness, we will become communicating machines and harmfulness will become ecological, social systemic and global.
A profound and radical transformation of the human and of the whole living is taking place. In the biotech paradigm it has been a long time since the experiment has no longer just inside the walls of the laboratories, but the laboratory is the whole world and the bodies themselves become living laboratories. But the phase we are facing now is even more insidious: the same biotechnologies are changing from how we have known them until now. The real work of the biotech industry, a complex of multinationals, universities, research institutions, foundations, trade associations, no longer has the aim to demonstrate that genetic engineering is without consequences, but their aim is to totally change its face: the new face of biotechnology is called genetic editing. The news of the girls edited in China is another of the thresholds that have been exceeded, from which no one can think of going back.
In artificial reproduction, eugenics take place in test tubes and soon the new progressive left and the new cyborg-neoliberal feminism will invoke the public eugenics, from the GPA “ethics” (Surrogate Gestation) and the PMA (Medically Assisted Procreation) for everyone, they will ask for editing for everyone. All of this is in perfect conformity with the direction that has already been undertaken to make an act of selection of the human and the transhumanist world, protagonist of the CRISPR revolution, which does not want to let the possible applications on the man of this new technology of genetic engineering escape.
The production of exploitable and engineerable bodies and the dream of freeing themselves from the body of limited and deadly flesh meet in transhumanist ideology. Techno-sciences are not neutral, not only in what they aim at, whether or not they arrive at the result, but already upstream, in their idea of redesigning the world that makes bodies all available, unimaginable, modifiable, engineerable in an infinite availability of bodies.
We live in a context in which the same very foundations are being undermined in order to hear something else, to imagine something else and therefore to deny the existent and to act against it. If everything is relative and interpretable, the reality against which we can rebel no longer exists. The actual subject no longer exists, deconstructed and disintegrated by the post-modern to be recreated for use and consumption of markets and the techno-scientific system: a perfectly compliant, neutral, fluid, malleable, spongy, protean individual. The post-modern re-signifies and erases the reality itself, in a reversed world in which nature does not exist, commodification becomes freedom, in which there must not be limits anymore. But if there is no limit, everything is possible.
Too many things fade and become undefined. Instead, we would like to keep these lines of demarcation between organic / inorganic, flesh / metal, electronic circuits / nervous systems, life / death, nature / artificial, totally clear. We also have to have clearly understood what we will not let be destroyed and also what we will not allow to be deconstructed neither from the techno-scientific system nor from post-modernism with its false critics and opponents. Nature, bodies, the living cannot be deconstructed. By deconstructing them, the road to the transformation of the whole world into a living laboratory is being smoothed.
Resistance is undermined not only by the power system, but also by these contemporary trends. The reflux of the seasons of struggle has seen many protesters land in happy islands which are more virtual than real, helping themselves with those new ideologies built by academics who, from the comfort of their desks, are committed to complicating things or confusing them, where on the contrary everything is extremely clear.
The state and its apparatuses, abandoning and partly exceeding their historical role, have become functional to the technological process. A process that is embodied in research centers, in giants like Google, IBM, Microsoft, agroindustrial multinationals, pharmaceutical and biotechnology companies.
How to imagine building another community if the foundations for survival will be undermined? If daughters and sons will be conceived in test tubes? If the individual will be more and more atomized, homologated and infinitely modifiable? If the biodiversity of the planet will be irreparably compromised?
Aware of what is at stake, it emerges that it is essential and urgent to join forces, to weave analyses and paths of struggle into an international network.

Resistenze al Nanomondo Collective
www.resistenzealnanomondo.org
For info and contacts: info@resistenzealnanomondo.org

pdf: THREE DAYS AGAINST THE TECNO-SCIENCES

TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE 26-27-28 Luglio 2019

TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE
26-27-28 Luglio 2019
Capo di Ponte (BS) Italia

A breve il programma

Oggi più che mai sentiamo la necessità di organizzare un incontro coinvolgendo compagni e compagne di diversi paesi già impegnati/e in una critica e in percorsi di opposizione agli sviluppi delle tecno-scienze. Un importante momento per scambiare e condividere analisi, riflessioni ed esperienze, per rafforzare la critica e affinare ancora di più il proprio pensiero nel confronto con altri gruppi e individualità che portano avanti da tempo percorsi di opposizione agli sviluppi delle tecno-scienze.

