THREE DAYS AGAINST THE TECNO-SCIENCES 26-27-28 JULY 2019

THREE DAYS AGAINST THE TECNO-SCIENCES
26-27-28 JULY 2019
Capo di Ponte (BS) Italy

The program will come soon

Today more than ever, we feel the necessity to organize a meeting involving comrades from different countries already engaged in a critique and in opposition to developments of techno-sciences. An important moment to exchange and share analyses, reflections and experiences, to reinforce criticism and refine one’s thinking even more in confrontation with other groups and individualities that have been pursuing for a long time paths of opposition to the developments of techno-sciences.

In the face of the aridity and degeneration of contemporary thought and the lack of awareness of the pervasive, totalizing and above all irreversible nature of techno-sciences, a lucid analysis of the present is needed on the reality that transforms itself and transforms us.
In today’s society, control takes on new forms through computerization and digitalization of the planet and of our lives. If GM plants contaminate the surrounding environment, if nanotubes and fullerenes infiltrate cells; smart dust, RFID and sensors are preparing to cover every place and our own body, in the “intelligent planet” of IBM, a world strewn and infiltrated by invisible harmfulness, we will become communicating machines and harmfulness will become ecological, social systemic and global.
A profound and radical transformation of the human and of the whole living is taking place. In the biotech paradigm it has been a long time since the experiment has no longer just inside the walls of the laboratories, but the laboratory is the whole world and the bodies themselves become living laboratories. But the phase we are facing now is even more insidious: the same biotechnologies are changing from how we have known them until now. The real work of the biotech industry, a complex of multinationals, universities, research institutions, foundations, trade associations, no longer has the aim to demonstrate that genetic engineering is without consequences, but their aim is to totally change its face: the new face of biotechnology is called genetic editing. The news of the girls edited in China is another of the thresholds that have been exceeded, from which no one can think of going back.
In artificial reproduction, eugenics take place in test tubes and soon the new progressive left and the new cyborg-neoliberal feminism will invoke the public eugenics, from the GPA “ethics” (Surrogate Gestation) and the PMA (Medically Assisted Procreation) for everyone, they will ask for editing for everyone. All of this is in perfect conformity with the direction that has already been undertaken to make an act of selection of the human and the transhumanist world, protagonist of the CRISPR revolution, which does not want to let the possible applications on the man of this new technology of genetic engineering escape.
The production of exploitable and engineerable bodies and the dream of freeing themselves from the body of limited and deadly flesh meet in transhumanist ideology. Techno-sciences are not neutral, not only in what they aim at, whether or not they arrive at the result, but already upstream, in their idea of redesigning the world that makes bodies all available, unimaginable, modifiable, engineerable in an infinite availability of bodies.
We live in a context in which the same very foundations are being undermined in order to hear something else, to imagine something else and therefore to deny the existent and to act against it. If everything is relative and interpretable, the reality against which we can rebel no longer exists. The actual subject no longer exists, deconstructed and disintegrated by the post-modern to be recreated for use and consumption of markets and the techno-scientific system: a perfectly compliant, neutral, fluid, malleable, spongy, protean individual. The post-modern re-signifies and erases the reality itself, in a reversed world in which nature does not exist, commodification becomes freedom, in which there must not be limits anymore. But if there is no limit, everything is possible.
Too many things fade and become undefined. Instead, we would like to keep these lines of demarcation between organic / inorganic, flesh / metal, electronic circuits / nervous systems, life / death, nature / artificial, totally clear. We also have to have clearly understood what we will not let be destroyed and also what we will not allow to be deconstructed neither from the techno-scientific system nor from post-modernism with its false critics and opponents. Nature, bodies, the living cannot be deconstructed. By deconstructing them, the road to the transformation of the whole world into a living laboratory is being smoothed.
Resistance is undermined not only by the power system, but also by these contemporary trends. The reflux of the seasons of struggle has seen many protesters land in happy islands which are more virtual than real, helping themselves with those new ideologies built by academics who, from the comfort of their desks, are committed to complicating things or confusing them, where on the contrary everything is extremely clear.
The state and its apparatuses, abandoning and partly exceeding their historical role, have become functional to the technological process. A process that is embodied in research centers, in giants like Google, IBM, Microsoft, agroindustrial multinationals, pharmaceutical and biotechnology companies.
How to imagine building another community if the foundations for survival will be undermined? If daughters and sons will be conceived in test tubes? If the individual will be more and more atomized, homologated and infinitely modifiable? If the biodiversity of the planet will be irreparably compromised?
Aware of what is at stake, it emerges that it is essential and urgent to join forces, to weave analyses and paths of struggle into an international network.

Resistenze al Nanomondo Collective
www.resistenzealnanomondo.org
For info and contacts: info@resistenzealnanomondo.org

pdf: THREE DAYS AGAINST THE TECNO-SCIENCES

TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE 26-27-28 Luglio 2019

TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE
26-27-28 Luglio 2019
Capo di Ponte (BS) Italia

A breve il programma

Oggi più che mai sentiamo la necessità di organizzare un incontro coinvolgendo compagni e compagne di diversi paesi già impegnati/e in una critica e in percorsi di opposizione agli sviluppi delle tecno-scienze. Un importante momento per scambiare e condividere analisi, riflessioni ed esperienze, per rafforzare la critica e affinare ancora di più il proprio pensiero nel confronto con altri gruppi e individualità che portano avanti da tempo percorsi di opposizione agli sviluppi delle tecno-scienze.