Di fronte all’aridità e alla degenerazione del pensiero contemporaneo e di fronte a alla poca consapevolezza della portata pervasiva, totalizzante e soprattutto irreversibile delle tecno-scienze, è necessaria un’analisi lucida sul presente e sulla realtà attorno a noi che si trasforma e ci trasforma.
Nella società di oggi il controllo assume nuove forme attraverso l’informatizzazione e la digitalizzazione del pianeta e delle nostre vite. Se piante ogm contaminano l’ambiente circostante, se nanotubi e fullereni si infiltrano nelle cellule, smart dust, RFID, sensori si preparano a ricoprire ogni spazio e il nostro stesso corpo, nel “pianeta intelligente” di IBM, un mondo cosparso e infiltrato da nocività invisibili, diventiamo macchine comunicanti e dove la nocività diventa ecologica, sociale e sistemica.
Stà avvenendo una trasformazione profonda e radicale dell’umano e dell’intero vivente. Nel paradigma biotech l’esperimento già da tempo non è più solo dentro le mura dei laboratori, il laboratorio è il mondo intero e i corpi stessi diventano dei laboratori viventi. Ma La fase che ci troviamo ad affrontare adesso è ancora più insidiosa: le stesse biotecnologie stanno mutando da come le abbiamo conosciute fino adesso. Il vero lavoro per l’Industria del biotech, un complesso di multinazionali, Università, Enti di ricerca, fondazioni, associazioni di categoria, non è più dimostrare che l’ingegneria genetica è priva di conseguenze, ma cambiarne completamente volto: il nuovo volto delle biotecnologie si chiama editing genetico. La notizia delle bambine editate in Cina rappresenta un’altra delle soglie che sono state oltrepassate da cui nessuno può pensare di tornare indietro.
Nella riproduzione artificiale l’eugenetica avviene in provetta e ben presto la nuova sinistra progressista e il nuovo femminismo cyborg-neoliberale invocheranno a gran voce l’eugenetica pubblica, dalla GPA “etica”, dalla PMA per tutte e tutti chiederanno l’editing per tutte e tutti. Il tutto perfettamente conforme alla direzione che è già stata intrapresa di selezione dell’umano e al mondo transumanista, protagonista della rivoluzione CRISPR, che non si vuole lasciare sfuggire le possibili applicazioni sull’uomo di questa nuova tecnologia di ingegneria genetica.
La produzione di corpi sfruttabili, predabili, ingegnerizzabili e il sogno di liberarsi dal corpo di carne limitato e mortale si incontrano nell’ideologia transumanista. Le tecno-scienze non sono neutrali non solo in ciò che si prefiggono, che arrivino o meno al risultato, ma già a monte, nella loro idea di riprogettazione del mondo che rende i corpi tutti disponibili, smembrabili, modificabili, ingegnerizzabili in un’infinita disponibilità dei corpi.
Viviamo in un contesto in cui vengono minate le stesse basi per un sentire altro, per un immaginare altro e quindi per negare l’esistente e per un agire contro. Se tutto è relativo e interpretabile non esiste più la realtà contro cui rivoltarsi. Lo stesso soggetto non esiste più, decostruito e disgregato dal post-moderno per essere ricreato ad uso e consumo dei mercati e del sistema tecno-scientifico: un individuo perfettamente conforme, neutro, fluido, malleabile, spugnoso, proteiforme. Il post-moderno risignifica e cancella la stessa realtà, in un mondo alla rovescia in cui la natura non esiste, la mercificazione diventa libertà, in cui non devono più esistere limiti. Ma se non esiste un limite tutto è possibile.
Troppe cose sfumano, diventano indefinite. Vorremmo invece mantenerle belle nette queste linee di demarcazione tra organico/inorganico, carne/metallo, circuiti elettronici/sistemi nervosi, vita/morte, natura/artificiale. Avendo ben chiaro ciò che non lasceremo distruggere e anche ciò che non lasceremo decostruire nè dal sistema tecno-scientifico nè dal post-modernismo con i suoi finti critici e oppositori. La natura, i corpi, il vivente non si possono decostruire. Decostruendoli si appiana la strada alla trasformazione di tutto il mondo in un laboratorio vivente.
La resistenza è minata non solo dal sistema di potere, ma anche da queste tendenze contemporanee. Il riflusso delle stagioni di lotta ha visto approdare tanti contestatori in isole felici fatte più di virtuale che di reale, aiutandosi con quelle nuove ideologie costruite da accademici che, dal comodo delle loro scrivanie, si sono impegnati a complicare le cose o a confonderle, dove invece tutto è estremamente chiaro.
Lo stato e i suoi apparati abbandonando e superando in parte il loro ruolo storico sono diventati funzionali al processo tecnologico. Un processo che si incarna nei centri di ricerca, nei colossi come Google, IBM, Microsoft, nelle multinazionali agro-alimentari, farmaceutiche e biotecnologiche.
Come immaginare di costruire una comunità altra se le basi stesse per la sopravvivenza saranno minate alla base? Se le figlie e i figli saranno concepite/i in provetta? Se l’individuo sarà sempre più atomizzato, omologato e infinitamente modificabile? Se la biodiversità del pianeta sarà irrimediabilmente compromessa?
Consapevoli della posta in gioco emerge come sia essenziale e urgente unire le forze, intrecciare analisi e percorsi di lotta anche in una rete internazionale.

Collettivo Resistenze al Nanomondo
www.resistenzealnanomondo.org
per informazioni e contatti: info@resistenzealnanomondo.org

scarica qui il pdf e diffondi: TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE

Madrid – Attacco contro le strutture della città

Nel contesto della settimana di “Agitazione e propaganda contro la gentrificazione e la speculazione capitalista, e in difesa delle occupazioni”, due veicoli di aziende “E-Move” e “Car to Go” sono stati incendiati, nei quartieri di Arganzuela e Prosperidad.

Ci troviamo di fronte al consolidamento dell’ultima reinvenzione democratica e della rinnovata illusione sulle logore strutture dello Stato e parlamentarismo. L’irruzione sul panorama politico della “nuova politica” è stato sfruttato dal sistema per rinnovare le proprie strutture di dominio e donarli nuova linfa di legittimità, devastata dopo gli anni della crisi. Mano mano che il percorso elettorale riprendeva forza, la agitazione di strada diminuiva. Come sempre.

Parallelamente ci siamo imbattuti nelle infiltrazioni e convivenze all’interno dei cosiddetti “movimenti sociali” dei politici e leader, che strumentalizzavano qualsiasi tentativo di lotta, tra i vari segni bianchi di Podemos a livello municipale, nella divisione della torta del potere municipale. Diventa sempre più usuale vedere personaggi come Errejón [uno dei fondatori di Podemos, ndt] nelle proteste contro i CIE, o parlamentari durante gli sfratti, come in via Argumosa, o osservare come consiglieri municipali e altri tipi di politici infestano alcuni centri sociali occupati o non occupati, a quella o a questa assemblea… Tutto per ottenere guadagno elettorale e la normalizzazione secondo la quale i governanti e quelli che aspirano a governarci convivono con noi. La recente lista di Íñigo Errejón, del suo nuovo partito (Mas Madrid) per la Comunità di Madrid, nella quale troviamo vecchi conoscenti dalle fila anarchiche, evidenzia la necessità di passare all’attacco diretto e totale contra la infiltrazione della politica nelle lotte, incluso il nostro proprio movimento. Questo dovrebbe servire da campanello d’allarme a coloro che parlano di azione diretta mentre permettono la convivenza con le istituzioni o con i suoi rappresentanti, sentiero mediato dalla politica e negoziazioni. Non esistono mezze misure, non esiste collaborazione possibile né con i politici, di qualunque colore, né con le istituzioni statali. I lati della barricata sono chiari. Combattere la democrazia come elemento d’integrazione e formula di gestione dei conflitti da parte dello Stato rappresenta un compito costante e attivo, al di là delle date prestabilite di mobilitazione di “massa” durante (e inoltre) le campagne elettorali.