Di fronte all’aridità e alla degenerazione del pensiero contemporaneo e di fronte a alla poca consapevolezza della portata pervasiva, totalizzante e soprattutto irreversibile delle tecno-scienze, è necessaria un’analisi lucida sul presente e sulla realtà attorno a noi che si trasforma e ci trasforma.
Nella società di oggi il controllo assume nuove forme attraverso l’informatizzazione e la digitalizzazione del pianeta e delle nostre vite. Se piante ogm contaminano l’ambiente circostante, se nanotubi e fullereni si infiltrano nelle cellule, smart dust, RFID, sensori si preparano a ricoprire ogni spazio e il nostro stesso corpo, nel “pianeta intelligente” di IBM, un mondo cosparso e infiltrato da nocività invisibili, diventiamo macchine comunicanti e dove la nocività diventa ecologica, sociale e sistemica.
Stà avvenendo una trasformazione profonda e radicale dell’umano e dell’intero vivente. Nel paradigma biotech l’esperimento già da tempo non è più solo dentro le mura dei laboratori, il laboratorio è il mondo intero e i corpi stessi diventano dei laboratori viventi. Ma La fase che ci troviamo ad affrontare adesso è ancora più insidiosa: le stesse biotecnologie stanno mutando da come le abbiamo conosciute fino adesso. Il vero lavoro per l’Industria del biotech, un complesso di multinazionali, Università, Enti di ricerca, fondazioni, associazioni di categoria, non è più dimostrare che l’ingegneria genetica è priva di conseguenze, ma cambiarne completamente volto: il nuovo volto delle biotecnologie si chiama editing genetico. La notizia delle bambine editate in Cina rappresenta un’altra delle soglie che sono state oltrepassate da cui nessuno può pensare di tornare indietro.
Nella riproduzione artificiale l’eugenetica avviene in provetta e ben presto la nuova sinistra progressista e il nuovo femminismo cyborg-neoliberale invocheranno a gran voce l’eugenetica pubblica, dalla GPA “etica”, dalla PMA per tutte e tutti chiederanno l’editing per tutte e tutti. Il tutto perfettamente conforme alla direzione che è già stata intrapresa di selezione dell’umano e al mondo transumanista, protagonista della rivoluzione CRISPR, che non si vuole lasciare sfuggire le possibili applicazioni sull’uomo di questa nuova tecnologia di ingegneria genetica.
La produzione di corpi sfruttabili, predabili, ingegnerizzabili e il sogno di liberarsi dal corpo di carne limitato e mortale si incontrano nell’ideologia transumanista. Le tecno-scienze non sono neutrali non solo in ciò che si prefiggono, che arrivino o meno al risultato, ma già a monte, nella loro idea di riprogettazione del mondo che rende i corpi tutti disponibili, smembrabili, modificabili, ingegnerizzabili in un’infinita disponibilità dei corpi.
Viviamo in un contesto in cui vengono minate le stesse basi per un sentire altro, per un immaginare altro e quindi per negare l’esistente e per un agire contro. Se tutto è relativo e interpretabile non esiste più la realtà contro cui rivoltarsi. Lo stesso soggetto non esiste più, decostruito e disgregato dal post-moderno per essere ricreato ad uso e consumo dei mercati e del sistema tecno-scientifico: un individuo perfettamente conforme, neutro, fluido, malleabile, spugnoso, proteiforme. Il post-moderno risignifica e cancella la stessa realtà, in un mondo alla rovescia in cui la natura non esiste, la mercificazione diventa libertà, in cui non devono più esistere limiti. Ma se non esiste un limite tutto è possibile.
Troppe cose sfumano, diventano indefinite. Vorremmo invece mantenerle belle nette queste linee di demarcazione tra organico/inorganico, carne/metallo, circuiti elettronici/sistemi nervosi, vita/morte, natura/artificiale. Avendo ben chiaro ciò che non lasceremo distruggere e anche ciò che non lasceremo decostruire nè dal sistema tecno-scientifico nè dal post-modernismo con i suoi finti critici e oppositori. La natura, i corpi, il vivente non si possono decostruire. Decostruendoli si appiana la strada alla trasformazione di tutto il mondo in un laboratorio vivente.
La resistenza è minata non solo dal sistema di potere, ma anche da queste tendenze contemporanee. Il riflusso delle stagioni di lotta ha visto approdare tanti contestatori in isole felici fatte più di virtuale che di reale, aiutandosi con quelle nuove ideologie costruite da accademici che, dal comodo delle loro scrivanie, si sono impegnati a complicare le cose o a confonderle, dove invece tutto è estremamente chiaro.
Lo stato e i suoi apparati abbandonando e superando in parte il loro ruolo storico sono diventati funzionali al processo tecnologico. Un processo che si incarna nei centri di ricerca, nei colossi come Google, IBM, Microsoft, nelle multinazionali agro-alimentari, farmaceutiche e biotecnologiche.
Come immaginare di costruire una comunità altra se le basi stesse per la sopravvivenza saranno minate alla base? Se le figlie e i figli saranno concepite/i in provetta? Se l’individuo sarà sempre più atomizzato, omologato e infinitamente modificabile? Se la biodiversità del pianeta sarà irrimediabilmente compromessa?
Consapevoli della posta in gioco emerge come sia essenziale e urgente unire le forze, intrecciare analisi e percorsi di lotta anche in una rete internazionale.

Collettivo Resistenze al Nanomondo
www.resistenzealnanomondo.org
per informazioni e contatti: info@resistenzealnanomondo.org

scarica qui il pdf e diffondi: TRE GIORNATE CONTRO LE TECNO-SCIENZE

Xenofemminismo. L’aberrazione è già qui

Xenofemminismo. L’aberrazione è già qui.

Le ideologie del cyborg, del trans-xeno-femminismo queer dalle polverose stanze accademiche dove sono nate si stanno diffondendo in contesti anarchici, antispecisti, femministi.
Ideologie figlie di questi tempi postmoderni, senza memoria, alienati e biotecnologici, fatti di attivismo virtuale, di pornoattivismo accademico e di rivoluzioni a ormoni che passano attraverso la trasformazione delle lavatrici in sex toys per arrivare alla toilette. Idee, pratiche e rivendicazioni che vorrebbero presentarsi alternative e sovversive, quando corrono perfettamente allineate a questo sistema tecno-scientifico abbracciando logiche di dominio e aspirazioni transumaniste.
Dal libro “Xenofemminismo” di Helen Hester emergono molte fobie.
Una fobia del corpo che diventa una “tecnologia da hackerare”, una “piattaforma rielaborabile”, “un’entità malleabile e modellabile” in cui le biotecnologie possono offrire nuove possibilità.
Una fobia della natura, “Se la natura è ingiusta, cambiala!” è il nuovo slogan xenofemminista, quando il problema non è la natura da cambiare, ma un sistema da stravolgere. La crisi ecologica in atto mette in evidenza proprio l’indispensabilità del mondo naturale e l’impossibilità di sostituirne o di artificializzarne i processi.
Una fobia delle bambine e dei bambini, una fobia della procreazione in cui la gravidanza è vista come “deformazione”. Le tecnologie riproduttive, compresa l’ectogenesi, sono considerate un mezzo per liberarsi dalla “tirannia riproduttiva”. Così si consegna in mano ai tecnici la dimensione della procreazione cancellando la nostra autonomia rimasta.
La fobia e il conseguente rifiuto della sofferenza come componente della vita e della nostra vulnerabilità: nello xenomondo la liberazione del corpo è intesa come liberazione dal corpo e dai suoi limiti. L’oppressione femminile non è più così da ricercare in un contesto sociale, ma frugando dentro i corpi aspirando flussi mestruali, passando con disinvoltura da uno strumento semplice come il Del-Em all’ingegneria genetica, dal self-help al biohacking.
Hester come possibili tecnologie xenofemministe prende ad esempio il collettivo queerSisterSong” che discute via Twitter di “querizzazione della giustizia riproduttiva” rivendicando “l’accesso agli ormoni, il diritto di usare la toilette che si preferisce e la difesa delle lavoratrici sessuali”: Big Farma, mercificazione del corpo delle donne e la rivoluzione che passa per la porta del bagno…
Significativo un progetto di coltivazione di tabacco transgenico per autoprodurre liberamente ormoni senza impedimenti normativi, chiedendo l’accesso alle risorse scientifiche per sviluppare “metodi accessibili per produrre biotecnologie”.
Senza giri di parole si vuole “portare il laboratorio alle comunità queer” e fare di queste un laboratorio. Così il laboratorio non è più un luogo di dominio da distruggere.
“Il nostro destino è legato alla tecnoscienza, dove nulla è tanto sacro da non poter essere riprogettato e trasformato […] Non vi è nulla, sosteniamo, che non si possa studiare scientificamente e manipolare tecnologicamente.” Bisogna: “schierare strategicamente le tecnologie esistenti per riprogettare il mondo”.
Tutto ciò che esce da un laboratorio non può essere considerato quale elemento potenzialmente in grado di scardinare una struttura di potere di cui è intriso. Il laboratorio che da tempo ha aperto il proprio campo sperimentale al mondo intero e ai corpi stessi che diventano dei laboratori viventi.
È ingenuo pensare di poter gestire e controllare gli sviluppi tecno-scientifici e non è possibile un’emancipazione con tecnologie che manipolano il vivente: il danno e il dominio sono insiti nell’idea di riprogettazione del mondo che rende i corpi tutti disponibili, smembrabili e modificabili ad uso e consumo del sistema. E l’accelerazione dei processi tecnologici non può portare alla riduzione delle disuguaglianze, ma ad un’aggravarsi della distruzione di interi ecosistemi naturali, di comunità umane e animali, con tutto un portato di irreversibilità e di ricombinabilità degli stessi disastri.
Lo xenofemminismo non pecca di ingenuità, è un’adesione entusiasta al tecno-mondo e aspira a una partecipazione alla società biotecnologica. È un entusiasmo di chi può permettersi di fascinarsi pensando alle chimere transgeniche con voli pindarici che hanno perso la realtà delle conseguenze sul mondo e sull’intero vivente.
Hester segue il pensiero di Preciado che identifica l’intervento tecnico sul corpo e all’interno di questo come mezzo di contestazione. Prendere testosterone non è un atto politico e non ci fa diventare dissidenti, ma clienti delle multinazionali farmaceutiche. Doparsi con ormoni è una delle nuove frontiere della trasgressione pseudoalternativa. Una sperimentazione e una propaganda tra l’altro irrispettose nei confronti di chi quegli ormoni li assume per un disagio con il proprio corpo.
Quando un bisogno privato diventa lo sguardo e la prospettiva, la rivendicazione politica diventa solo una richiesta di soddisfazione di tale bisogno e questo non ha nulla di sovversivo. La sofferenza e il disagio non possono rappresentare il criterio con cui costruire la nostra analisi, altrimenti sarà fuorviata da sofferenze, bisogni e interessi personali.
“Nell’ultimo decennio, un’altra grande sfida all’ordine medico è stata lanciata da un attivismo genderqueer, transessuale e intersessuale che lotta per i diritti umani e medici […] comprendendo procedure come la chirurgia plastica e ricostruttiva e la consulenza psicologica, così come il test genetico, le terapie ormonali e le tecnologie per la fertilità. […]”
Nessuna grande sfida, non sono neanche istanze che potrebbero essere recuperate e riassorbite, vanno di pari passo con questi tempi e sono perfettamente conformi alla tendenza di questo sistema. Tempi di riproduzione artificiale e di editing genetico, di GPA e PMA invocate a gran voce per tutti e tutte con la retorica dell’uguaglianza contro le discriminazioni, di risignificazione della maternità e della donna, di attacco da parte della teoria e della politica queer al corpo femminile, di autoimprenditoria e autogestione del proprio sfruttamento.
Nel libro viene criticato l’ecologismo per il suo senso di responsabilità verse le nuove generazioni e per la denuncia delle mutazioni genetiche causate dall’inquinamento. Per lo xenofemminismo queste mutazioni genetiche rappresentano “ambiguità, variabilità, mutevolezza”: in altre parole, una fonte di ispirazione. Gli effetti dei perturbatori endocrini come benzene, diossina, PCB… rientrerebbero in “un’ontologia malleabile della vita”: una “queerness tossica”. Una neolingua per nascondere quel sotteso sempre presente di adorazione per le manipolazioni genetiche.
Nel pensiero ecologista una foresta rappresenta un fitta rete di piccole e grandi interrelazioni tra organismi viventi, nuove generazioni che si affacciano nel mondo, pronte a interagire con esso. Nello xenomondo quello che nasce proviene da un intruglio di laboratorio, unico luogo dove può essere compreso e dove può farsi comprendere. Lo xenofemminismo non ha bisogno della natura perchè nella sua premessa l’ha già sostituita con la biologia sintetica, i semi che si appresta a diffondere sono come quelli terminator della Monsanto.