Cosa ha portato la vittoria di “Ahora Madrid” [lista che unisce Podemos, ecologisti, una parte di Izquierda Unida e Ganemos, ndt]? Semafori inclusivi, un mucchio di procedure mediatiche camuffate da ecologismo progressivo, più sfratti, più sgomberi, processi a spazi occupati, sbirri municipali che perseguitano e maltrattano gli immigrati, più controlli di polizia, videosorveglianza, feste e grandi eventi patrocinati dalle grandi imprese, come “Orgullo” [world pride madrid, ntd], maxi-affari urbanistici consacrando l’inseparabile unione tra Stato e capitalismo – l’operazione [del quartiere,ndt.] Chamartín -, quartieri gentrificati, turisticizzati, occasioni per la speculazione capitalista, con la conseguente espulsione di abitanti e la precarizzazione di condizioni di vita già precarie in un sistema basato sullo sfruttamento e la sottomissione.

E tutto ciò infestato da nascita di un sacco di compagnie ecologiche, di “corridori verdi”, di centri ricreativi perfettamente controllati e sorvegliati per il progresso della classe media, come il “Matadero” [centro di creazione contemporanea, ndt], dall’ideologia di riciclaggio e altre misure ecologiche statali d’Europa: l’obiettivo è occultare il fatto che le città, come centri di amministrazione del capitale e del potere, sono dei mostri che devastano persone, che distruggono la terra e l’ambiente, insostenibili a tutti i livelli per tutto ciò che non è lo sviluppo capitalista. Non esiste un’altra amministrazione possibile della città, che non è attraverso il controllo sociale, la speculazione e il costante cambiamento secondo le necessità del Potere. Un’ulteriore esempio della necessità di uno Stato regolatore del capitalismo mediante la Legge, per perpetuare così le stesse logiche di dominio e di distruzione della terra dentro i parametri democratici.

La tecnologia gioca qui un ruolo particolare, nuovamente abbellita da uno strato di vernice di ideologia del progresso, di efficienza e gestione ecologica: la smart city come progetto di città sorvegliata, dove l’informazione e le banche dati sono al servizio delle imprese e dello Stato, al servizio del mercato e del controllo. Parlare di Smart City vuol dire parlare di contattori intelligenti di gas ed elettricità, che possono determinare per cosa e in che modo viene utilizzata la luce, delle telecamere di M30 [circonvallazione di Madrid, ndt] e di Lavapiés [piazza nella città vecchia di Madrid, ndt], e naturalmente di tutte le compagnie patrocinate dal comune, del tipo “Bicimad”, “E-Move” o Car To Go”: attaccare una delle sue parti vuol dire attaccare tutta una logica basata sul controllo e consumo, come uniche forme di vita. Il capitalismo 4.0 trova il suo miglior alleato nella socialdemocrazia postmoderna e nel partito di Manuela Carmena [Ahora Madrid, ndt] e dei suoi seguaci.

Questo attacco incendiario è solo un piccolo contributo alla guerra sociale in corso, con una piccola riflessione per chiarire che i nostri nemici sono lo Stato e il capitalismo, i suoi difensori e i suoi falsi critici.

Guerra alla democrazia!
Guerra alla città del capitale!
Viva l’anarchia!

Alcuni anarchici

Info da: https://anarhija.info

III INCONTRO ANARCHICO CONTRO IL SISTEMA TECNOLOGICO E IL SUO MONDO

25-26-27 Maggio – Madrid

Per il terzo anno consecutivo avrà luogo nel CSOA La Gatonera (C / Valentín Llaguno, 32) l’Incontro contro il sistema tecno-industriale.

Questo incontro nasce dalla necessità di generare un discorso contro il sistema di dominio in cui abbiamo, questo sistema permea il mondo che ci circonda sotto una logica tecno-scientifica in cui tutto è misurabile, quantificabile e quindi soggetto al controllo. Questo sviluppo si basa sulla sostituzione dei processi naturali per i processi tecnici che sottopongono gli individui, gli animali e l’ecosistema alla mega macchina.
Come anarchici, crediamo che la lotta debba integrare la necessità di proteggere il nostro ambiente e recuperare l’autonomia che questo sistema ci ha tolto.