Silvia Guerini, Marzo 2019
www.resistenzealnanomondo.org

 

 

 

 

Madrid – Attacco contro le strutture della città

Nel contesto della settimana di “Agitazione e propaganda contro la gentrificazione e la speculazione capitalista, e in difesa delle occupazioni”, due veicoli di aziende “E-Move” e “Car to Go” sono stati incendiati, nei quartieri di Arganzuela e Prosperidad.

Ci troviamo di fronte al consolidamento dell’ultima reinvenzione democratica e della rinnovata illusione sulle logore strutture dello Stato e parlamentarismo. L’irruzione sul panorama politico della “nuova politica” è stato sfruttato dal sistema per rinnovare le proprie strutture di dominio e donarli nuova linfa di legittimità, devastata dopo gli anni della crisi. Mano mano che il percorso elettorale riprendeva forza, la agitazione di strada diminuiva. Come sempre.

Parallelamente ci siamo imbattuti nelle infiltrazioni e convivenze all’interno dei cosiddetti “movimenti sociali” dei politici e leader, che strumentalizzavano qualsiasi tentativo di lotta, tra i vari segni bianchi di Podemos a livello municipale, nella divisione della torta del potere municipale. Diventa sempre più usuale vedere personaggi come Errejón [uno dei fondatori di Podemos, ndt] nelle proteste contro i CIE, o parlamentari durante gli sfratti, come in via Argumosa, o osservare come consiglieri municipali e altri tipi di politici infestano alcuni centri sociali occupati o non occupati, a quella o a questa assemblea… Tutto per ottenere guadagno elettorale e la normalizzazione secondo la quale i governanti e quelli che aspirano a governarci convivono con noi. La recente lista di Íñigo Errejón, del suo nuovo partito (Mas Madrid) per la Comunità di Madrid, nella quale troviamo vecchi conoscenti dalle fila anarchiche, evidenzia la necessità di passare all’attacco diretto e totale contra la infiltrazione della politica nelle lotte, incluso il nostro proprio movimento. Questo dovrebbe servire da campanello d’allarme a coloro che parlano di azione diretta mentre permettono la convivenza con le istituzioni o con i suoi rappresentanti, sentiero mediato dalla politica e negoziazioni. Non esistono mezze misure, non esiste collaborazione possibile né con i politici, di qualunque colore, né con le istituzioni statali. I lati della barricata sono chiari. Combattere la democrazia come elemento d’integrazione e formula di gestione dei conflitti da parte dello Stato rappresenta un compito costante e attivo, al di là delle date prestabilite di mobilitazione di “massa” durante (e inoltre) le campagne elettorali.

Cosa ha portato la vittoria di “Ahora Madrid” [lista che unisce Podemos, ecologisti, una parte di Izquierda Unida e Ganemos, ndt]? Semafori inclusivi, un mucchio di procedure mediatiche camuffate da ecologismo progressivo, più sfratti, più sgomberi, processi a spazi occupati, sbirri municipali che perseguitano e maltrattano gli immigrati, più controlli di polizia, videosorveglianza, feste e grandi eventi patrocinati dalle grandi imprese, come “Orgullo” [world pride madrid, ntd], maxi-affari urbanistici consacrando l’inseparabile unione tra Stato e capitalismo – l’operazione [del quartiere,ndt.] Chamartín -, quartieri gentrificati, turisticizzati, occasioni per la speculazione capitalista, con la conseguente espulsione di abitanti e la precarizzazione di condizioni di vita già precarie in un sistema basato sullo sfruttamento e la sottomissione.

E tutto ciò infestato da nascita di un sacco di compagnie ecologiche, di “corridori verdi”, di centri ricreativi perfettamente controllati e sorvegliati per il progresso della classe media, come il “Matadero” [centro di creazione contemporanea, ndt], dall’ideologia di riciclaggio e altre misure ecologiche statali d’Europa: l’obiettivo è occultare il fatto che le città, come centri di amministrazione del capitale e del potere, sono dei mostri che devastano persone, che distruggono la terra e l’ambiente, insostenibili a tutti i livelli per tutto ciò che non è lo sviluppo capitalista. Non esiste un’altra amministrazione possibile della città, che non è attraverso il controllo sociale, la speculazione e il costante cambiamento secondo le necessità del Potere. Un’ulteriore esempio della necessità di uno Stato regolatore del capitalismo mediante la Legge, per perpetuare così le stesse logiche di dominio e di distruzione della terra dentro i parametri democratici.

La tecnologia gioca qui un ruolo particolare, nuovamente abbellita da uno strato di vernice di ideologia del progresso, di efficienza e gestione ecologica: la smart city come progetto di città sorvegliata, dove l’informazione e le banche dati sono al servizio delle imprese e dello Stato, al servizio del mercato e del controllo. Parlare di Smart City vuol dire parlare di contattori intelligenti di gas ed elettricità, che possono determinare per cosa e in che modo viene utilizzata la luce, delle telecamere di M30 [circonvallazione di Madrid, ndt] e di Lavapiés [piazza nella città vecchia di Madrid, ndt], e naturalmente di tutte le compagnie patrocinate dal comune, del tipo “Bicimad”, “E-Move” o Car To Go”: attaccare una delle sue parti vuol dire attaccare tutta una logica basata sul controllo e consumo, come uniche forme di vita. Il capitalismo 4.0 trova il suo miglior alleato nella socialdemocrazia postmoderna e nel partito di Manuela Carmena [Ahora Madrid, ndt] e dei suoi seguaci.

Questo attacco incendiario è solo un piccolo contributo alla guerra sociale in corso, con una piccola riflessione per chiarire che i nostri nemici sono lo Stato e il capitalismo, i suoi difensori e i suoi falsi critici.

Guerra alla democrazia!
Guerra alla città del capitale!
Viva l’anarchia!

Alcuni anarchici

Info da: https://anarhija.info

III INCONTRO ANARCHICO CONTRO IL SISTEMA TECNOLOGICO E IL SUO MONDO

25-26-27 Maggio – Madrid

Per il terzo anno consecutivo avrà luogo nel CSOA La Gatonera (C / Valentín Llaguno, 32) l’Incontro contro il sistema tecno-industriale.

Questo incontro nasce dalla necessità di generare un discorso contro il sistema di dominio in cui abbiamo, questo sistema permea il mondo che ci circonda sotto una logica tecno-scientifica in cui tutto è misurabile, quantificabile e quindi soggetto al controllo. Questo sviluppo si basa sulla sostituzione dei processi naturali per i processi tecnici che sottopongono gli individui, gli animali e l’ecosistema alla mega macchina.
Come anarchici, crediamo che la lotta debba integrare la necessità di proteggere il nostro ambiente e recuperare l’autonomia che questo sistema ci ha tolto.

Durante l’incontro si terranno i seguenti interventi:

– Intelligenza artificiale
– Lotta contro lo sviluppo tecnologico in Inghilterra
– Transumanesimo
– Contro l’ecoestremismo e le tendenze misantropiche

E molto altro …

+ Informazioni presto su: contratodanocividad.espivblogs.net
Per contattare: contratodanocividad@riseup.net

GO AND SPREAD
PER LA LIBERAZIONE TOTALE!

8 Marzo Bergamo – Presidio

VENERDI’ 8 MARZO
Dalle 15.00 alle 20.00  PRESIDIO con materiale informativo e mostra
Piazzale Matteotti (Vedovella) Bergamo


NON SIAMO IN VENDITA
CONTRO L’UTERO IN AFFITTO, LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA E IL SISTEMA CHE LA RENDE NECESSARIA

Di fronte a noi sta prendendo forma uno scenario plasmato nei laboratori  di biotecnologia dove ogni aspetto del vivente è parcellizzato da una  grammatica clinica che riduce il corpo ad un insieme di organi da mettere a frutto. La dimensione scientifica
semplifica la vita a combinazioni di DNA da manipolare e ricombinare al  punto di cancellare il corpo di cui fanno parte.
Al corpo di una donna non si riconosce più un’interezza nella sua  esistenza ma si studiano le possibilità produttive che quest’ultimo può offrire al fine di
riprodurle in laboratorio. Ci si vuole appropriare della capacità procreativa delle donne,
frammentandola, con lo scopo di penetrare questa dimensione, renderla riproducibile e di conseguenza mercificabile. Così la donna è lentamente digerita e il suo corpo sovraesposto al punto di farlo sparire, dimenticare.
Non è più sufficiente parlare di violenza sulle donne unicamente nei  termini in cui lo si è fatto fino ad ora. Certamente le prevaricazioni e  le discriminazioni sono più che mai attuali, ma ora il potere si insinua  direttamente tra le trame del nostro corpo: utero in affitto,  procreazione medicalmente assistita, vendita di ovociti, bambini/e su  commissione, crioconservazione degli embrioni, fecondazione in vitro, manipolazioni genetiche, trapianti di utero sono  solo alcuni esempi.
Nel momento in cui si palesano di fronte a noi queste possibilità,  stiamo già vivendo una realtà in cui tutto questo è possibile,  praticabile e accessibile. Una realtà in cui la donna diventa una “surrogante”, una “fattrice”, una “donatrice di ovociti” a disposizione
del libero mercato.
Sarà possibile, e come, parlare di donne se saremo trasformate in fattrici a pagamento e vettrici della tecno-scienza?
Sarà possibile portare avanti dei percorsi di lotta quando avremo assorbito la più pervasiva delle manifestazioni di dominio, quella che inizia dalla manipolazione microscopica delle nostre esistenze?
Non è certamente una legalizzazione di queste pratiche in difesa dei  diritti delle donne ciò che ci prefiggiamo, ma lotta e opposizione  contro le nuove derive neoliberiste.
Perché non siamo disponibili a utilizzare i nostri corpi come corridoi  in cui si realizza un
potere tecnico e scientifico. Perché non siamo merce e i nostri corpi  non sono in vendita.

Centro di documentazione La Piralide – Bergamo
Via del Galgario 11/13 – Bergamo
avvelenate@anche.no, lapiralide.noblogs.org

Da Trento – IL CUORE OLTRE LE SBARRE

Un testo e un appuntam​ento diffusi a Trento in solidarietà con i compagni arrestati:

IL CUORE OLTRE LE SBARRE

In attesa di un’analisi più approfondita, poche parole.
Un’altra “associazione sovversiva con finalità di terrorismo” (art. 270 bis) più una sfilza di reati contestati (dall’interruzione di pubblico servizio al danneggiamento, dal sabotaggio di apparecchi telematici all’”attentato con finalità di terroriamo”, dall’icendio al trasporto di materiale esplodente). 50 perquisizioni, 150 tra poliziotti e carabinieri mobilitati, intere strade bloccate, irruzione nelle case di agenti col passamontagna e il guibbotto antiprioiettile. E, soprattutto, 7 compagni arrestati. Un’operazione in pompa magna – condotta sia dalla Digos che dal Ros -, con tanto di conferenza stampa dell’”Antiterrorismo” a Roma. E il consueto linciaggio mediatico.
Nessuna sorpresa. Non solo perché è l’ennesimo inchiesta per 270 bis, ma anche perché “fermare gli anarchici” era da settimane il ritornello preferito di questore, prefetto, magistrati, politici e giornalisti.
Qual è il problema per i custodi armati e togati di questo splendido ordine sociale?
Nel placido Trentino-Alto Adige, c’è una presenza anarchica trentennale. Compagne e compagni sono sempre stati presenti in ogni lotta, grande e piccola, contro lo sfruttamento, contro la devastazione del territorio, contro il razzismo di Stato. A fianco delle lotte e dei conflitti di piazza, non è mai mancata l’azione diretta notturna (nelle carte della Procura si elenca, dal 2014 ad oggi, una settantina di attacchi piccoli o grandi contro banche, caserme, ripetitori, mezzi militari, tribunali, sedi di partito). Come fare, dunque, perché la pace sociale continui a regnare sia di giorno che di notte? La ricetta è sempre quella: attribuire ad alcuni anarchici qualche azione (6 su 70…) e sostenere che tutto – dalla scritta sul muro all’attacco incendiario – è pianificato da una fantomatica associazione sovversiva con tanto di ruoli (il leader ideologico, il responsabile del settore logistico, l’incaricata di mantenere i contatti con gli avvocati ecc.), per provare a distribuire così anni di carcere. Più in generale, far fuori i rompiscatole per passare con lo schiacciasassi su ciò che resta delle libertà. Il primo passo è isolare. Per questo le case dei compagni diventano “covi”, l’attitudine testarda di non farsi spiare viene presentata come “qualcosa che ricorda la mafia”, e via dicendo. “Facevano tanto i gentili e i solidali, ma intanto preparavano attentati. Prendete le distanze”.
Come al solito, si tratta di fare tutto il contrario. Continuare le lotte. Non lasciare soli i compagni. Difendere pubblicamente le azioni di cui sono accusati. Rilanciare la solidarietà contro un attacco che vuole anche stritolare rapporti ed affetti.
Non abbiamo risposte semplici. Ma alcune buone domande. Si può cambiare questo stato di cose senza lottare? Si può lottare senza rischiare? Le condizioni per cui valga la pena rischiare matureranno mai da sole? Intanto, che facciamo?
Da più parti si strilla al fascismo per le politiche di Salvini. E poi? Si inorridisce per un botto alla sede della Lega? Avanti. Che ognuno ci metta del suo, perché qualcuno non debba metterci tutto.

Terrorista è lo Stato!
Agnese, Sacha, Poza, Stecco, Nico, Giulio e Rupert liberi subito!

VENERDI’ 22 FEBBRAIO, ORE 18,00 FACOLTA’ DI SOCIOLOGIA (via Verdi, Trento)
ASSEMBLEA PUBBLICA IN SOLIDARIETA’ CON GLI ARRESTATI

anarchiche e anarchici

Incontro a Lecce – 9/10 marzo

Un incontro di due giorni a Lecce dal 9 al 10 marzo 2019.

Per chi avverte l’urgenza di iniziare a riflettere su alcune questioni di fondo: a cosa serve veramente l’Energia? Quali sono i motivi che ci spingono ad opporci al suo sfruttamento? Se il naufragio sociale necessita della continua depredazione del vivente, perché dovremmo tentennare timorosi all’idea di tagliare l’energia a questa civiltà?

Per affrontare pubblicamente tali discussioni abbiamo deciso di prendere questo appuntamento. Non con esperti e scienziati convinti che la fissione dell’atomo sia l’ovvia conseguenza della scoperta del fuoco, o con attivisti che confondono una lotta autonoma con una protesta civica, ma con individui che avvertono anche solo istintivamente che la Megamacchina vada fermata, non riprogrammata, e che non saranno le petizioni a poterlo fare. E poiché non abbiamo lezioni da impartire a platee mute, sentiamo l’esigenza di attizzare preventivamente le scintille del pensiero e della fantasia.

Abbiamo quindi realizzato un opuscolo (che si può qui scaricare nelle due versioni – per la lettura e per la stampa – affinché venga liberamente diffuso) che raccoglie alcuni scritti inerenti una questione che riguarda tutti, con l’auspicio che la loro lettura possa offrire spunti di riflessione (precisazioni, aggiunte, critiche, approfondimenti) in vista dell’incontro.

per contatti: dilucepropria@riseup.net

fonte: https://tiltap.noblogs.org/post/2019/01/27/di-luce-propria/

OPUSCOLO IN PDF per la stampa: energyStampa
copertina opuscolo: 

Atene – Attacco contro la prostituzione

Ad Atene, il 19 dicembre, la notte si è illuminata improvvisamente. A dare tanta luce era la facciata di un palazzo dove in passato venivano rinchiuse donne per essere avviate alla prostituzione. Non erano però le sue sgargianti insegne, ma un incendio che aveva iniziato a propagarsi sulla sua facciata e che già aveva divorato tre lussuose auto dei papponi proprietari della struttura. I proprietari sono due fratelli che dagli anni ’90 imprigionano, ricattano e fanno prostituire donne adulte e ragazzine nei loro club in tutta la Grecia.
Un comunicato a firma Cellula “Sophia Perovskaya” ha rivendicato questa azione riportando il senso di cosa è da intendersi per sfruttamento e su cosa fare per porvi rimedio, senza giri di parole, contro il patriarcato e la prostituzione.

Atene – Grecia: rivendicazione di responsabilità
per l’attacco doloso ai veicoli del magnaccia

Che cosa fa la tana di un magnaccia a Heraklion Avenue, eh?
VA A FUOCO!

All’alba di giovedì 20/12/2018 una spiacevole sorpresa ha travolto tutta la famiglia di Aggelos Giannakopoulos, proprietario dei panifici “Horiatiko” e “Attica Bakeries”, all’appartamento della famiglia situato nell’edificio 29 di Heraklion Avenue ad Ano Patisia. Tre delle macchine della famiglia erano avvolte dalle fiamme, la facciata era danneggiata e le finestre del piano terra erano rotte. Il dormitorio è lo stesso edificio dove, anni fa, i fratelli Giannakopoulos hanno imprigionato, ricattato e costretto alla prostituzione le donne del blocco orientale, nei club di lap dance di loro proprietà, tramite appuntamenti privati, così come in squallidi “bar” in tutta la Grecia.