Durante l’incontro si terranno i seguenti interventi:

– Intelligenza artificiale
– Lotta contro lo sviluppo tecnologico in Inghilterra
– Transumanesimo
– Contro l’ecoestremismo e le tendenze misantropiche

E molto altro …

+ Informazioni presto su: contratodanocividad.espivblogs.net
Per contattare: contratodanocividad@riseup.net

GO AND SPREAD
PER LA LIBERAZIONE TOTALE!

8 Marzo Bergamo – Presidio

VENERDI’ 8 MARZO
Dalle 15.00 alle 20.00  PRESIDIO con materiale informativo e mostra
Piazzale Matteotti (Vedovella) Bergamo


NON SIAMO IN VENDITA
CONTRO L’UTERO IN AFFITTO, LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA E IL SISTEMA CHE LA RENDE NECESSARIA

Di fronte a noi sta prendendo forma uno scenario plasmato nei laboratori  di biotecnologia dove ogni aspetto del vivente è parcellizzato da una  grammatica clinica che riduce il corpo ad un insieme di organi da mettere a frutto. La dimensione scientifica
semplifica la vita a combinazioni di DNA da manipolare e ricombinare al  punto di cancellare il corpo di cui fanno parte.
Al corpo di una donna non si riconosce più un’interezza nella sua  esistenza ma si studiano le possibilità produttive che quest’ultimo può offrire al fine di
riprodurle in laboratorio. Ci si vuole appropriare della capacità procreativa delle donne,
frammentandola, con lo scopo di penetrare questa dimensione, renderla riproducibile e di conseguenza mercificabile. Così la donna è lentamente digerita e il suo corpo sovraesposto al punto di farlo sparire, dimenticare.
Non è più sufficiente parlare di violenza sulle donne unicamente nei  termini in cui lo si è fatto fino ad ora. Certamente le prevaricazioni e  le discriminazioni sono più che mai attuali, ma ora il potere si insinua  direttamente tra le trame del nostro corpo: utero in affitto,  procreazione medicalmente assistita, vendita di ovociti, bambini/e su  commissione, crioconservazione degli embrioni, fecondazione in vitro, manipolazioni genetiche, trapianti di utero sono  solo alcuni esempi.
Nel momento in cui si palesano di fronte a noi queste possibilità,  stiamo già vivendo una realtà in cui tutto questo è possibile,  praticabile e accessibile. Una realtà in cui la donna diventa una “surrogante”, una “fattrice”, una “donatrice di ovociti” a disposizione
del libero mercato.
Sarà possibile, e come, parlare di donne se saremo trasformate in fattrici a pagamento e vettrici della tecno-scienza?
Sarà possibile portare avanti dei percorsi di lotta quando avremo assorbito la più pervasiva delle manifestazioni di dominio, quella che inizia dalla manipolazione microscopica delle nostre esistenze?
Non è certamente una legalizzazione di queste pratiche in difesa dei  diritti delle donne ciò che ci prefiggiamo, ma lotta e opposizione  contro le nuove derive neoliberiste.
Perché non siamo disponibili a utilizzare i nostri corpi come corridoi  in cui si realizza un
potere tecnico e scientifico. Perché non siamo merce e i nostri corpi  non sono in vendita.

Centro di documentazione La Piralide – Bergamo
Via del Galgario 11/13 – Bergamo
avvelenate@anche.no, lapiralide.noblogs.org