Storie di polizia…

Nell’estate del 2007, i poliziotti, i pubblici ministeri e gli ispettori del Dipartimento per la criminalità finanziaria hanno fatto irruzione nel suddetto caseggiato. Nella stampa sono trapelate informazioni che Angelos Giannakopoulos è a capo di una rete internazionale di traffici illeciti. I papponi con la sinergia delle agenzie di collocamento nei paesi dell’Europa orientale stavano portando donne, trattenendo le loro credenziali e vendendo i loro corpi ai clienti. Nonostante l’operazione “coordinata”, i due fratelli Giannakopoulos riuscirono a scappare, mentre vennero catturate dozzine di pesci più piccoli, tra cui spicca il nome del poliziotto in pensione Konstantinos Kyrou. I profitti della rete sono stati riciclati in dozzine di panifici e negozi “legali” dei Giannakopoulos e tramite il servizio di una società estera. Inoltre, coloro che sono ricercati sono accusati di traffico di donne minori e adulte, rapimenti, ferimenti, traffico di droga, falsificazione e riciclaggio di denaro. Il prossimo atto del dramma si svolgerà sedici mesi dopo, nel novembre 2008, quando viene condotta una seconda operazione di polizia per le attività di Giannakopoulos, in collaborazione con l’Interpol (così come successe la prima volta).

Lui riesce a fuggire di nuovo nonostante decine di arresti. Durante tutto il periodo di latitanza dalla giustizia e dalle persecuzioni, i panifici aprirono uno dopo l’altro, così come sbocciano le imprese notturne.

… e avventure giudiziarie

Dopo posticipazioni consecutive, nel febbraio 2015 inizia il processo per il primo blitz. La Corte d’Appello a tre membri condanna Angelos Giannakopoulos “a una reclusione di 10 anni e sei mesi, Mihail Kretou a 12 anni e sei mesi di reclusione, Eliostor Igor (cittadino moldavo) a 10 anni e 10 mesi di reclusione, mentre Konstantinos Kyrou è stato condannato a 10 anni “. Pagando un totale di 340.000 € come cauzione, ognuno è libero di continuare i propri affari fino alla Corte d’Appello (che non è ancora arrivata).

Lo scorso novembre (2018), avendo come principale avvocato Babis Lykoudis (coinvolto nei casi Energa – Hellas Power, Tsohatzopoulos e Lavrentiadis) i trafficanti sono processati per il secondo caso e vengono assolti. La rete si era occupata di far cambiare le testimonianze o di eliminare le donne testimoni dell’accusa …

Le preoccupazioni commerciali (conosciute e pubbliche) di A.G.

Giannakopoulos ha partecipato a reti di sfruttamento sin dagli anni ’90. Allo stesso tempo, nel 1999 apre il primo negozio “Horiatiko”, con l’ovvio obiettivo di avere un fronte di riciclaggio di denaro per il suo alto giro d’affari notturno. Fino alla prima operazione di polizia, la sua attività comprendeva dozzine di negozi “Horiatiko”, con K. Kyrou come direttore del personale, diversi club di lap dance (“Star” nel viale di Heraklion e “Alcatraz” nel viale Sygrou sono il più famosi) e uno situato all’estero, a Cipro. Nel periodo che seguì la persecuzione e fino ad ora, oltre ai negozi di proprietà privata “Horiatiko”, sono state aperte molte altre attività, viene fondata la catena di attività “Attica Bakeries” e A.G. diventa uno dei principali attori nel mercato del pane, con il “modello” dei campi di lavoro di 24 ore nei punti centrali di molte città. Allo stesso tempo, apre bar e la compagnia di importazione di caffè “Kimbo”, mentre continua con nuove attività notturne e crediti presso il club “Lohan” di Gazi, così come in locali notturni a Mykonos.

Nipson monan opsin

(Nota del traduttore: dall’antico palindromo greco “Nipson anomēmata mē monan opsin” che significa “Lavare i peccati, non solo la faccia” o “Lavare le mie trasgressioni, non solo la mia faccia”, qui ironicamente parafrasato che significa “Lavare solo la faccia” “)

Ogni gangster che rispetta se stesso, nel suo tempo libero, si maschera con … enti di beneficenza. A.G. finanzia l’organizzazione non governativa “Rete europea greca delle donne” (!) E offre sponsorizzazioni a sindacati e vittime di terremoti o almeno lo afferma nelle aule di tribunale e sul proprio sito aziendale. Inoltre, attira i pettegolezzi pronti e volenterosi mentre passeggia come uno sposo e viene fotografato con politici e star in serate di gala e feste.

Se da una parte per il riciclaggio abbiamo il sistema star-celebrità, allora l’altra parte è lo stato.
Come mafioso, ma anche come datore di lavoro, A.G. non sopravvivrebbe nemmeno per 30 anni senza la tolleranza, la copertura e l’assistenza dello Stato. Dai “fallimenti” della polizia per catturarlo, all’Unità investigativa sulla criminalità finanziaria / Istituto di previdenza sociale / l’ufficio delle imposte che trova corretto il suo numero di partita IVA, tutte le istituzioni di controllo statale e repressive lo mettono in salvo. Sul suo volto vediamo il solito modo degli affari notturni locali, con troppa crudeltà e spavalderia. Tuttavia, lo riconosciamo per la sua immagine di bellimbusto fatto da sé che lo rende speciale nei nostri cuori. È il primo magnaccia, spacciatore di droga ed estorsore che sappiamo che non solo non nasconde, ma ricerca anche preminenza e pubblicità.

Donne bruciate sul rogo

Le donne migranti tenute in cattività di A.G. e la sua mafia sono la punta dell’iceberg in una società patriarcale, dove le donne devono essere sottomesse all’uomo, al marito, al padre, al fidanzato, al fratello, al cliente, al trafficante e al cliente che richiede sesso. I recenti omicidi di Helen a Rodi e Aggeliki a Corfù rappresentano questa condizione. Con la stessa facilità con cui la società greca punta il dito e condanna gli assassini, strizza l’occhio alle condizioni che producono gli stupratori della porta accanto. La violenza patriarcale, dovuta alla classe, al sesso, alla razza, alla sessualità, all’età e ad ogni tipo di violenza esercitata dagli autoritari non finisce nella punizione, ma va oltre: si esemplifica, inviando un messaggio a tutte le donne “invitandole” a rimanere in silenzio, obbedienti, “normali”; in questo modo potrebbero non essere le prossime vittime.