Francia – Alle fiamme turbina eolica

A Limouzinière (Loire-Atlantique) nella notte fra mercoledì e giovedì 3 gennaio 2019, verso mezzanotte, il motore di una turbina eolica industriale è stato distrutto da un incendio. La navicella a 80 metri da terra ha preso fuoco, ma non è stato l’unico elemento colpito: anche le pale della turbina eolica così come la parte appena sotto la navicella sono state avvolte dalle fiamme. «Possiamo già dire che i danni ammontano a diverse centinaia di migliaia di euro», ha valutato il vice direttore generale di Engie Green, che gestisce tre delle sei turbine del sito.
Le turbine eoliche industriali sono in genere dotate di sistemi di allarme a distanza. Engie Green, che ne gestisce 750 in tutto il paese, ha situato a Châlons-en-Champagne il suo centro di monitoraggio a distanza, il quale riceve di continuo «tutti i dati e tutti gli allarmi» (24 ore su 24, 7 giorni su 7). Tra l’inizio di un incendio e l’attivazione dell’allarme, esiste per fortuna un ritardo di diverse decine di lunghi minuti — il tempo che il fuoco compia la sua opera e la turbina eolica si fermi — e ad esempio, nel caso di Limouzinière, sono stati i residenti ad avvertire i pompieri.
Se per il momento le autorità, per non dare cattive idee, hanno classificato come «sconosciute» ed «oscure» le cause di questa distruzione incendiaria, si può rimarcare comunque che secondo il database istituzionale Aria ci sono stati finora solo 18 casi di incendi dal 2003 su oltre 10.000 turbine eoliche installate fino ad oggi in Francia. Ad eccezione dei fulmini da cui sono protette o delle tempeste, per la maggior parte sono stati «atti dolosi» a privare questo mondo dell’essenza di cui ha disperatamente bisogno. A meno di credere nel miracolo della combustione spontanea o di pensare che una turbina eolica possa suicidarsi, e tra l’altro proprio verso mezzanotte…
Il giorno dopo in un posto chiamato Rouvray, a Lanouée vicino a Ploërmel (Morbihan), nella notte da giovedì a venerdì 4 gennaio 2019, verso l’1 del mattino, questa volta è andato in fumo il trasformatore elettrico da 20.000 volt appartenente alla compagnia Steag New energia e situato in un campo di 4 turbine eoliche. «La porta dell’edificio è stata scardinata ed è scoppiato un incendio all’interno causando danni», secondo il giornale locale, causando l’arresto totale di tutte le turbine eoliche. Ancora una volta l’incendio viene definito «sospetto», in modo da non dare cattive idee su come privare questo mondo dell’elemento di cui ha disperatamente bisogno. Certamente il secondo curioso fenomeno di combustione spontanea o di suicidio di turbine eoliche in meno di 24 ore, e già che ci siamo verso l’una del mattino…
In questo inizio del nuovo anno 2019, con questi due piccoli calorosi miracoli di origine «sospetta» e «sconosciuta», la parte occidentale del paese ci tiene decisamente a giocarsi con fervore la sua reputazione di terra storica del cattolicesimo. A meno di fidarsi di un famoso filosofo di origine tedesca, il quale all’annuncio di questa buona notizia avrebbe dichiarato laconicamente: «Umano, troppo umano». Secondo i portavoce del potere, ovviamente…

fonte: tiltap.noblogs.org

Sardegna – Tagliate le basi di un traliccio

Riceviamo da mail anonima e diffondiamo:
“In una notte di stelle cadenti i tralicci non fanno eccezione.

A Chia, una delle zone più turistiche della Sardegna, sono state tagliate le basi di un traliccio.

Contro lo sfruttamento turistico del territorio che devasta le spiagge e deturpa i paesaggi, contro i resort e villaggi turistici, dove trovano ristoro e relax i ricchi turisti e che riservano solo sfruttamento e lavoro nero per i lavoratori stagionali.
Contro la base di Teulada il secondo più grande poligono militare che affligge la nostra terra.
L’interruzione di energia è solo uno dei tanti modi per mettere i bastoni fra le ruote di questi meccanismi di oppressione e guerra contro i quali bisogna opporsi usando ogni mezzo ritenuto necessario, il sabotaggio è solo uno di questi.
Abbiamo scelto quella linea elettrica per disturbare gli affari turistici e le esercitazioni militari, ma anche per dare una scossa a un sacco di altra gente, per provare a svegliarli per qualche ora dal torpore delle loro vite che col tempo li rende complici di quello che hanno a fianco.

A si biri kitzi”

fonte: nobordersard.wordpress.com

Azione all’Istituto di medicina legale di Basilea

“L’Istituto di medicina legale di Basilea (IRM) si occupa dell’analisi delle tracce del DNA e della creazione di profili DNA. Questi profili sono inoltrati al database nazionale del DNA per il confronto. 
L’IRM lavora a stretto contatto con vari pubblici ministeri ed esegue i loro ordini. 
L’IRM non è quindi solo una parte delle autorità repressive, ma in particolare è responsabile dell’applicazione repressiva e disciplinare di questa tecnologia. 
Per questi motivi, abbiamo lavorato la notte del 16 novembre, l’ingresso in vetro dell’IRM con martelli.

Alcune persone con geni cattivi …

PS: Solidarietà con Basel18!”

info da: https://barrikade.info/Angriff-auf-das-Institut-fur-Rechtsmedizin-in-Basel-1702

Azione all’Istituto italiano di tecnologia

“Alle prime ore del 24 Dicembre abbiamo attaccato l’Istituto italiano di tecnologia (Iit).
La vigilanza H24 alla receptions e la sicurezza privata in macchina non sono stati un buon deterrente; eravamo decisi ad attaccarvi e lo abbiamo fatto!

La Iit è il fiore all’occhiello dello stato italiano è una fondazione per lo sviluppo tecnologico e delle politiche nazionali a favore della scienza e della tecnologia. Lavora al potenziamento dei mercati e delle politiche di saccheggio e devastazione ogni giorno commesse dal capitale e dai governi.

Porta avanti studi di neuroscienze, “brain thecnologies” e ricerche genetiche per la manipolazione del vivente. Attiva nell’ambito delle nanotecnologie, porta avanti ricerche sui nanomateriali ed il loro impiego, nonché sullo sullo sviluppo di materiali per convertire e stoccare l’energia, di cui il sistema di produzione odierno ha bisogno in enormi quantità per mantenere la velocità della folle corsa del progresso.

Oltre agli Icub, nell’ambito della robotica e dell’intelligenza artificiale, perfeziona robot per la produzione industriale.

Al servizio del capitale e dello stato di polizia che la assicura, è impegnata nella realizzazione di sistemi di “computer vision” per sistemi utili all’identificazione e al controllo sociale.

In linea a questo, nella ricerca delle scienze computazionali approfondisce lo studio dei “big data”, realizzando programmi e strutture per queste vaste raccolte dati (video, audio ed immagini) necessarie alla società tecnoindustriale. Questi algoritmi producono la ricchezza delle grandi lobbies che dominano il mondo capitalista perché applicati a informatica, IA, biotecnologie, industria bellica e ricerca militare; realizzano esponenziali possibilità a questo ordine mortifero di dominazione e sfruttamento, di depredazione dei territori per le risorse pagate col sangue che scorre nel mediterraneo e quello di tutti gli sfruttati.

Non professiamo nessun atto di fede alla dottrina tecnoscientifica, anzi, evidenziando le sue oppressive applicazioni abbiamo deciso di attaccarla. Il comparto tecnologico sempre più fluido e inserito nella vita quotidiana e nella vita in ogni sua forma è in avanzamento costante. Va dai beni a cui siamo dipendenti all’industria civile, militare e aerospaziale, dal transumanesimo all’intelligenza artificiale, dallo sviluppo delle telecomunicazioni alle case intelligenti, in città intelligenti, alle guerre intelligenti ed una umanità sempre più stupida. Le conseguenze sono devastanti sui territori depredati e sulla vita di tanti oppressi, la cui esistenza garantisce la ricchezza dei tanti oppressori.

A questa società viene calato tutto sulla testa, poi è la gestione dell’opinione di massa a creare il consenso. A noi non interessa il consenso. A noi interessa combattere l’oppressione. Questa è la coscienza che opponiamo alla scienza.

Sono state spese tante parole contro la tecnologia e le nefandezze della società tecnoindustriale. Per quello che ci riguarda, chi la produce, chi la finanzia, chi la sviluppa, non sono temi da opinione ma obiettivi da colpire.
L’opinionismo e il consenso sono armi della democrazia. Contro lo stato, maestro nella gestione delle necessità del capitale con la violenza, l’unica risposta possibile è l’iniziativa rivoluzionaria.