Questa violenza è onnipresente nella realtà quotidiana. Dagli sguardi che spogliano, dai commenti sessisti e le molestie per strada, dalle aggressioni sessuali sul lavoro, fino agli stupri, agli assalti e agli omicidi, il patriarcato apre ferite sui nostri corpi e sulle nostre esistenze, li delimita con ideologie, istituzioni e meccanismi. La morale cristiana definisce la donna come inferiore all’uomo, e stigmatizza ogni donna che devia dallo standard di buona cristiana come un ipocrita, subdola, ingannevole, bugiarda, sporca. D’altra parte, lo stile di vita riduce la femminilità a un’immagine raffinata e lucida, sempre su scala maschile. Allo stesso tempo, il capitale lega le donne alle catene di produzione, mentre la famiglia impone il ruolo esclusivo della maternità, della procreazione e delle faccende domestiche.

Immigrate bruciati sul rogo

Dopo la crisi economica e sociale nell’Europa orientale, il capitale “illegale” ha creato reti di traffico anche attraverso uffici di collocamento e rapimenti. Da Atene ai villaggi più lontani delle province greche, ci siamo riempiti di bar malandati, dove donne dell’Europa orientale vengono prostituite come schiave di trafficanti e per i clienti, vivendo lo sfruttamento di prima mano e il biopotere maschile.

Dall’altra parte della medaglia, le restanti donne immigrate si prendono cura della borghesia media e piccola del luogo, fanno da babysitter ai bambini, puliscono le case e si prendono cura degli anziani. E oltre alla decadenza patriarcale quotidiana, le donne migranti stanno vivendo sulla propria pelle nazionalismo, razzismo e xenofobia, così la donna russa viene identificata come una prostituta, l’albanese come una addetta alle pulizie, e la bulgara come domestica.

Trasformare la notte più lunga in giorno

Gli andirivieni della famiglia di Giannakopoulos ci avevano fatto rimanere fuori fino a tardi. Così, a tarda notte tra il 19 e il 20 dicembre, siamo andati nell’ex buco infernale di Heraklion Avenue, abbiamo lasciato tre semplici dispositivi incendiari (candele, benzina, nastro adesivo) su alcuni dei loro veicoli, li abbiamo incendiati e loro hanno acceso la notte.

Per ogni Natascia, Olga, Maria.
Per tutti/e.

NON UN MILLIMETRO DI TERRA PER PAPPONI E STUPRATORI.
IL PERCORSO DELLA LIBERTÀ PASSERA SU DI VOI!
ATTACCO ALLE STRUTTURE LEGALI ED ILLEGALI DEL CAPITALE

Cellula “Sophia Perovskaya”, gennaio 2019

Tradotto/rivisitato da Dino

versione in inglese

Francia – Alle fiamme turbina eolica

A Limouzinière (Loire-Atlantique) nella notte fra mercoledì e giovedì 3 gennaio 2019, verso mezzanotte, il motore di una turbina eolica industriale è stato distrutto da un incendio. La navicella a 80 metri da terra ha preso fuoco, ma non è stato l’unico elemento colpito: anche le pale della turbina eolica così come la parte appena sotto la navicella sono state avvolte dalle fiamme. «Possiamo già dire che i danni ammontano a diverse centinaia di migliaia di euro», ha valutato il vice direttore generale di Engie Green, che gestisce tre delle sei turbine del sito.
Le turbine eoliche industriali sono in genere dotate di sistemi di allarme a distanza. Engie Green, che ne gestisce 750 in tutto il paese, ha situato a Châlons-en-Champagne il suo centro di monitoraggio a distanza, il quale riceve di continuo «tutti i dati e tutti gli allarmi» (24 ore su 24, 7 giorni su 7). Tra l’inizio di un incendio e l’attivazione dell’allarme, esiste per fortuna un ritardo di diverse decine di lunghi minuti — il tempo che il fuoco compia la sua opera e la turbina eolica si fermi — e ad esempio, nel caso di Limouzinière, sono stati i residenti ad avvertire i pompieri.
Se per il momento le autorità, per non dare cattive idee, hanno classificato come «sconosciute» ed «oscure» le cause di questa distruzione incendiaria, si può rimarcare comunque che secondo il database istituzionale Aria ci sono stati finora solo 18 casi di incendi dal 2003 su oltre 10.000 turbine eoliche installate fino ad oggi in Francia. Ad eccezione dei fulmini da cui sono protette o delle tempeste, per la maggior parte sono stati «atti dolosi» a privare questo mondo dell’essenza di cui ha disperatamente bisogno. A meno di credere nel miracolo della combustione spontanea o di pensare che una turbina eolica possa suicidarsi, e tra l’altro proprio verso mezzanotte…
Il giorno dopo in un posto chiamato Rouvray, a Lanouée vicino a Ploërmel (Morbihan), nella notte da giovedì a venerdì 4 gennaio 2019, verso l’1 del mattino, questa volta è andato in fumo il trasformatore elettrico da 20.000 volt appartenente alla compagnia Steag New energia e situato in un campo di 4 turbine eoliche. «La porta dell’edificio è stata scardinata ed è scoppiato un incendio all’interno causando danni», secondo il giornale locale, causando l’arresto totale di tutte le turbine eoliche. Ancora una volta l’incendio viene definito «sospetto», in modo da non dare cattive idee su come privare questo mondo dell’elemento di cui ha disperatamente bisogno. Certamente il secondo curioso fenomeno di combustione spontanea o di suicidio di turbine eoliche in meno di 24 ore, e già che ci siamo verso l’una del mattino…
In questo inizio del nuovo anno 2019, con questi due piccoli calorosi miracoli di origine «sospetta» e «sconosciuta», la parte occidentale del paese ci tiene decisamente a giocarsi con fervore la sua reputazione di terra storica del cattolicesimo. A meno di fidarsi di un famoso filosofo di origine tedesca, il quale all’annuncio di questa buona notizia avrebbe dichiarato laconicamente: «Umano, troppo umano». Secondo i portavoce del potere, ovviamente…

fonte: tiltap.noblogs.org