La tecnologia non è neutrale. Infatti dietro alle facciate “green” e alle proposte del mercato ecologista che riesce a recuperare anche il dissenso, i governi di destra e di sinistra aprono i rubinetti dei finanziamenti ai laboratori e ai centri di ricerca, mantenuti dai ministeri dell’economia, delle finanze e realizzati in reti fra istituti, privati ed università. Tramite i suoi brevetti e i suoi progetti la ricerca è da tempo entrata nel comparto politico dello stato ed in quello economico del capitale. Presidenti, ministri e luminari a braccetto nei “programmi di sviluppo” e nelle manovre finanziarie.

La tecnologia è profitto. Il suo livello è uno dei cardini che regola i rapporti globali fra gli stati. Nell’interesse del potere, nonostante le presunte antipatie e le reali minacce di guerra nucleare. Lo dimostrano le recenti “guerre commerciali”.

La critica alla tecnologia ed ai suoi profeti passa attraverso l’azione contro di essa. Questo concetto si può allargare a tutti i contesti di lotta che vogliano realizzare conflittualità.
L’offensiva contro lo stato e il capitale sta nell’azione rivoluzionaria che cerca di abbatterli.

Abbiamo attaccato.
Accompagniamo questo gesto con questa rivendicazione perché sentiamo necessario che le nostre parole trovino gli spazi per non essere censurate, deviate, storpiate di significato, così come i nostri atti. Nei tempi della libera opinione dell’ignoranza, la propaganda anarchica, che la democrazia reprime, censura, controlla e colpisce, si deve esprimere anche attraverso l’azione. L’attacco è una costante che se messa da parte significa resa, significa insabbiarsi nella sola analisi, nella riflessione, nella teoria. Senza l’azione l’anarchismo perde la sua forza.

Con queste parole accompagnate dai fatti lanciamo l’invito all’offensiva.
Finchè non accresceremo il connubio indissolubile fra pensiero e azione non avremo idea di cosa affrontiamo.
Non avremo la migliore “alternativa di vita” finché davanti non ci saranno le macerie di questo mondo di oppressori.
Questo è solo un buon punto di partenza.

F.A.I./F.R.I.
GRUPPO DI AZIONE IMMEDIATA”

Info da: www.autistici.org/cna

E’ uscito il numero 8 della rivista “i giorni e le notti”

INDICE:

Editoriale
Quando il fango si mette a ragionare
Ancora sulla mobilitazione reazionaria in corso
Parole senza idee. Riflessioni sul sovranismo
Il nostro bisogno di sicurezza
Mettiamoci del peso

DALLA QUARTA DI COPERTINA:

Da giugno ad oggi la propaganda e la pratica del razzismo di Stato si sono fatte ancora più esplicite. Dal lato sociale – l’unico lato che ci interessa – non si può non registrare un ampio consenso alle politiche anti-immigrati, tutt’uno con gli applausi verso le forze dell’ordine sguinzagliate a sgomberare occupazioni abitative e a sorvegliare le entrate delle scuole. Chi subisce il maglio dello Stato fatica a uscire dall’angolo – un angolo in cui sono confinati tanto lo straniero povero quanto l’”antinazionale”, due figure d’altronde sempre più intercambiabili.
Ci è parso utile soffermarci sia sulle tesi sovrarniste sia, riprendendo alcuni spunti del passato, sul rapporto fra tecnologizzazione della vita e razzismo, aspetti che secondo noi vanno pensati insieme. Nell’analizzare il mondo che ci circonda parliamo sempre, direttamente o indirettamente, di noi, di ciò che vogliamo fare, della vita per cui ci battiamo. Anche il nostro bisogno di sicurezza fa parte del gioco, e non bastano alcune parole magiche – magari una bella poesia sull’ignoto – per uscire dalla tana. Serve leggerezza, ma anche peso (quello della responsabilità, ad esempio).
Il razzismo è sempre una parodia reazionaria della critica rivoluzionaria.
Per separare il grano dal loglio servono idee, e mani risolute.

Per richiedere copie: rivistaigiornielenotti@autistici.org